Benvenuti sul sito della Libreria Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola per informazioni benvenuti sul sito della Librerai Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola. Acquista Offerte del mese Novità del mese
Corso Garibaldi 41 96012 AVOLA (SR) ITALIA
per informazioni benvenuti sul sito della Librerai Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola. Acquista Offerte del mese Novità del mese sito internet http://www.libreriaeditriceurso.com
dal 1975 un angolo di cultura ad Avola
FacebookMyspaceYouTube
Tutto per Santiago de CompostelaOrkutUrso
info@libreriaeditriceurso.com

acquistaModulo acquisti on line

Da: Libreria Editrice Urso - Avola <info@libreriaeditriceurso.com>
Data: Giovedì, 27 luglio 2000 1:03
Oggetto: mailing list per Avola e noto chiamano i Bambini di Chernobyl

Chernobyl

S'io potessi,
portar mi vorrei
sulle cime dei monti,
per urlare, urlare,
urlare alle genti
l'eterno rancore
di rabbie perenni,
la folle follia
delle umane menti,
che correndo correndo
anche oltre sorgenti
e inventando inventando
di morte strumenti,
oggetti appaganti
piaceri contingenti,
han dispensato veleni,
nevrosi, incoscienze
e schiavismi:
rigetto di sentimenti.
E tu
Uomo
che sogni,
che pensi,
che senti,
se pur ami,
risparmia il flagello
ai morenti.
Quante Chernobyl permanenti!

(GIOVANNI STELLA, Datteri verdi, Libreria Editrice Urso, Avola 1991, p. 36)

Secondo una ricerca dell'Ente Nazionale Energie Alternative (ENEA) un mese di permanenza in zone non contaminate può ridurre dal trenta al cinquanta per cento la radioattività assorbita da una persona. Secondo questa logica in parecchie città italiane ed europee con esclusivo spirito di solidarietà vengono ospitati miglia di bambini (circa 25.000 in tutto) provenienti dalla zona di Chernobyl (dalla Biolorussia e dalla Ucraina). Le famiglie coinvolte in questa esperienza per il progetto 2000 sono:

ad Avola - Argentino Paolo, Bianca Franco, Campisi Sebastiano, Gambuzza Salvatore, Gambuzza Sebastiano, Ignogna Sebastiano, Parisi Orazio, Sangregorio Gaetano e Urso Francesco;

a Noto - Caristia Salvatore, Casto Corrado, Corridore Salvatore, Ferla Salvatore, Frendo Maria, Guarrasi Federico, Lo Giudice Aldo, Mazzone Giovanni, Morale Corrado, Rotini Piero, Salerno Vittorio, Stracquadanio Rosario, Tafaro Giuseppe, Tringali Salvatore e Tropiano Lucio.

IL 3 LUGLIO 2000
SONO ARRIVATI I BAMBINI DI CHERNOBYL

Ad Avola e a Noto ospitati da ventiquattro generose famiglie di Noto e di Avola e il nostro pensiero va
alla prima esperienza del progetto di solidarietà del 1996 Avola chiama i bambini di Chernobyl.
In quell'occasione riuscimmo a far scrivere dodici famiglie su quell'esperienza e fu pubblicato il nostro Quaderno dell'Orso N.2.
E' sempre molto emozionante leggere parti di questo quaderno, in vendita ancora da noi a L. 8.000 a copia
(che riusciamo a venderlo, oppure no, non è un fatto importante né facciamo questo solo per il suo aspetto commerciale;
ci dispiace, invece, che i tanti non sappiano, o non riescano a leggere le emozioni provate sul campo dalle famiglie ospitanti
e quant'altro ancora indicibile e non facilmente comunicabile e tutto questo non per puro esercizio letterario,
come accade di solito). Il ricordo va necessariamente poi al nostro Roman, a Dimitrij, a Ruslan, a Pavel, a Misa, a Sascia e agli altri bambini
che non vedremo forse mai più (ma che ci ricorderanno, senza dubbio...) a Liena e Julia e agli altri che ritornano,
e, soprattutto, a Evgenij di Iano Molisina, che non tornerà più perché vittima di un grave incidente mortale.

********

Così scriveva, allora, la famiglia Molisina...a pagina 47, 48 e 49 del Quaderno dell'Orso N. 2

Quello che è accaduto quest'anno nel mese di luglio, a me e alla mia famiglia, è qualcosa di veramente indescrivibile e, per quanto mi sia difficile esprimere in parole le mie emozioni, tenterò ugualmente di rendervi partecipi della mia esperienza. Tutto cominciò quando mia figlia Annamaria portò da scuola la notizia che si cercavano delle famiglie disposte ad ospitare per un mese bambini provenienti dalla Bielorussia (Chernobyl) per motivi di salute. In famiglia abbiamo accolto con gioia la notizia e ci siamo resi subito disponibili, spinti dalla voglia di fare del bene al prossimo. Abbiamo fatto i primi passi riempiendo dei moduli. Da quel momento in poi la nostra vita è cambiata: in famiglia ci chiedevamo come affrontare il problema della lingua, dell'alimentazione, del clima, del carattere, ecc.. lniziammo col prendere parte a delle riunioni organizzate dalla M.A.S.C.I., durante le quali abbiamo appreso che i bambini in questione avevano tutti dei problemi, sia familiari, che di salute. I giorni dell'attesa, che sembravano non passare mai, sono stati vissuti da noi tutti tra la curiosità della nuova esperienza e l'analisi degli eventuali problemi che si sarebbero potuti verificare. Il 5 Luglio, finalmente, fummo invitati all'Oasi di S. Francesco per accogliere i bambini.
L'attesa fu molto lunga, ma ne valse la pena. I bambini arrivarono alle 12,30 di notte. Le famiglie furono chiamate una alla volta in una stanza, dove l'interprete le presentava il bambino assegnatole. Quando fummo chiamati io e la mia famiglia, la vista del bellissimo bimbo con una rosa in mano mi commosse tanto, che mi scapparono le lacrime. L'interprete ci parlò del bambino e ci disse che i suoi genitori erano separati e lui viveva con il padre. Quando abbiamo portato Evgenij a casa, egli si guardava intorno, osservava tutto con stupore, come se fosse stato in un altro pianeta. Dopo gli abbiamo fatto vedere la sua cameretta, dove ha sistemato le sue cose. Quella sera ricordo che è stato sveglio fino a tardi a guardare la televisione. L'indomani è uscito con mia moglie a comprare dei vestiti, che ha scelto lui personalmente. I primi giorni sono stati stupendi: ha subito socializzato con i miei figli, i vicini di casa, mio genero ed alcune bambine. Era come se mi fosse nato un altro figlio. Seguivamo Evgenij in ogni momento della giornata. Cercavamo di fare il più possibile per lui e più pensavamo alla sua situazione in Bielorussia, più volevamo soddisfarlo in tutto. Ogni giorno imparava qualche parola nuova di italiano. Andava molto d'accordo con gli altri bambini e si faceva capire subito. Di mattina spesso andavamo al mare o facevamo delle passeggiate con la bicicletta. Per quanto riguardava il cibo, mangiava di tutto e in abbondanza: quando è arrivato, pesava quarantasette kg ed era bianco come il latte; quando è partito, pesava cinquantuno kg ed era abbronzato. La sera, prima di andare a letto, si puliva i denti e leggeva delle preghiere. Era un bambino che si faceva voler bene da tutti: educato, un po' timido, ma molto allegro.
I proverbi non si smentiscono: "Le cose buone durano poco"; e purtroppo il mese di soggiorno per Evgenij è passato senza rendercene conto, il mese è volato via e senza possibilità di rinviare la partenza venne il giorno che avrei desiderato non arrivasse mai.
Alla vigilia, come in altre occasioni, abbiamo fatto delle foto con dei vicini di casa, con i bambini che erano diventati suoi amici e con i miei parenti. Il 6 agosto, giorno della partenza, data che non scorderò mai finché vivrò, giorno dell'addio, ma per il mio cuore è solo un arrivederci. A salutarlo sono venuti tutti i vicini di casa. Piangevano tutti, soprattutto Evgenij. Non è voluto mancare al saluto nemmeno un marocchino, uno di quei tanti "vo' cumprà" che abitualmente girano nel nostro rione, che per l'occasione gli regalò un capo di abbigliamento; quel gesto commosse tutti i presenti.
Mentre sto scrivendo, ripenso al mese di luglio, alla partenza e piango. Degli ultimi momenti del soggiorno, non voglio prolungarmi tanto, perché le lacrime e la commozione si impossessano di me e non riesco a scrivere.
Ameremo per tutta la vita Evgenij.

La famiglia Molisina

*********

 

I QUADERNI DELL’ORSO - Opuscoli e libri sui dibattiti più importanti e sugli eventi che hanno animato gruppi diversi operanti ad Avola; testimonianza di una società con molti fermenti e in evoluzione verso livelli superiori di coscienza civile, documentano la sua inquietudine e il forte desiderio di consapevolezza dei suoi componenti e, anche, la speranza di contare meglio e di più. La figura dell'Orso ne osserva gli sviluppi.

1) Avola in laboratorio Il caso Gallo quarant’anni dopo 1997, 8°, pp. 52, ill., 3,00

2) Masci-Agesci-Caritas, Avola chiama i bambini di Chernobyl, 1998, 8°, pp. 84, ill., 4,50

3)Avola in laboratorio, Legalità e trasparenza negli EE.LL. (a cura S. Bianca), 1999, 8°, pp. 153, 9,00

 

Chi fosse interessato all'acquisto dei tre quaderni, o di qualcuno di essi,
può farci un ordine tramite posta servendosi della nostra e-mail info@libreriaeditriceurso.com

Welcome | Poesia Araba Fenice | Mneme | Iconografica | I quaderni dell'Orso | Fuori collana |
Recuperata |
| Catalogo |Novità Edizioni Urso | Offerte del mese | Acquista | Iscriviti alla nostra Mailing List

"Libreria Editrice Urso"
e-mail info@libreriaeditriceurso.com

Urso-Avola

 

SEGNALA il nostro sito

il nostro sito

 

Torna su...