peripatetici di Eloro Lascia una tua riflessione | Amministrazione
Giovedì, 21 Febbraio 2019 05:36
Grazie per aver visitato questo spazio dedicato ai PERIPATETICI DI ELORO. Qui puoi lasciare la tua riflessione.
Record totali: 14   Record per Pagina: 5   Pag. successiva
Nome Riflessioni con eventuali Commenti
14) Paolo Pantano  Maschio
paolopantano@simail.it
Località:
-
IP loggato Mozilla/5.0 (Macintosh; U; Intel Mac OS X 10.4; it; rv:1.9.1.2) Gecko/20090729 Firefox/3.5.2
Martedì, 8 Settembre 2009 22:51 Host: 93-46-29-88.ip105.fastwebnet.it Scrivi un commento Invia una E-mail

Per I Peripatetici,
Per Avola in laboratorio


Il 20 novembre Ŕ il ventesimo anniversario della morte di Leonardo Sciascia. Credo sia opportuno organizzare unÝiniziativa che ricordi il grande messaggio di libertÓ che ci ha lasciato. Era infatti un uomo libero, un intellettuale e scrittore che ha fatto dellÝ autonomia, della libertÓ di coscienza e dell'autodeterminazione, una bandiera. A volte non abbiamo condiviso le Sue opinioni (a volte le ho personalmente combattute, mi riferisco, per esempio, alla Sua espressione nÚ con lo Stato, nÚ con le Brigate Rosse), ma non si pu˛ negare che esse erano frutto di libero pensiero e per questo vanno rispettate.
Sulla Sua tomba volle scolpito la frase ''ce ne ricorderemo di questo pianeta'' e parafrasando questo epitaffio ho redatto queste brevi considerazioni.


Il senso dell'epitaffio per la veritÓ lascia spazio a molte interpretazioni, ma Leonardo Sciascia non ha usato la parola 'mondo' o 'societÓ', ma 'pianeta' quasi a porne in evidenza la fisicitÓ. Lo scrittore nella terminologia era molto preciso ed attento ('le parole sono pietre'), non le ha mai usate casualmente.
Sciascia, inoltre, era un anticonformista e faceva riferimento all'anticonformista Longanesi ferocemente critico della societç consumistica governata dalle imposture ideologiche.

Anche noi oggi, come fece Sciascia, dobbiamo leggere quello che sta avvenendo e poi ricordare. Se, infatti, contestualizziamo la frase, ci┌ che avviene oggi nel mondo spesso ci inorridisce, la realtç supera la fantasia horror. Come un vento catabatico gli avvenimenti trascinano verso gi? lÝanima del mondo e la natura che ci circonda. Si compie ogni giorno nel canale di Sicilia la tragedia dei profughi, sfollati, esiliati, rifugiati e migranti; torture vengono inflitte a bambini, donne, uomini ed animali in varie parti del mondo; devastazioni ambientali imperversano sempre pi? intense e numerose; il degrado delle coscienze ed i falsi valori ammorbano la societç. LÝ ossessione manichea, dogmatica e, questa s¤, ideologica dei fautori della crescita ad ogni costo e lÝidolatria del P.I.L. e quindi consumismo esasperato, individualismo, affarismo ed edonismo (per cui molti ragazzi di oggi aspirano a fare i calciatori e le ragazze, le veline ) immolano sullÝ altare i valori della sobrietç e della solidarietç; la mistica e la frenesia del paradigma pi? crescita-pi? occupazione-pi? consumi diventa la religione fideistica del ýpensiero unicoţ.


Infine, con questo epitaffio, non credo sia stato, solo, unÝintenzione di ýlasciar memoriaţ della propria esistenza. Sciascia pur essendo un pessimista (Palermo ╦ irredimibile), in questo caso non ╦ ýdefinitivamenteţ pessimista, infatti, il pianeta si pu┌ ricordare se vi ╦ ancora vita, e ýnonostante tuttoţ, dunque, bisogna avere attenzione per questa terra, per questo pianeta e bisogna operare affinch╚ il lavoro fatto sia stato utile; per cui ogni nostro atto deve essere compiuto nella nostra vita pensando a cosa comporterç per il futuro.

Paolo Pantano
13) Paolo Pantano  Maschio
paolopantano@simail.it
Località:
Noto-Avola
IP loggato Mozilla/5.0 (Macintosh; U; Intel Mac OS X 10.4; it; rv:1.9.0.6) Gecko/2009011912 Firefox/3.0.6
Sabato, 21 Febbraio 2009 15:47 Host: 89-97-35-72.ip15.fastwebnet.it Scrivi un commento Invia una E-mail

Equilibrio dell'universo e origine della vita
Recentemente ho assistito ad una conferenza in cui si parlava del ''mistero'' dell'equilibrio dell'universo (delle stelle, dei pianeti) e del ''mistero'' dell'origine della vita.
Ma quale mistero, dicevo tra me, come se non ci fosse stato Newton (con la sua teoria della gravitazione) ed Einstein (che definý il rapporto tra massa, energia).
Il 15 febbraio 1564 nacque Galileo e questo ╦ il bicentenario della nascita di Charles Darwin (nacque il 12 febbr. 1809). Due altri grandi scienziati che contribuirono a ''svelare'' il mistero, uno dell'origine dell'universo e l'altro dell'origine della vita.
Vi Ŕ oggi un grande dibattito in occasione del bicentenario della nascita di Darwin su evoluzionismo e creazionismo. Mi chiedo e Vi chiedo:
Vi ╦ contraddizione tra ci˛ che Ŕ stato creato e che nel tempo si Ŕ evoluto? Se consideriamo la creazione un atto dinamico, in divenire, come d'altronde Ŕ l'evoluzione, non mi pare che vi sia conflitto.
Gli evoluzionisti ritengono che vi Ŕ stato un momento iniziale, ma Ŕ la stessa cosa che pensano i creazionisti.
D'altronde l'opera d'arte non nasce dal nulla, ma da una cultura, sensibilitÓ, da un gusto, da un intuito, da un momento creativo che si evolve. E la Natura (per i laici) o il Creato (per i credenti) non Ŕ un'immensa opera d'arte?
Che ne pensate?
Paolo Pantano
12) Paolo Pantano  Maschio
paolopantano@simail.it
Località:
Avola - Noto
IP loggato Mozilla/5.0 (Macintosh; U; Intel Mac OS X 10.4; it; rv:1.9.0.5) Gecko/2008120121 Firefox/3.0.5
Giovedì, 22 Gennaio 2009 22:41 Host: 89-97-35-72.ip15.fastwebnet.it Scrivi un commento Invia una E-mail

Le idee dovrebbero resistere nel tempo
Anche se dopo un poÝ di... tempo, vorrei, dopo aver riflettuto, ritornare a parlare di ...spazio e di tempo. Non consumiamo e buttiamo, come facciamo spesso con gli oggetti che non servono pi¨, il tema dell'ultimo incontro dei Peripatetici di Eloro, considerandolo come superato. Le idee dovrebbero resistere nel tempo.
Durante la passeggiata ripresi un concetto di Norberto Bobbio sulla 'speranza'. Egli affermava che essa ha una valenza teologica, io aggiungo che pu˛ avere - addirittura ha - una valenza escatologica (si pu˛ riferire al destino ultimo dell'uomo e conseguentemente pu˛ 'legittimare' il fato o il destino crudele). Meglio parlare di ricerca, analisi, approfondimento, razionalitÓ, impegno per cambiare la corsa folle della distruzione degli ecosistemi e delle disuguaglianze che ne vengono scaturite. Affrontarne le cause e non gli effetti piangendone le conseguenze con il vittimismo.
Provocatoriamente aboliamo la parola speranza. Essa spesso ottunde la concretezza delle azioni.
E' 'tempo' di guardare in faccia la realtÓ, non di trincerarsi sull'intimismo o nel privato o sulla vana aspettativa della speranza, ma evitare le illusioni. Lo spazio si conquista giorno per giorno ...nessuno lo regala.
''Il futuro della nostra Terra dipende da ognuno di noi e dai nostri comportamenti di oggi''. (William McDonough, biologo autore di ''Cradle to Cradle'').

Paolo Pantano
11) Nino Muccio  Maschio
muccio.nino@alice.it
Località:
Avola
IP loggato Mozilla/5.0 (Macintosh; U; Intel Mac OS X 10.4; it; rv:1.9.0.5) Gecko/2008120121 Firefox/3.0.5 Visita la pagina Web 
Mercoledì, 14 Gennaio 2009 23:35 Host: 89-97-35-72.ip15.fastwebnet.it Scrivi un commento Invia una E-mail

Gli abitatori del nulla

Sullo sfondo dello spazio e del tempo, l'esperienza del divenire Ŕ intenzionale poichÚ ne va della coscienza di chi allo spazio e al tempo non saprebbe rinunciare.
L'intenzione Ŕ del soggetto; il soggetto Ŕ coscienza: coscienza d'esser soggetto.
La coscienza Ŕ padronanza di sÚ, Ŕ l'esser padroni di se stessi: padroni in casa propria.
Dominatori di quel luogo, dunque dominatori dello spazio e del tempo.
Dunque la coscienza ci rende padroni di noi stessi nello spazio e nel tempo che ha saputo immaginare.
La coscienza non Ŕ il pensiero: Ŕ altro dal pensiero.
Ci˛ che la coscienza immagina Ŕ diverso da quel che il pensiero pensa.
Il pensiero pensa in grande.
La coscienza pensa in piccolo.
Il poco della coscienza Ŕ la grandezza del soggetto.
La smisuratezza del pensiero Ŕ miseria umana.
Pensata da un pensiero smisurato Ŕ la miseria di ogni uomo.
Nella smisuratezza del pensiero Ŕ perduto il soggetto.
Nel mare infinito del pensiero il soggetto perduto Ŕ l'uomo senza dimora.

continua
10) Antonino Muccio  Maschio
Località:
Avola
IP loggato Mozilla/5.0 (Macintosh; U; Intel Mac OS X; it; rv:1.8.1.11) Gecko/20071127 Firefox/2.0.0.11
Sabato, 29 Dicembre 2007 00:06 IP: 151.53.158.80 Scrivi un commento

Leggere e scrivere
Leggere poeti e scrivere poesie: istruzioni per lÝuso.


'Theoria' Ŕ insulso gioco
se Calliope turbata
ha in uggia stile fioco.

Sta ninfetta accantucciata.
Non hai voglia neanche un poco
di metafora stuprata.

E dond'arde inutil foco
Ŕ prosodia stremata
se l'epigono pi¨ roco

fa l'elegia reclinata.
Acque chiare e fresche poco:
pure Urania s'Ŕ offuscata

nel pensiero del bizzoco.
Oh madonna sii laudata!
In aulente e ameno loco

piange Tersicore svenata
o l'idillio Ŕ solo gioco
per dama pia risuscitata?

Quando la rima invero
fa la musa dissente
affiora un guardar nero

pel dire inconcludente
di un essere insincero
cioŔ d'un suo far dolente.

Gran giudice severo
dall'alito pi¨ possente
cui pi¨ non pare vero

se a un tavolo cadente
d'un lupanare austero
anche chi pi¨ si pente

dice di sÚ: 'Io c'ero'.
O: 'Di affogar la mente
posso sperar davvero'.

In un eremo indecente
gli epigrammi del pensiero
il pinzochero li sente?

Dove pi¨ luce splende
ti fa sembrare vera
la gloria che rapprende

colui che non dispera
se il sole non s'accende
e lo ghermisce la sera:

la sera che si vende
alla pietÓ pi¨ nera
di colui che giÓ l'intende

quell'arte pi¨ severa,
la sola che comprende
la genialitÓ pi¨ vera.

L'estro che non offende
in quell'orrida bufera
in cui tutto si prende

con troppa mano leggera
e con la rima accende
l'anima tutta intera.

Antonino Muccio
Avola 28-12- 07
tag HTML abilitati   Pag. successiva
Powered by Lazarus Guestbook from carbonize.co.uk