Login

Benvenuto! Effettua l'accesso oppure registrati.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.

Seleziona la lingua:

Rubriche



* Libri e Guide

Sono stati online: 1

* Grafica

*

Autore Topic: turisti e pellegrini  (Letto 7519 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline immacolata

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 58
  • Ringraziamenti: +2/-2
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Ponti di luce
turisti e pellegrini
« il: 09 Luglio 2010, 07:50 »
TURISTI E PELLEGRINI
Il giudizio
Sul cammino ho imparato innumerevoli lezioni, tutte le belle parole che tanto volte avevo letto o ascoltato e che mi erano sembrate “solo belle parole” qui diventano reali: le ho sentite nel mio cuore e sperimentate sulla mia propria pelle.
Ho ricevuto innumerevoli insegnamenti, e perché si imprimessero profondamente nel mio cuore ognuno mi è stato ripetuto in molti momenti, in molti incontri. Ogni lezione, ogni incontro mi ha permesso di apprendere un po’ più a fondo e di cominciare a capire quanto ancora mi manchi per imparare del tutto.
Delle molte lezioni apprese in questa straordinaria esperienza vorrei raccontare di quella ricevuta sulla mia mai guarita “tendenza” al giudizio.
Vorrei parlarne perché per me è stata una lezione bella e utile e perché mi sembra che sia una lezione difficile da imparare non solo per me ma per molti uomini e donne e quindi forse ascoltare la mia storia potrà aiutare un po’ anche te che stai leggendo.
Anche se naturalmente sia io che tu riprenderemo a giudicare circa 10 secondi dopo io l’aver scritto e tu l’aver letto.
Che possiamo farci? Siamo umani.
Ma siccome la differenza tra chi intraprende un “cammino” e chi no, non sta nella maggiore “perfezione”, ma nell’intento e nella maggior consapevolezza, almeno ci proviamo, no? E magari se riusciamo a ridere dei nostri fallimenti riusciamo anche ad essere meno giudicanti verso le defajance degli altri.
Beh, ti racconto la mia storia: spero ti piacerà.

Il mio primo cammino
Quando nel 2006 sono partita da Saint Jean per il mio primo cammino ero piena di pregiudizi: pensavo ad esempio che l’unico modo “vero” di fare il cammino fosse di farlo tutto, e da soli. Avevo aspettato tre anni per riuscire ad organizzarmi in modo da avere quaranta giorni liberi e partivo, da sola con grandi aspettative e molti timori.
Il primo cammino come accade a molti è stato uno shock, un ribaltamento totale della mia percezione della realtà. Giorno per giorno, minuto per minuto apprendevo lezioni su ogni aspetto della realtà. E una lezione che ho cominciato ad apprendere sin dai primi giorni è stata “il cammino è personale: non ha nessun senso giudicare la validità del cammino di un altro”.
Sul cammino ogni pellegrino parte ad un’ora diversa, ci sono pellegrini che partono alle 5 e magari dopo un po’ si fermano per una lunga colazione cosicché chi è partito dopo li supera; ogni pellegrino ha la sua velocità diversa nei diversi tratti di percorso: così ti capita di superare pellegrini in discesa e due ore dopo essere da essi superato in un tratto in salita. Ogni giorno è un giorno diverso: un giorno ti senti un leone e le gambe non sono mai stanche di andare e cammini 40 km distanziando tutti quelli che hai conosciuto e il giorno dopo o dopo una settimana sei soprafatto dalla stanchezza o dalle emozioni e ti fermi dopo 10 km perché proprio non puoi andare oltre…
Sul cammino è così e dopo un po’ ti rendi conto che non ha senso giudicare migliore o peggiore di te chi si alza prima o più tardi, chi fa più o meno km, chi è più veloce o più lento. Ognuno ha il suo cammino e la sua modalità e tu vedi il suo cammino di un istante e non puoi per nulla sapere cosa c’è prima o dopo. Così impari a non giudicare il cammino degli altri né il tuo, ma solo andare, giorno per giorno al meglio che puoi e giorno per giorno aiutare gli altri, se puoi, a percorrere il tratto quotidiano.
Una lezione difficile da apprendere fino in fondo: l’astenersi dal giudizio è davvero difficile. Continuiamo, nonostante le lezioni che il cammino e la vita ci danno, a guardare gli altri attraverso i nostri occhi, la nostra storia e a giudicare i loro comportamenti le loro azioni, come fossero nostre. Ma che sappiamo noi degli altri? Della loro storia prima dell’incontro con noi, della loro storia futura, dei loro pensieri….
Nulla..
Pure emettiamo giudizi più o meno lapidari, io lo facevo, spesso ancora lo faccio.

Nel mio primo cammino ho incontrato molte persone che facevano il cammino in più anni, non potendo avere un mese intero di vacanza avevano cominciato da Saint Jean e andavano avanti fin dove potevano completando il cammino in 2, 3, 4 anni. Cominciavo a rendermi conto che il mio modo (dall’inizio alla fine) poteva non essere l’unico valido. Cominciavo a pensare che compiere il cammino in più tappe era un modo per stare sul cammino per diversi anni di seguito. Tornare a casa nel proprio quotidiano con una parte di mente sulla via in attesa di un altro momento in cui percorrere altri chilometri e avvicinarsi ancora un po’ alla meta, a Santiago. Era un modo diverso, ma di certo non meno valido.
Di certo camminare oltre un mese di fila permette un distacco dal quotidiano e un immergersi nell’attimo presente che governa il cammino che è forse impossibile ottenere in una settimana. Tuttavia un cammino che dura tre o quattro anni può raggiungere una profondità e regalare una consapevolezza che forse in un unico cammino intero non è possibile ottenere.

Ho anche conosciuto pellegrini che facevano il cammino in coppia, o madri o padri con un figlio, famiglie, gruppi di amici. E sempre più mi rendevo conto che anche queste esperienze, permettevano un cammino diverso ma di certo non meno valido del mio.
Anche a questo riguardo ho rivisto i miei pregiudizi. Certo in un cammino solitario si imparano lezioni che è difficile imparare se si è accompagnati da chi ci ama: la percezione che nessuno è mai solo ad esempio ha un significato diverso se si parte già con altri.
Tuttavia che esperienza profonda per la relazione…come poteva riuscirne trasformato il legame di coppia o il rapporto di amicizia da un cammino condiviso. E quanto la relazione genitore figlio poteva arricchirsi.

Mi sembrava dopo il cammino dell’anno passato di aver superato i miei sciocchi pregiudizi e di ripartire libera dal giudizio degli altri pronta a vivere il mio cammino individuale condividendo gioia ed esperienze con tutti quelli che avrei incontrato, pensando che un pellegrino è un pellegrino, e ognuno sceglie il suo cammino…
Però….però…
Però mentre partivo, tutta orgogliosa della mia “apertura” verso modalità di fare il cammino diverse dalla mia, avevo ben chiara una cosa: i pellegrini son tutti pellegrini e il loro cammino è da rispettare…tutt’altra cosa i “turisti”.

Il mio secondo cammino
Nel 2007, condivido buona parte del mio secondo cammino con un uomo spagnolo, Antonio, che con le sue domande, espresse sempre con curiosità e mai con toni sarcastici o aggressivi, mi spinge continuamente ad interrogarmi, a mettere in dubbio le mie opinioni e le mie certezze, a guardare le cose da punti di vista nuovi.
Un giorno incontriamo una pellegrina che è partita da Astorga per fare l’ultimo tratto di cammino e completarlo. Dopo una piacevole ed intensa serata mi dice: come sono felice di averti incontrato, temevo che da Astorga in poi ci fossero solo “turisti”, il clima è del tutto diverso dai miei primi due cammini…
Concordo con lei, più ci si avvicina a Santiago e più il rapporto turisti/pellegrini varia a favore dei primi. Andiamo avanti a parlare su questo tono così per un po’…
E il giorno dopo, Antonio mi chiede nel suo modo gentile e curioso, “ieri ascoltavo te e Purez parlare di pellegrini e turisti, ma cosa intendi per turisti? Chi sono i turisti?”
Non ho dubbi in proposito e così con la mia presunzione da pellegrina “esperta” rispondo:
è ben chiaro chi sono i turisti! Perdinci! I turisti sono quelli che saltano pezzi di cammino facendoli in pullman, quelli che si fanno portare lo zaino dai taxi, quelli che fanno solo pochi km, quelli che partono da Sarria per farsi solo 4 giorni e 100 km tanto per avere la Compostela!!!

Ma Antonio è diventato il mio “maestro speciale” in questo cammino, così continuo a pensare alla sua domanda.

i pellegrini non saltano le tappeI
Mi torna in mente l’incontro a Estelle con Francesco e Eusebio, due napoletani, il primo di oltre 70 anni il secondo di qualche anno più giovane.
Francesco in realtà è di Torre del Greco e nella sua vita a parte lavorare per un periodo a Piombino non ha mai viaggiato: è arrivato ad oltre 70 anni conoscendo del mondo solo Torre del Greco e Piombino…
Eusebio è più aperto, ha fatto una vita più attiva, è stato in associazioni politiche e di volontariato,ha viaggiato.
Da qualche anno Eusebio continuava a parlare del cammino, finché Francesco gli ha detto, “va bene vengo con te: partiamo”
E sono partiti: da Saint Jean a Burgos, poi autobus fino a Leon e di nuovo camminando a Santiago.
Fanno parte di quelli che io chiamo “turisti”. Saltano una parte del cammino, saltano le mesetas che da chi le percorre (me compresa) sono considerate la parte più spirituale e profonda del cammino.

Francesco racconta di quello che sta vivendo, partendo dalla benedizione multilingue a Roncisvalle…racconta di come ogni giorno sia per lui un’esperienza nuova e coinvolgente, racconta dei “miracoli”, delle riflessioni e degli incontri e il suo viso splende di gioia e i suoi occhi brillano di lacrime…ha l’impressione di aver cominciato a “vivere” con questo viaggio a oltre 70 anni…
Non è un “turista”, non posso non vederlo… è chiaramente, senza ombra di dubbio un pellegrino…almeno uno dei miei cliches va rivisto…

I pellegrini non si fanno portare gli zaini
Un altro giorno, un altro incontro…
Una coppia di spagnoli, anch’essi intorno ai settant’anni, sovrappeso, non sportivi.
Camminano arrancando su una salita, sulle spalle zainetti leggeri con l’occorrente per un giorno (acqua, qualcosa da mangiare, k-way).
Sono partiti da Saint Jean e arriveranno a Leon, l’anno prossimo intendono completare il cammino. Un servizio di taxi porta i loro zaini giorno per giorno alla tappa successiva.
Camminiamo chiacchierando per diverse ore.
Gli brillano gli occhi…la moglie mi dice che è così entusiasta di quanto sta sperimentando, così colpita da quanto sta “apprendendo” sulla vita e sugli uomini che l’anno prossimo porterà a termine il cammino anche se il marito ci ripensa…ma il marito non ha nessuna intenzione di ripensarci: è anche lui nello stato di gioioso “rincitrullimento” tipico dei pellegrini.
Noto le scarpe da tennis della donna: sono state tagliate alle punte…aveva i piedi così pieni di vesciche che non riusciva a proseguire, ma non ha rinunciato, ha tagliato le scarpe ed è andata avanti. Mi raccontano che consapevoli dell’età e della scarsa forma fisica si sono resi conto che sarebbe stato impossibile fare il cammino portando gli zaini, il trasporto via taxi è il compromesso che permette loro, se pur con fatica di compiere il cammino.
Devo lasciar andare un altro cliches, un altro pregiudizio…
Esistono pellegrini che si fanno portare gli zaini, ma non per questo sono turisti.

Esiste un minimo di Km da percorrere per essere pellegrini
Ancora giorni, ancora incontri e a Bercianos incontro una donna spagnola sessantenne che vive li.
Mi racconta che guardando i pellegrini che arrivano stanchi e sudati, con gli zaini e le vesciche, col sole e con la pioggia, per anni ha pensato che fossero del tutto pazzi. Non riusciva capire perché mai persone di tutte le età, di tutto il mondo e di tutti i tipi si sottoponessero volontariamente a quello che le sembrava una tortura.
Finché un paio di anni fa la figlia di poco meno di trent’anni le dice: proviamo a capire
E così partono per una tappa di 26 km da casa loro a Mansilla de Mula. Nella stessa giornata torneranno a casa in pullman.

“da quel momento- mi racconta la donna- ho capito tutto, è cambiato tutto”
Da quel giorno lei si sente pellegrina. Appena può, da sola o con la figlia rifà i 26 km fino a Mansilla de Mula, ritornando in giornata a casa (la figlia ha un bambino piccolo e non se la sente di lasciarlo più a lungo e la madre non se la sente di proseguire da sola però sta cercando di convincere il marito che ora è in pensione a farlo tutto loro due). Da quel giorno la donna accoglie i pellegrini con amore e si offre come volontaria nell’albergo per pellegrini ogni volta che ce ne è bisogno.
Così, sono costretta a “vedere” che il numero di km è irrilevante, possono bastare un solo giorno e 26 km per divenire un “pellegrino”, per cambiare una vita…


Santiago è sempre più vicino, il mio cammino con Antonio prosegue e la mia risposta alla sua domanda è sempre più piena di dubbi.

I pellegrini non partono da Sarria
A Gozar, a tre giorni da Santiago incontriamo Paola, una ragazza spagnola di 23 anni che è partita quella mattina da Sarria.
Arrivo dal retro dell’albergo dove sono stata a stendere la mia biancheria e Antonio seduto sui gradini affianco ad una ragazza mi chiama. “Immacolata, questa è Paola, credo che devi parlare con lei”.
Mi siedo anch’io con loro e Paola comincia a raccontare…mentre parla comincia a piangere…
E’ arrivata ieri sera in pullman a Sarria per percorre gli ultimi cento km di cammino. I genitori e gli amici le hanno detto (come spesso succede) che è pazza a far il cammino da sola, che non ce la farà etc. …
Ma lei è partita. E’ la prima volta che si allontana da casa da sola.

La sera prima all’albergo per pellegrini c’erano solo pellegrini in gruppo, o magari così le è sembrato. A Sarria si è quasi giunti e anche chi è partito solo ha fatto in tempo a conoscere mezzo mondo.
Comunque ha passato una serata molto triste, già sente la nostalgia dei genitori e del suo ragazzo, già si sente sola e senza aiuti in una prova difficile.
In mattinata è partita presto e ha camminato con un’unica sosta di una decina di minuti per quasi trenta km fino a Gozar. Sentendosi sempre più sola, stanca e spaventata. Ha incontrato un solo pellegrino lungo la via e ha provato a parlargli, ma lui è tedesco non parla spagnolo, lei parla inglese a mala pena e comunque è stato molto freddo e scostante.
E’ arrivata all’albergo di Gozar e ancora non c’era nessuno, si sentiva sempre più sola e persa e insomma ha chiamato i genitori che stanno venendo a prenderla in macchina. Ora è li sulla soglia ad aspettarli.
Non ricordo bene le parole che ho usato e penso siano del tutto irrilevanti. Era chiaro, mi era chiaro che Paola stava cercando disperatamente qualcuno che la aiutasse, che la spronasse a non rinunciare al suo sogno. So che alla fine l’ho convinta a ritelefonare ai suoi per dir loro che avrebbe continuato. Sarebbe arrivata a Santiago anche se dovevo portarla in spalla.
Paola ha telefonato, c’è stata una divertentissima chiacchierata con tutta la famiglia in macchina, madre, padre e fratello…
Poi Antonio le ha offerto da bere, io le ho massaggiato i piedi, nel frattempo ci siamo uniti ad altri pellegrini e abbiamo cenato tutti insieme.
L’indomani io, Paola ed Antonio siamo ripartiti insieme.
Ma Paola non era preparata fisicamente, né come equipaggiamento: zaino troppo pesante, scarpe e calze non adatte, inoltre per lei era solo il secondo giorno, non aveva ancora l’allenamento che ci si ritrova a fine cammino.
Paola comincia ad avere vesciche in numero folle, ma continua a camminare.
Il giorno prima di arrivare a Santiago è veramente a pezzi, ci fermiamo perché possa comprare un paio di sandali per alleviare il dolore, rincontriamo Hans, il pellegrino tedesco che aveva incontrato il primo giorno che in realtà è gentilissimo e le regale un po’ di antidolorifici, un altro pellegrino, Francisco, si unisce a noi e le conta i km che mancano per spronarla a continuare, un pellegrino francese, Mark, le regala una scatola di compeed. Io e Franciscio le regaliamo un paio di calzini tecnici a testa.
L’ultimo giorno Paola si trascina a forza di volontà e determinazione. Non parla, non si ferma, cammina e basta senza lamentarsi. Ma noi le vediamo lo sforzo ed il dolore sulla faccia e vediamo la rigidità dei passi. Antonio e Hans le portano lo zaino per un po’, poi verso le nove, arriviamo ad un bar e Antonio propone di lasciare li lo zaino e magari anche di chiamare un taxi e farsi gli ultimi  km in macchina (ormai ne mancano poco più di dieci). Ma Paola è irremovibile arriverà a piedi a Santiago e con il suo zaino sulle spalle. Dopo la colazione prende un altro antidolorifico e sarà l’antidolorifico, sarà il miraggio di Santiago sempre più vicino, sarà il caffé con brioche che anelavamo dalla nostra partenza alle 5 di mattina, fatto sta che Paola riprende il suo zaino sulle spalle e io lei ed Antonio arriviamo a Santiago tra risa e lacrime.

Paola continua a ringraziarmi, mi ringraziano anche il cugino ed un’amica che, orgogliosissimi di lei, sono venuta a prenderla nella piazza della cattedrale. Ma non sono io ad aver portato Paola fino alla cattedrale. Sono stati Antonio e Hans, portandole lo zaino, gli antidolorifici di Hans, i compeed di Mark, il sostegno di Francisco e i suoi calzini tecnici…
Ma soprattutto è stata Paola stessa, la sua determinazione, la sua volontà, il suo impegno…

E così all’arrivo a Santiago crolla il mio ultimo cliché…come posso mai pensare che partire da Sarria significhi essere turisti dopo aver conosciuto Paola e la sua determinazione, la sua forza…


Per la millesima o forse milionesima volta ricevo un insegnamento sulla follia del giudizio…sarà sufficiente o domani riprenderò a giudicare chi si comporta in modo che “per me” sarebbe “non valido”?
Certamente non sarà sufficiente, certamente mi ritroverò in mille altre situazioni a dire “chi fa così non è un vero pellegrino, chi fa così sta raccontandosi frottole e non sta facendo un cammino iniziatico”

Tuttavia Francesco, la coppia di spagnoli delle mesetas, la donna di Bercianos, Paola e Antonio, mio saggio “maestro di cammino”, sono presenti nel mio cuore e nella mia memoria e sono certa che se anche non riuscirò a frenare il giudizio, dopo qualche minuto o qualche ora il ricordo della dabbenaggine della mia classificazione turisti-pellegrini mi tornerà in mente e sarò obbligata a ridere di me stessa e della mia infantile presunzione.


Offline davideadesso

  • Moderatore
  • *
  • Post: 408
  • Ringraziamenti: +7/-0
  • Sesso: Maschio
  • Andando
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #1 il: 18 Ottobre 2010, 22:17 »
fantastico, grazie Immacolata, mi ero perso questo post e forse nona caso l'ho letto in questo periodo molto interessante per me.

un abbraccio

Offline italo benedetti

  • Moderatore Globale
  • *****
  • Post: 103
  • Ringraziamenti: +2/-0
  • Sesso: Maschio
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #2 il: 19 Ottobre 2010, 01:08 »
Sei forte Immacolata, io mi sento pellegrino a tutti i sensi anche quando cammino nelle mie valli, ogni giorno parlo delle mie esperienze e tu con il tuo post: hai parlato di tutto. Brava. ora pensiamo ogni giorno a trasmettere le nostre esperienze e impariamo a giudicare meno. Lasciamo ad ognuno il modo di sentirsi pellegrino, pensando a Dio. ciao, Italo

Offline Cristiano

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 3
  • Ringraziamenti: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #3 il: 19 Ottobre 2010, 13:59 »
Ho scritto pochissimo sul forum, ma seguo le pubblicazioni e i topic aperti via mail.
Seguendo l'etimologia mi sento compreso nel termine "pellegrino", e seppure sia vero
che il pellegrino è il viandante che percorre la via lattea (romei e palmieri chi si dirige negli
altri due centri della spiritualità cristiana) non smetto i panni quando concludo il cammino giacobeo.
Ormai sono alla mia terza volta, e replico a questo topic perché mi sembra uno dei migliori, quello
che meglio ha recepito il messaggio del cammino. Quest'anno ho percorso il cammino giacobeo in
qualità di guida proprio per quei cosiddetti "turisti" che muovono da Sarria. Mi ritrovo completamente
in ciò che ha scritto Immacolata, e aggiungo che in uno stesso gruppo ho avuto modo di individuare
posizioni incredibilmente varie e contrapposte. I miei complimenti per aver centrato le aporie del cammino.

un abbraccio,
Cristiano

Offline renpasa

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 54
  • Ringraziamenti: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #4 il: 19 Ottobre 2010, 14:31 »
Ecco il tutto ed il contrario di tutto!
Mi riferisco al racconto di immacolata che magari un po' in ritardo ha capito il Cammino (A mio esclusivo avviso naturalmente) ed a quello di Ruggero? non ricordo bene che credo non meriti di essere ricordato, che voleva invece stilare la "classifica dei pellegrini".
Io sono stato più fortunato, ho capito subito i problemi di Klaus che già alla terza tappa aveva fatto l'autostop, in seguito è stato ricoverato d'urgenza all'ospedale per gravi problemi alle ginocchia non ancora risolti purtroppo. Ho capito i problemi da Angela chea causa di una forte dissenteria ha dovuto sostare qualche giorno a Mansilla de las Mulas, per poi recuperare in bus. L'aereo non riconosce la dissenteria..... Ho Capito subito le ragioni di Jane, un'Australiana con la gamba destra inutilizzabile e che usava la stampella o un apposito carrettino per camminare e che un po' timidamente ammetteva di essere partita solo da Sarria.....(Come solatanto?)
Ho capito subito, ero coinvolto, che chi arrivava prima all'albergue non era neccessariamente un "furbo che faceva le corse" ma più semplicemente uno che aveva preso un certo ritmo che lo portava a non fare soste prolungate durante la tappa, nemmeno per il pranzo, per me dannoso più che poco necessario. Insomma ho potuto capire subito che il cammino è una cosa individuale ed esclusiva, che il cammino era il mio cammino come era il "mio cammino" per qualsiasi altra persona. Una sola volta non ho resistito vedendo due signore francesi parcheggiare la loro auto nei pressi dell'albergue edopo aver indossato gli zaini e superato una zoppoicante pellegrina portoghese presantarsi per occupare gli ultimi posti disponibili. Senza polemiche senza chiasso innutile, senza nascondermi sopratutto, ho segnalato quanto sapevo all'hospitalera. Le due senza nemmeno controbattere se ne sono andate e la signora portighese ha avuto il posto che le spettava. In coscienza so di aver fatto la cosa giusta nello spirito del mio cammino e penso di aver interpretato in quel caso lo spirito anche di molti altri pellegrini a piedi.
Sia ben chiaro le signore francesi possono compiere il LORO CAMMINO anche in Rolls Royce ma rispettando però anche e nel frattempo il cammino degli altri.
Alla fine Immacolata ha capito........ questo è quello che conta
Grazie Immacolata!
Ciao Renato

Offline immacolata

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 58
  • Ringraziamenti: +2/-2
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Ponti di luce
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #5 il: 01 Novembre 2010, 16:10 »
grazie a tutti
Vorrei rispondere in modo particolare a Renato...
"Alla fine Immacolata ha capito"...dici
Beh Immacolata ha creduto di capire il primo giorno del primo cammino, o forse anche prima, Immacolata cerca di non essere giudicante,lavora su questo da molti anni, da ben prima di metteri 4 anni fa sul cammino di Santiago...
solo che ogni volta che faccio il cammino, ogni giorno che "cammino" su questa terra, mi accorgo che ci cado un'altra volta...che comunque tolgo alcune categorie e ne mantengo altre.
Non ti conosco, non so la tua storia e la tua vita, ma ti invito a guardare onestamente in te stesso....davvero riesci a non giudicare mai il "cammino" degli altri?
io credo che il non-giudizio, come la non-violenza siano cammini che non ci è veramente possibile portare a termine come individui. Sono cammini collettivi, ed ogni volta che qualcuno di noi fa un passo, si accorge di una propria scivolata, condividerlo aiuta anche gli altri.
Buon cammino a tutti e soprattutto una risata di gioia per rallegrare un po' questa giornata novembrina

Offline davideadesso

  • Moderatore
  • *
  • Post: 408
  • Ringraziamenti: +7/-0
  • Sesso: Maschio
  • Andando
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #6 il: 01 Novembre 2010, 18:12 »
..è un  cammino importante, ricco, non mancano le vesciche, non manca la tendinite, fa capolino l'invidia è un cammino nostro e di tutti.La ricerca continua di vivere consapevolmente, magari accettando la mente che ci devia con false strutture mentali ma questo dopo averla conosciuta...e poi ancora riconosciuta perchè camuffata da egocentrica consapevolezza.E' un cammino faticoso epr la costante attenzione è faticoso per chè a volte il nostro "bagaglio" di conoscenze è troppo pesante e allora è meglio spedire qualcosa...è faticoso perchè ci costringe a guardare vicino mentre siamo abituati a pensare al futuro, alla meta, programmati per programmare e giudicare in base al passato.é un cammino unico verso noi stessi e verso l'amore.

Offline immacolata

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 58
  • Ringraziamenti: +2/-2
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Ponti di luce
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #7 il: 01 Novembre 2010, 21:27 »
 :) :) :)
un abbraccio e si, è proprio come dici Stefano :-)

Offline renpasa

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 54
  • Ringraziamenti: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #8 il: 02 Novembre 2010, 08:51 »
grazie a tutti
Vorrei rispondere in modo particolare a Renato...
"Alla fine Immacolata ha capito"...dici
Beh Immacolata ha creduto di capire il primo giorno del primo cammino, o forse anche prima, Immacolata cerca di non essere giudicante,lavora su questo da molti anni, da ben prima di metteri 4 anni fa sul cammino di Santiago...
solo che ogni volta che faccio il cammino, ogni giorno che "cammino" su questa terra, mi accorgo che ci cado un'altra volta...che comunque tolgo alcune categorie e ne mantengo altre.
Non ti conosco, non so la tua storia e la tua vita, ma ti invito a guardare onestamente in te stesso....davvero riesci a non giudicare mai il "cammino" degli altri?
io credo che il non-giudizio, come la non-violenza siano cammini che non ci è veramente possibile portare a termine come individui. Sono cammini collettivi, ed ogni volta che qualcuno di noi fa un passo, si accorge di una propria scivolata, condividerlo aiuta anche gli altri.
Buon cammino a tutti e soprattutto una risata di gioia per rallegrare un po' questa giornata novembrina

Il mio commento era riferito solo ed esclusivamente alle varie situazioni che si possono verificare lungo il Cammino di Santiago o altri cammini, camminati.
Per quel che riguarda l'altro Cammino, quello vero, quello della vita, credo che non possa esitere senza essere continuamente sotto giudizio ed esprimendo giudizi. Credo anche che però alla fine a valere sia il giudizio che ci da individualmente la nostra coscienza.
Non sono d'accordo sulla scivolata ad ogni passo. credo piuttosto che possiamo compiere scivolate ed anche capitomboli, possiamo anche precipitare a volte, non necessariamente troviamo la fine. Possiamo però anche a volte camminare per la nostra strada dritti e sicuri. Io a volte mi guardo in dietro e riesco a capire i miei, scivoloni che avolte sono riuscito a correggere con strani giochi di equilibrio e con l'aiuto di qualcuno o qualcosa, mi rendo conto anche dei precipizi nei quali sono caduto e dai quali certo non da solo, sarebbe stato impossibile, sono risalito. Percepisco però anche qualche pezzo di percorso dritto filato compiuto senza esitazioni seguendo ciò che la mia coscienza riteneva giusto. Questo mi permette di continuare serenamante il mio cammino per quel che durerà non sono giovanissimo, ed accettare i prossimi inevitabili scivoloni, conscio che ....non ci saranno solo cadute. Ecco! Credo di aver capito quello.
Ciao Renato

Offline immacolata

  • Pellegrino
  • **
  • Post: 58
  • Ringraziamenti: +2/-2
  • Sesso: Femmina
    • Mostra profilo
    • Ponti di luce
Re:turisti e pellegrini
« Risposta #9 il: 02 Novembre 2010, 22:16 »
Citazione
non sono d'accordo sulla scivolata ad ogni passo. credo piuttosto che possiamo compiere scivolate ed anche capitomboli, possiamo anche precipitare a volte, non necessariamente troviamo la fine. Possiamo però anche a volte camminare per la nostra strada dritti e sicuri.
;D  ;D ;D
scusa! che equivoco....concordo pienamente con te: la mia frase in effetti era forse poco chiara, volevo dire che ogni volta che facciamo un passo (senza scivolare, facciamo un passo diritti e sicuri) e ogni volta che scivoliamo, cioè sia in un caso che nell'altro, se lo condividiamo questo aiuta anche il cammino degli altri (e naturalmente vale il viceversa)..

vedi che bello però? ci ritroviamo a dissentire per un equivoco da frase poco chiara...mi sembra divertente in uno scambio di post sul giudizio...come se "qualcuno" ci stesse facendo l'occiolino ;-)
un abbraccio ebuon cammino

 

* Immagini, foto e video random dalla Media-Gallery

 
Davideadesso e Rossella . Accoglienza Perugina... meravigliosi.
 Visto: 463
Inserito da Sebastiano
il 26 Ago 2009
in Anno 2006
 
WhatsApp Image 2019 05 18 at 11 50 19
 Visto: 16
Inserito da Francesco Urso
il 26 Nov 2019
in Cammino Madonna delle Milizie 2019
 
Da Avola a Donnalucata, in Sicilia
 Visto: 17
Inserito da Francesco Urso
il 26 Nov 2019
in Cammino Madonna delle Milizie 2019

UrloPellegrini

15 Giugno 2020, 16:59
Dal 2 al 5 luglio cammino della Madonna delle Grazie da Avola a Testa Dell'Acqua, in provincia di Siracusa. Senza quote di adesione e con i costi di alimentazione a cui si adegueranno i partecipanti.
21 Febbraio 2020, 10:47
OGNI ANNO NELLA TERZA SETTIMANA DI MAGGIO IN SICILIA, DA AVOLA A DONNALUCATA, A PIEDI, IN BICICLETTA O A CAVALLO, PER CINQUE GIORNI Nel 2020 l'ottava edizione del CAMMINO DELLA MADONNA DELLE MILIZIE si realizzerà nei giorni 20-21-22-23 e 24 maggio 2020 come sempre con il colore arancione delle nostre magliette senza quota di adesione e senza costi inutili per i pellegrini partecipanti. Si consiglia di arrivare al punto di partenza, Avola, entro le 18 della sera prima dell’inizio del cammino, e cioè martedì 19 maggio. Appuntamento sul sagrato della Chiesa Madre in Piazza Umberto I. Per per quel che riguarda il pernottamento sarà tutte le notti obbligatoriamente con stuoino e sacco a pelo in strutture ecclesiali con donativo, salvo preferenze personali in B&B o alberghi, di cui ciascuno darà notizia. Cammino senza quota di adesione e rigorosamente senza tasse improprie per i pellegrini.
24 Novembre 2019, 19:37
Partirò il 22 dicembre dalla Verna con 2 cani chi vuole venire con me? Valentina
16 Novembre 2019, 22:04
*Sabato 23 novembre 2019* – Una rappresentanza del “Cammino della Madonna delle Milizie” sarà presente al Meeting “Vie Sacre Sicilia” a Scicli (Rg). Alle 10.00, apertura Expo Vie Sacre Sicilia presso Palazzo Spadaro e alle 10.30, Meeting Vie Sacre Sicilia con presentazione dei Cammini Sacri siciliani e incontro sul tema “Cammini, fede e comunità”.
31 Agosto 2019, 17:28
IL 3 NOVEMBRE CI INCONTREREMO A VIGEVANO Il prossimo incontro del "Forum dei pellegrini" e della Libreria Editrice Urso di fine anno sarà domenica 3 novembre 2019 a Vigevano (Pv) e ciascuno parteciperà gratis con la propria esperienza di cammino, con un suo personale racconto, o con la sua poesia, o la poesia che ha ricevuto dagli altri. Seguono in qusti mesi i dettagli dell'evento. Fummo già una volta a Vigevano nel novembre del 2011… In questo link una sintesi di quell'esperienza... http://www.libreriaeditriceurso.com/archivio%20mailing%20list/luciapervigevano.html
28 Agosto 2019, 11:47
Benvenuta nel Forum Nella La Bruna, di Noto (Sr), camminatrice di parecchi cammini e ottima compagna di cammino!
19 Luglio 2019, 16:51
buonpomeriggio
28 Giugno 2019, 11:44
Da sabato sera 29 giugno cinque pellegrini siciliani (di Avola) saremo a Lisbona per un cammino verso Fatima e poi verso Santiago De Compostela. Penseremo a voi tutti pellegrini che visitate questo magnifico Forum, e se tutto andrà bene l'11 arrieremo a Santiago... (siamo costretti per ragioni di tempo a saltare qualche tappa). Buon Cammino
28 Giugno 2019, 07:38
cerco compagni cìvia degli dei luglio-agosto
20 Maggio 2019, 08:55
Dopo tanti cammini negli scorsi anni, ragioni di ...... età mi inducono quest'anno a avventurarmi solo sul finale del Sanabrense da Ourense a Santiago. Io mi avvio da Ourense il 14 giugno, trovo qualche amico lungo la via ? ultreya a tutti
14 Maggio 2019, 18:41
Buon giorno, ho intenzione di fare uno dei percorsi in bici con un amico ai primi di settembre. Vorrei avere delle risposte circa i percorsi migliori, come funziona, i voli a/r , dove si dorme, dove si mangia, i costi, insomma gradirei avere un consiglio da una esperienza diretta. Grazie
11 Maggio 2019, 11:35
Niko 11:33 Buongiorno a tutti. Siccome ho un amico che ha intenzione di intraprendere il Cammino di Santiago fra qualche mese, volevo assicurarmi che questa chat funzioni in modo da assisterlo in caso vi fosse bisogno . Potreste darmi conferma che leggete cio' che ho scritto e quindi funziona per me ? Grazie
10 Maggio 2019, 11:22
Cerco compagnia per il cammino a San Thiago Ho a disposizione dal 1 al 15 settembre
23 Aprile 2019, 23:39
Buonasera a tutti, sono nuova nel forum e sto da tempo meditando quando e come intraprendere il camino. Mi piacerebbe fare la tratta da Léon a Santiago considerando che avrei a disposizione circa 15 giorni. Pensavo idealmente al mese di Settembre ma sono aperta ad altre opzioni, qualcuno sa darmi qualche dritta sul costo generale da prevedere indicativamente e del tempo medio che il tutto potrà richiedere? Abito a Parigi ma sono aperta a condividere l’esperienza con persone che abitano anche in Italia o altrove e motivati come me a scoprirlo in tutta la sua bellezza =) ps. Ho presto 30 anni e sono una persona molto sportiva e socievole ! Grazie a tutti per le risposte in anticipo, namasté =)
22 Aprile 2019, 23:09
Ciao a tutti. Se no nuovo in questo forum. Volevo capire come fare a scrivere un post vero e proprio per chiedere delle informazioni sul cammino. Grazie a chi mi risponde
16 Aprile 2019, 16:30
Cerco qualcuno che divide un Taxi con me da Bibbiena a La verna il 21.04.2019 (cammino san francesco)
11 Aprile 2019, 15:46
Causa impossibilità di partenza da parte di un membro di un gruppetto di pellegrini, cedo i seguenti biglietti aerei Ryanair: da Milano Bergamo a Santiago di Compostela partenza 17/04/2019 ore 19:15: da Santiago di Compostela a Milano Bergamo partenza 26/04/2019 ore 16,25. Priorità e due bagagli a mano. In totale € 75,00. Oneri di cambio nominativo a mio carico. Buon Cammino.
11 Aprile 2019, 14:41
Vorrei incamminarmi per la via francigena, sono di Milano, magari 2 3 giorni o anche piu. Non ho mai fatto camminate del genere anche se sono un camminatore, vorrei unirmi a qualche gruppo esperto, ciao Diego
17 Marzo 2019, 19:11
cerco compagno/a nei primi 27 giorni del mese di maggio x percorrere le 18 tappe tra Burgos a Santiago di Compostela x contattarmi il mio cellulare 3423773237 vanda buon cammino
06 Marzo 2019, 12:51
Ciao! Mi chiamo Elena e ho 18 anni e sono di Torino. Questa estate vorrei fare il cammino di Santiago e cerco una compagnia femminile, pensavo di iniziare il viaggio con il treno e via dicendo, partirei a luglio. Chi vuole unirsi?
27 Febbraio 2019, 17:49
CAMMINO BEATO ANTONIO ETIOPE Ogni anno il 14 MARZO A PIEDI DA AVOLA AD AVOLA ANTICA Il Cammino del Beato Antonio Etiope si svolge ogni anno proprio il 14 marzo. Circa 6 km in salita leggera, e 6 km in discesa con un paesaggio fantastico. Appuntamento dei partecipanti alle 15 in Piazza Teatro, ad Avola, davanti alla Chiesa di Santa Venera. Fino alle 17,00
18 Febbraio 2019, 15:54
se chiedete info non esitate a contattarci alla mail: tsunami1979@tiscali.it a breve useremo anche il contatto che troverete sul sito dell'albergue.
18 Febbraio 2019, 15:53
Ciao a Tutti. Dal 12 Aprile ci sarà un nuovo Albergue, sul cammino di Santiago, gestito da Italiani! Quandi accoglienza genuina e cibo nostrano * Albergue Irugoienea, a Espinal Auzperri. 6km dopo Roncisvalle.
16 Febbraio 2019, 23:38
Ciao a tutti. Vorrei fare il cammino ad agostio x un paio di settimane. Partirei da SJPD cerco compagnia
13 Febbraio 2019, 21:17
Ciao a tutti- Cerco compagni di viaggio per dividere le spese per taxi da Lourdes a SJPD arrivo a Lourdes il 1 aprile 2019 nel tardo pomeriggio Bergamo alle ore
Visitatore
17 Gennaio 2019, 13:28
Ciao mi leggete?
26 Dicembre 2018, 23:35
Ciao a tutti, sono Sara di Caserta, nel periodo di luglio/agosto vorrei fare il Cammino di Santiago (diciamo gli ultimi 100 km) e arrivare dopo anche a Finisterrae. Vorrei fare un cammino economico, religioso, ma anche vedere luoghi tipici, vorrei formare un gruppetto di 4/5 persone, anche tra maschi e femmine. Se siete interessati fatemi sapere.
16 Settembre 2018, 12:21
3/4 NOVEMBRE 2018 CONVEGNO NAZIONALE DI POETI E PELLEGRINI a Somma Lombardo (Va). Senza quota di adesione e senza costi organizzativi. Ciascuno si pagherà eventuali sue colazioni, pranzi e cene. Aderire con un messaggio a convegno@libreriaeditriceurso.com
10 Settembre 2018, 23:55
Ciao sono Leonardo di Novellara (RE), ho 25 anni. Cerco compagno/a di viaggio per via degli Dei da Bologna a Firenze alla ricerca degli antichi tratti della Flaminia militare romana. 6 giorni di cammino. Pernottamento in strutture economiche. Partenza prevista il 30 Settembre ed arrivo il 6 Ottobre a Firenze.
10 Settembre 2018, 23:53
Ciao sono Leonardo di 25 anni di Novellara. Cerco compagno/a di viaggio per via degli Dei da Bologna a Firenze alla ricerca degli antichi tratti della Flaminia militare romana. 6 giorni di cammino. Pernottamento in strutture economiche.
31 Agosto 2018, 14:17
Ho fatto il cammino nel 2008 vorrei rifarlo ai primi di maggio 2019 con tranquillità
28 Agosto 2018, 21:09
Ciao sono Elena parto agli inizi di ottobre cammino francese partenza Saint Jean. Atterro a Lourdes...Chi si unisce?
28 Agosto 2018, 21:09
Ciao sono Elena parto agli inizi di ottobre cammino francese partenza Saint Jean. Atterro a Lourdes...Chi si unisce?
17 Agosto 2018, 09:02
Partiremo in due da Irun il 2 settembre per dieci giorni fino a Santander. Qualcuno farà lo stesso cammino del nord?
12 Agosto 2018, 02:07
sarei interessata ad effettuare il cammino portoghese con partenza 18 agosto da roma, mi piacerebbe trovare compagni di viaggio
05 Agosto 2018, 12:57
Salve ragazzi Buona domenica sono Filippo 38 anni di Salerno , sono interessato a fare il cammino di santiago partenza fine maggio 2019 durata 30/35 giorni cammino francese...chi fosse interessato a farsi questo viaggio in compagnia mi contatti ...ciuaoooooooo
31 Luglio 2018, 06:50
Ciao a tutti sono Francesco 45 anni vorrei fare il cammino di Santiago per la prima volta e cerco compagnia per il viaggio. Vivo a Roma e vorrei partire per ottobre/novembre. Buona giornata
20 Luglio 2018, 14:59
Salve. Partiamo il 17 settembre 2018 da Lourdes. Cerchiamo persone per condividere taxi sjpdp, intorno alle 1730 ( ora di atterraggio aerei da Orio) siamo in 3 , altri 5/6? potete contattarci via mail
19 Luglio 2018, 13:06
Ciao a tutti mi chiamo Giulia ho 24 anni. Mi piacerebbe percorrere il cammino di Santiago passando dalla via Francese. Essendo la prima volta vorrei qualche informazione sul periodo migliore, e se c’e qualcuno che vorrebbe viaggiare in compagnia mi sentirei più sicura! Grazie
11 Luglio 2018, 08:41
CiAo!vorrei fare il cammino da Ponteferrada in mtb cerco guida grazie
30 Giugno 2018, 19:57
Ciao! Sono Cristina e atterreró a Lourdes il 9 luglio per le 17.30 circa. C'è qual he interessato per la condivisione di un taxi quel giorno?
29 Giugno 2018, 16:13
Ciao a tutti! Sono Inno, arrivo A Ponferrada da Roma-Madrid il23 Agosto. per intraprendere il camino il 24 mattina...compagni cercasi*
28 Giugno 2018, 19:04
Ciao a tutti mi chiamo Francesca e sono della Sardegna.Parto per il camino di Santiago il 18 Agosto da cagliari e il 22 da Milano per Lourdes.Ho fatto nel 2012 una parte di camino da Burgos a Santiago,allora mi avevate aiutato tantissimo.CE' qualcuno che arriva a Lourdes il 22 AGOSTO per condividere la partenza per Saint Jean?
26 Giugno 2018, 22:14
Ciao sono Lara . C'è qualcuno che parte tra il 12 e il 15 agosto per il cammino di San Francesco?
25 Giugno 2018, 17:11
Ciao! Sono Margherita e atterreró a Lourdes il 9 luglio per le 17.30 circa. C'è qual he interessato per la condivisione di un taxi quel giorno? 😉
24 Giugno 2018, 20:22
Io arrivo ad Arezzo il 2/8 alle 8,45 c’e Qualcuno che condivide con me il viaggio fino a La Verna?
Fab
18 Giugno 2018, 22:55
Sono Fab. Ho gia fatto il camino a piedi nel 2015 e in bici nel 2016. Ho fatto nel 2017 la via franchigena e nel 2018 l'itinerario di santa Rosalia. Nel 2019 vorrei rinizuare il giro con il camino di Santiago.chi mi farebbe compagnia?
14 Giugno 2018, 12:03
ciao a tutti! mi chiamo Alice sono di Torino. Vorrei fare un tratto di via Francigena a partire dal 14-15 luglio per una decina di giorni circa. Vorrei arrivare a Roma e sto ancora riflettendo sul punto di partenza. E' la prima volta che mi metto in cammino e cerco qualche compagno di viaggio. Scrivetemi *
13 Giugno 2018, 22:35
Io vorrei partire ad agosto e fare Da Laverna ad Assisi
13 Giugno 2018, 22:35
Io vorrei partire ad agosto e fare Da Laverna ad Assisi

* ChatPellegrini

NickName? - clicca qui
ShoutBox condivisa da:
Libreria Urso
Pellegrini Belluno
Condividi la chat

Calendario

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31
Compleanni
M d: orsobruno8 (73)
M d: Otty (28)
M d: Lucio (69)
M d: bianka (46)

Foto random

 
a 154
 Visto: 496
Inserito da Sebastiano
il 26 Ago 2009
in Anno 2005

* Statistiche


  • *Posts Totali: 6479
  • *Topics Totali: 2242
  • *Online Oggi: 27
  • *Most Online: 663
(02 Gennaio 2019, 08:39)
  • *Utenti: 0
  • *Visitatori: 22
  • *Totale: 22

* Top Autori

* Ultimi 5

Emiliano S
28 June 2020
Elena sandona
26 June 2020
SaraClaros
24 June 2020
ScarletDuggan
23 June 2020
Giulietta0791
15 June 2020

* Contatore

Creato da Sebastiano BASILE - www.superscuola.com