Benvenuti sul sito della Libreria Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola. Novità del mese Offerte del mese Acquista per informazioni
SPAZIO A CURA DELLA
LIBRERIA EDITRICE URSO

e-mail info@libreriaeditriceurso.com
vedi Catalogo Libreria Editrice Urso
EDITORIA E VENDITA LIBRI AL DETTAGLIO VIA INTERNET
FacebookYouTubeTutto per Santiago de CompostelaTwittercontattacilibreria
Catalogo aggiornato

    Giovanni Stella
    per ''Musica dell'anima'' di Mary Di Martino

Mary Di Martino, Musica dell'anima

Libreria editrice Urso, Avola 2011, pp. 70, 12,00

Secondo alcuni fu Giuseppe Ungaretti, secondo altri (fra questi Fabrizio De Andre',
l'indimenticato poeta e cantore) fu Benedetto Croce a dire che fino a diciotto anni tutti scrivono poesie. Dopo lo fanno solo i poeti e i cretini.

Mary Di Martino fa parte della schiera dei poeti.

La sua silloge d'esordio, fattami dono della prima copia dall'editore Ciccio Urso
al momento dell'uscita del libro - circostanza che evoca ne' piu' ne' meno la nascenza di una creatura - Musica dell'anima, ha come sottotitolo ''Luogo e scrigno dell'Umanita'''.

Mary Di Martino Musica dell'anima Libreria editrice Urso, Avola 2011, pp. 70, € 12,00
Secondo alcuni fu Giuseppe Ungaretti, secondo altri (fra questi Fabrizio De Andre',
l'indimenticato poeta e cantore) fu Benedetto Croce a dire che fino a diciotto anni tutti scrivono poesie.
Dopo lo fanno solo i poeti e i cretini. Mary Di Martino fa parte della schiera dei poeti. La sua silloge d'esordio,
fattami dono della prima copia dall'editore Ciccio Urso al momento dell'uscita del libro
- circostanza che evoca ne' piu' ne' meno la nascenza di una creatura - Musica dell'anima,
ha come sottotitolo "Luogo e scrigno dell'Umanita'". Pretenziosa, in verita', la titolazione
ma a ben leggere essa deriva dalla forte carica emotiva che l'autrice Copertinaha riversato
sulle pagine bianche annerendole di versi, delicati e incisivi ad un tempo.

Mary Di Martino e' nata a Toronto (Canada), ma vive da illo-tempore, sposata con due figli, a Pachino (Siracusa), Capo Sud d'Europa, terra famosa per il pomodoro ciliegino e per i vini in purezza, ma anche stupendo angolo dove due mari, tempestosi come innamorati, si incrociano. Terra che come porta chiude e apre da e verso l'antico continente, oggi fatto oggetto di speranza di vita e di lavoro di gente che, disperata, fugge dal mondo arabo (punta di un iceberg, portante l'intera Africa che bussa alle porte del Pianeta...).

Il luogo d'origine e quello di vita dell'autrice, cosi' profondamente diversi, hanno probabilmente inciso nella sua formazione e personalita'.

Appassionata da sempre di musica, arte nobile e leggera per eccellenza, ora si e' scoperta anche votata alla poesia che del suono e' l'altra faccia della medaglia, la parola scolpita.

E lo spartito musicale sottostante il titolo che fa da copertina al volume ne da contezza.

Le ventotto poesie di cui si compone la silloge hanno, fra il titolo e il testo, una foto,
ognuna delle quali meritevole (come del resto ogni poesia) di una notazione che segue la gioia degli occhi e ne permea la visione.

Dall'alta montagna innevata, baciata dal lago dove si specchia la vetta imbiancata,
ai secolari alberi spogli dal freddo d'inverno ricoperti solo dal candore che soffice ammanta la via.
Dall'orologio da taschino aperto fra le nuvole a un ruscello che scivola fra fiori e piante naturali.
Da petali a uno spicchio di luna che fa luce nel buio della notte. Da uccelli che volano all'alba
su un mare fermo a un fiore aperto. Da una visione di natura dedicata a papa'
(alla cui memoria peraltro e' dedicato il libro) a fermagli di fiori in primavera.
Da un campanile circondato d'alberi, che maestoso s'erge su una montagna,
al tondo lunare che s'intravede fra oscure nuvole. Da una sfera di cristallo tenuta da mani delicate, a un cielo stellato di mezzagosto.

Dal pianeta terra cinturato di note a mani d'uomo che si tengono intrecciate. Da un arcobaleno simbolo di sereno in arrivo, a tre rose sbocciate, cuore della madre. Da una foto di Tolstoj seduto, al terremoto che ha devastato l'Aquila in Abruzzo.

Infine, una lente d'ingrandimento, che a forma di cuore si specchia in uno spartito musicale, precede una lettera ai figli - messaggio d'amore - , che conclude il libro unitamente a una canzone (su un motivo di Bruno Lauzi) titolata "Per non dimenticare".

Ecco, anche se Ronsard aveva avvertito che "il ricordante e il ricordato hanno ambedue la memoria di un giorno", qui l'autrice, urla un messaggio forte che sfida il tempo e gli uomini perche' il sacrificio dei giusti eroi, Falcone e Borsellino, "uomini veri e coraggiosi", resti scolpito come sulla roccia a futura memoria.

Sono versi, quelli della Di Martino, che non soltanto accarezzano l'anima, come la musica, ma la colpiscono profondamente come le note quando penetrano a fondo e ne lasciano traccia sensibile.

Nell'Inno alla natura questa e' "splendida .../figlia unigenita, /madre gloriosa e redentrice .../pace sognata /e mai negata .../ promessa di una /quiete agognata". Qui la natura non e' soltanto un dono prezioso ma anche un "inno d'Amore" per raggiungere la quiete, desiderio e sogno di ogni essere umano.

Poi, come nelle favole, "C'era una volta ... e mai piu'" ... "il mondo magico /giocoso" del "tempo di sogni e balocchi" che ciascuno di noi ha vissuto e con nostalgia ricorda: L'innocenza perduta.

"Principio senza fine, ora amico, /ora nemico, il tempo, ci coglie /ci sorprende furtivo nel momento /presente, con lo struggente /ricordo delle azioni passate, /dominate dall'ansia profonda /dei giorni a venire".

In questa folgorazione c'e' il viatico di ogni essere umano che i versi de il Tempo scandiscono come un orologio preciso.

Come non ricordare allora in proposito Eugenio Montale " ... Cosi' il tempo inesorabile scorre /e improvviso d'un balzo s'arresta".

C'e' la Voce del silenzio che e' "Amore senza fine". C'e' il Sogno d'infanzia, quando "... bambina stavo a /guardare dalla finestra, tutta sola ...".

Notturno e' un "canto nostalgico/ soffusa e seducente melodia". Alito di vita chiarisce che la "Vita .../ (e') perenne chiaroscuro, /eterna e dominante /verita' ...". Al Papa' dice che "sei stato, sei e sarai, /per sempre, perno e /forza insondabile /della mia esistenza". Allo Zahir (pensiero ricorrente, di derivazione araba), ad Amnesty International e alla Madre sono dedicati versi che non si possono non leggere e apprezzare.

 

Il resto lo diranno e lo penseranno i lettori ai quali si suggerisce la lettura di queste poesie intrise di musica.
StellaGiovanni Stella

Lunedi' 9 maggio 2011 alle ore 17,30
A PACHINO AL III ISTITUTO COMPRENSIVO "G. VERGA"
Viale Aldo Moro n. 151
PRESENTAZIONE del libro della prof.ssa Mary Di Martino, "Musica dell'anima".

foto

Intervento dirigente prof. Giuseppe Morana ...e altro - Intervento dell'editore Francesco Urso - Intervento del prof. Angelo Borg ...e altro

novità


NOVITA' DI APRILE 2011

CopertinaMary Di Martino
Musica dell'anima
2011,
formato ottavo, pp. 72
€ 12,00

Collana Opera prima n. 27
ISBN 978-88-96071-44-1acquista

foto Di MartinoMary Di Martino nata a Toronto (Canada), coniugata con due figli, vive a Pachino (SR) dove insegna.
Dopo la maturita' scientifica consegue a Catania il Diploma accademico in Pianoforte (vecchio ordinamento). Nell'anno 1982/'83 partecipa al Concorso a cattedre a fini abilitanti per la scuola secondaria di primo grado e lo vince. Nell'anno successivo e' docente titolare presso il IV I. C. ''V. Brancati'' di Pachino e dal 2000 presta servizio presso il III I. C. ''G. Verga'', nella stessa sede di titolarita'.
Oltre alla musica - il suo primo amore - e' appassionata di letteratura classica e moderna, arti figurative, filosofia, discipline orientali ed argomenti correlati.
Fin da adolescente ha sempre nutrito interesse per l'arte poetica. Gia' dai tempi del liceo scriveva, ma in maniera discontinua, brevi componimenti che rispecchiavano i suoi sentimenti, la sua vita. Tra il 1995 e il 1997 ha ricominciato a scrivere qualche poesia. Poi, a partire dal 2002, la svolta; tra una parentesi e l'altra, fino ad oggi, ha scritto la sua prima raccolta di poesie, data alle stampe con la Libreria Editrice Urso.
Non ha mai partecipato a nessun concorso di poesia ed e' alla sua prima esperienza editoriale.

L’Anima è il luogo
dove possiamo trovare tutte le risposte
per rinascere e ricreare
una vita autentica e dignitosa

È piacevole e confortante scoprire che, proprio a una spanna da te, esiste uno spirito letterario, magari, senza averlo sospettato per una serie di motivi plausibili, non ultimo la vita convulsa e frenetica dei giorni nostri.

Per chi, come me, è appassionato di poesia e letteratura, questa scoperta è una sorta di riconciliazione con l’umanità, che sembra sprofondata, in questo scorcio di inizio secolo, nell’effimero volgente alla stupidità diffusa.

Poetare è come uscire da un porto delle nebbie dall’aria greve e asfittica per approdare in un’isola felice dove poter respirare un’aria aprica…

Se la poesia è “bella”, dunque, nondimeno lo è la scoperta di una sua neofita.

Nel caso in ispecie, ho scoperto una poetessa, mimetizzata in un “sottobosco scolastico”, che è pieno oggigiorno di pruni e rovi, dove spesso virtude e conoscenza latitano e cui nomi strani sono dovere, dottrina e sapere.

“Musica dell’anima ...luogo e scrigno dell’Umanità” è un florilegio di 29 poesie (comprensive di lettera e canzone), pervase da una freschezza espressiva che non fa venire meno la percezione di una profondità di pensiero e di uno spessore culturale non comune. Un’aggettivazione raffinata conferisce una certa classe artistica che fa pendant con la classe femminile che le ha prodotte con la spontaneità di una fonte rupestre. Sono 29 lampi del cuore e dell’intelletto, che mostrano un’aria poetica corredata di un ritmo incalzante, mai convulso; si bevono tutto d’un fiato, senza singhiozzi.

Il lettore assorbe il messaggio e lo fa suo. Non è la poesia dell’autrice, non è la poesia assimilabile a questo o a quell’autore, ma dell’umanità stessa, che si interroga per giungere, in campo metafisico, ad una risposta soddisfacente ai mille perché della vita, per trovare l’arcano principio di tutte le cose che quasi sempre, lasciandoci confusi e disorientati, ci sfugge o svanisce.

Leggendo le liriche si respira un’aura volontaristica di esistenza, d’affermazione quasi dispotica del vivere per la vita, non per la farsa. Non una sdolcinatura, nessuna concessione alla sterile e vieta retorica, ma schioppettate di verità che bucano la bruma di ipocrisia untuosa che caratterizza il mondo odierno. È un inno alla vita, l’affermazione della superiore armonia morale e spirituale dell’uomo che vive lottando, gioendo, piangendo, perdendo e vincendo. Si avverte, quasi scandita, una tensione passionale, mai ferina, tanto meno stucchevole, dell’uomo che vive tra gli uomini, dell’uomo che vive la sua vita nel suo tempo, ma che crede nel suo passato e ha fiducia nel suo futuro.

La poesia non ha, infatti, una collocazione temporale, perché l’essenza di verità che emana abbraccia l’intera storia dell’umanità. I versi trasmettono al fruitore una musicalità dolce ed arcana, una flebile e subliminale melodia e lo conducono verso le terre dell’ignoto e del mistero del mondo interiore, facendolo galleggiare smagato in una nuova dimensione di lucida autocoscienza, intesa come attività riflessiva del pensiero che consente di avviare, appunto, un processo di introspezione rivolto alla conoscenza degli aspetti più profondi dell’essere.

“Il Tempo”, poesia veramente notevole, rappresenta, in un certo senso, la summa della poetica dell’autrice, in quanto esprime la sua filosofia della vita: un mix ben riuscito di corporeità (Esseri cosmici vaganti nello spazio dell’universo infinito...) e spiritualità (L’anima, antenna invisibile, veicolo sottile e immortale...).

“Inno alla Natura” è una preghiera alla Natura. Si intravede un paradigma di «panteismo trascendente», che tende a risolversi nella concezione più generale, secondo cui Dio è immanente alla Natura e non solo si disvela, ma si realizza anche nelle cose. A tal proposito, nel Vangelo apocrifo di Tommaso si legge: Io sono la Luce: quella che sta sopra ogni cosa; io sono il Tutto: il Tutto è uscito da me e il Tutto è ritornato in me. Fendi il legno, e io sono là; solleva la pietra e là mi troverai.

“Petali di Vita” tratta il tema dell’infinito. Camminare oltre i/ confini naturali/ del mondo, in un/ presente invisibile,/ senza tempo… sono cinque versi che esprimono chiaramente un anelito al superamento delle categorie dello spazio e del tempo, quindi, dei limiti della vita. La forza evocativa della immaginazione consente di spaziare nell’eterno e di rifugiarsi nell’infinito per raggiungere l’immortalità metafisica dell’anima. Leopardi c’è riuscito. Leopardi è il nostro Maestro.

Nella “Innocenza perduta” il divenire dell’esistenza è vissuto come momento fuggevole che l’essere, perduto il candore dell’innocenza, non potrà più recuperare. Serpeggia un sottile velo di malinconia misto al pessimismo della ragione.

In “Alito di Vita” c’è la conferma: la Vita è rappresentata come ..un perenne chiaroscuro, che non dà scampo ed è come ...un labirinto segnato dal fatale destino E, tuttavia, l’autrice ci indica l’Amore come via d’uscita dal labirinto, una sorta di filo d’Arianna, che ci potrà salvare dal nichilismo di un’esistenza a senso unico. Questo Amore, nell’accezione platonica, insieme alla ricerca incessante del bene e della verità, è inteso come una panacea e come la luce di un faro che ci indica l’imbocco di un porto.

“La Vanità delle sorti umane” è una lirica che tratta il tema delle illusioni. La vita stessa dell’uomo… di invisibili brandelli di Ego vestito… su per la via dell’inganno… è  una corsa disperata verso il nulla, un susseguirsi di atti sconnessi e senza valore… che termina con la vecchiaia e la morte. È, comunque, un invito a vivere bene il tempo, a vivere con gioia il presente e a non credere o sperare in cose che sono destinate, prima o poi, a scomparire.

Il Fiore della Vitae “Ai cari estinti” trattano, con immagini diverse ma identica emozione, il tema della fragilità umana e del transeunte passaggio terreno.

Con “A una persona molto speciale” tocca con discrezione e tenero pudore il tema dei sentimenti affettivi: è una lettera al padre defunto rimata con commozione misurata perché mediata dalla consapevolezza dell’ineluttabilità della morte che, come una spada di Damocle, ci accompagna costantemente.

L’accorata lirica “I semi della Speranza” ha un taglio didascalico. L’autrice leva alto e solenne il grido evangelico dell’Amore universale; manifesta un pervicace ottimismo della volontà, che si sostanzia nella speranza che la granitica roccia del disimpegno si frantumi e sparga il seme del bene e della libertà in questo atomo del male.

L’“Arcobaleno degli oppressi” è una poesia di denuncia di grande intensità; come un torrente in piena le immagini poetiche travolgono il lettore con la loro forza evocativa e tracima la pacata indignazione dell’artista, che rifiuta lo sterile ruolo degli onesti con il bavaglio. Il sentimento della solidarietà per l’uomo che soffre supera gli angusti confini del proprio particulare nazionale per abbracciare l’umanità intera e levare un grido di dolore anche quando il malanimo degli oppressori colpisce in luoghi remoti non solo geograficamente, ma anche culturalmente. L’alterna storia delle vicende umane ci pone spettatori passivi delle tragedie di popoli che l’un contro l’altro combattono un’assurda lotta per la sopraffazione dell’uomo sull’uomo, ma è qui il discrimine tra l’impegno civile di un animo sensibile e sodale e la superficialità di chi conduce una vita ad interim.

In un mondo dominato dalla ricerca continua del vacuo, dell’effimero, di una penosa superficialità, di un doloso disimpegno, del consumo scellerato, usata come narcotico per lenire l’insoddisfazione strisciante che serpeggia nella vita dell’uomo e come viatico nella tragica corsa verso il baratro del nulla, l’autrice ci suggerisce “Il Tesoro dentro di noi” per superare di slancio quella che io chiamo la menata della vita

L’Anima è il luogo dove possiamo trovare tutte le risposte per rinascere e ricreare una vita autentica e dignitosa. È la sua ricetta poetica: sta a noi assorbirla o respingerla.

 

 

A. Borgh

Pachino, novembre 2010

Fulvio Maiello, Il crepuscolo della nobiltà, Libreria Editrice Urso

RecensioniUn’immagine… una sola.
Un balcone… non uno qualsiasi ma uno fra i più belli del mondo… antico, sontuoso, monumentale dalla ringhiera panciuta in ferro battuto, sorretto da un maestoso mensolone di pietra bianca calcarea abilmente scolpito e raffigurante sirene…
Ecco, su uno sfondo dall’intenso colore giallo oro, è questa l’immagine posta in primo piano alla copertina del bel libro di Fulvio Maiello “Il crepuscolo della nobiltà”, come simbolo di un passato glorioso…
Un’epifania… a rappresentare la ricchezza e lo sfarzo dell'epoca barocca in Sicilia e, al contempo, il desolante, triste declino di una elite tradizionale. Metafora di un universo destinato, come tutto e tutti, a perire nella polvere e nell’oblio... in quel nodo fra tradizione e velocità dei mutamenti.
In un trionfo di stile ricercato e di creatività fino al parossismo, dunque, un balcone, fra i tanti, di un fastoso palazzo storico nella sublime, sorprendente, stupefacente bellezza della Noto aristocratica ed elegante della prima metà degli anni Cinquanta, in una fase di preludio al cambiamento economico, che costituisce lo sfondo di questa fantasiosa storia, su cui si consuma il languido e struggente tramonto di un antico casato dell’elite tradizionale netina, quello della famiglia dei baroni Piazza d’Alveria … assieme al desiderio di tenere vivo il ricordo della sua magnificenza, dei vetusti splendori di quella che è stata… e ora non è più!
“Non ci sono più i balli e le feste di un tempo… quando la nobiltà era una cosa seria, una missione.... Era cominciato il declino dei nobili, chiusi nei loro riti… Erano le famiglie più fedeli al re al tempo della casa regnante dei Borboni e a corte avevano ricevuto i privilegi, i titoli nobiliari e vasti latifondi, ma ora erano ridotte a difendere con le unghie e i denti i loro possedimenti dalla nuova politica venuta in auge dopo l’unità d’Italia…”.
Sotto la luce rischiarante dell’inquadramento temporale, la lucida analisi di Maiello non fa che mettere in risalto la netta incompatibilità tra la nobiltà e la modernità, tra la nobiltà e la politica. E’ l’incolmabile fossato tra una nobiltà che spreca la sua agonia in uno sterile recupero degli antichi privilegi e una società che, nel corso della sua inarrestabile trasformazione, vive momenti di profonda crisi…
Ora “un vento nuovo soffiava sulla Sicilia e aveva l’odore del progresso e dei commerci… a Noto tutto stava cambiando velocemente… Le famiglie nobili…, per la prima volta nella storia, si scoprivano deboli e indifese e non riuscivano più a guidare gli avvenimenti…”.
In questo malinconico scenario, oscillante tra vecchio e nuovo, in cui tutto sembra sfuggire di mano e nulla può soddisfare il casuale succedersi di eventi, ciò che convince del racconto di Maiello è la sapiente costruzione di vicende che, intrecciandosi in una ghirlanda di spunti, di elementi inventati e reali allo stesso tempo, vanno a comporre un raffinato quadretto d’antan, una storia ben calibrata nell’impianto narrativo, sottile e precisa come un ricamo, che non sarebbe dispiaciuta a Tomasi di Lampedusa, l’autore del “Gattopardo”.
Le dinamiche politiche, sociali, economiche di quegli anni, insieme a quelle indicative di una buona conoscenza della storia dell’arte, sono tutte ben presenti all’autore, che, possedendone le chiavi interpretative, evita di darcene una traduzione didascalica e preferisce invece affidarle ai suoi personaggi, che le fanno scaturire direttamente dal vissuto quotidiano.
Nei colloqui, vivaci e frequenti, nelle puntuali descrizioni di quell’ambiente frivolo e leggero, nelle accurate e fantasiose ricostruzioni dei fatti, emerge una poliedricità di eventi storico-sociali reali, significativi degli anni Cinquanta (come le lotte per la riforma agraria e per l’occupazione, l’emigrazione, il “Miracolo economico), che segnano il trascorrere del tempo e illustrano efficacemente sia i sintomi del disfacimento nobiliare e della debilitazione personale sia le condizioni di vita e di lavoro delle classi sociali meno abbienti.
La lettura del romanzo, attraverso le digressioni sulle vite e vicende parallele e incrociate, coinvolge profondamente il lettore e gli restituisce il piacere di fare una speciale passeggiata a ritroso nel tempo per immergersi, con naturalezza, nel cuore antico di uno spazio circoscritto così pregnante di emozioni, capace di contenere una moltitudine di gesti e discorsi, di gioie e speranze.
Le sequenze, simili ad eleganti riquadri in miniatura, sono studiate non solo per tratteggiare personaggi a tutto tondo, ma anche per delineare accuratamente ambienti, situazioni con parole che, a volte, sfiorano la poesia, tramutandosi in versi...
I connotati fisici e geografici dei luoghi, puntualmente descritti con dovizia di particolari da Maiello, infatti, sanno restituirci con efficacia immaginativa un agglomerato sensibile di essenze naturali, quali il clima, i profumi, i colori e le luci, che si associano amabilmente ad antichi ritmi quasi alla ricerca di una ieraticità della terra, di quell’affascinante, infuocato, nobile lembo della Sicilia sud-orientale: Noto e dintorni… San Corrado, i paesaggi… in quel loro misto di terra e di mare, di vento e di afa, di sole e di ombra…
“Un paese calmo e composto”, un luogo… che, come ebbe a dire la stesso Gesualdo Bufalino, “se uno ci capita, resta ammaliato, intrappolato e felice”. “Il Giardino di pietra incantato, il giardino delle fate… che sembrava una cartolina turistica… con un susseguirsi straordinario di opere monumentali… dotata di un’anima che si manifestava con fremiti leggeri nel passaggio dalla luce delle facciate di pietra all’ombra delle vie”.
Reali, vivide immagini d’ambiente queste, sempre gradevolmente incastonate nel racconto e, così, abilmente fuse con le figure dei due baroni protagonisti, padre e figlio, che si snodano tra le pagine del romanzo in un itinerario fluido e costante, mescolandosi, sempre sul filo della fantasia, con la storia e la vita degli altri personaggi.
Senza enfasi e con la delicatezza del conoscitore profondo dell’animo umano, all’interno di una realtà soffocata dalle apparenze, il narratore mette in luce un caleidoscopio di umanità: i sentimenti, le espressioni, i conflitti interiori dei baroni, Lorenzo e Francesco Piazza d’Alveria. Ultimi rappresentanti di quella aristocrazia “avvinghiata all’imperativo di declinare sopravvivendo o sopravvivere declinando” (G. C. Jocteau) nel trapasso tra antico e moderno, nel momento storico di svolta tra un passato regime e un avvento borghese.
Il barone Lorenzo, anziano e infermo a causa di una paralisi alle gambe, fin dall’incipit, rivisitando la sua vita come sono solite fare le persone avanti con l’età, si presenta introspettivo… è “un sentimentale nostalgico che viveva di formalità e ricordi e non si accorgeva che i tempi cambiavano… si rivedeva giovane quando girava in lungo e in largo per le sue campagne con il calesse e i contadini si levavano la coppola al suo passaggio…”.
Il figlio Francesco, invece - come si legge nel romanzo – “sembrava non avere ereditato nulla dell’antica nobiltà del casato”. Presto, però, “cambia pelle e testa…”. Dietro le sollecitazioni del padre a curarsi delle vaste proprietà di famiglia, il giovane barone, infatti, passa da una gioventù godereccia a uno stile di vita più assennato.
Ritrova l’amore vero per una ragazza della buona borghesia netina e si impegna in un’attività imprenditoriale volta a un ammodernamento economico dei suoi vasti possedimenti. E’ ora un uomo sicuro di sé… seriamente proiettato verso “il giorno che verrà…” di una nuova alba!
Con un atteggiamento elegiaco e pensoso, l’autore delinea, scruta il percorso evolutivo del giovane barone, il quale, al di là della nobiltà di sangue, testimonia la vera nobiltà sfatando in tal modo il classico clichè di un’innata superiorità di questa rispetto alle classi sociali subalterne.
“La nobiltà - è lo stesso padre a ricredersi sulla sua funzione - non poteva costituire una differenza rispetto agli altri uomini perché tutti nascono allo stesso modo, nudi e indifesi, belli o brutti, sani o malati… Nobili si era nell’animo e la nobiltà era una categoria dello spirito non attribuita da una pergamena o da uno stemma, ma innata nel cuore e nella mente”.
Francesco, consapevole della progressiva parabola discendente del suo ceto e dell’economia agricola, su cui esso, per secoli, ha costruito le sue fortune, ora è pronto a “dare… a fare qualcosa che vada a beneficio dei concittadini per aiutarli nelle attività d’impresa…”. E, acutamente, intuisce che “esisteva un altro mondo al di fuori del suo… non più diviso in due categorie… che niente era più come prima… che i vecchi riti familiari non avevano più senso e la considerazione della gente non si basava più sul titolo ereditato dagli avi ma sulle qualità e l’intelligenza personale”.
Ora una luce improvvisa trapassa la mente del giovane barone e arriva al suo cuore come uno spiraglio nelle tenebre, che gli permette di uscire dal suo bozzolo dorato: è la spinta di un sentimento di riabilitazione, che rappresenta la storia della sua realizzazione personale, è la via per la rinascita, è la scoperta dell’Amore…, attraverso una nuova visione del mondo generata da forze centrifughe opposte sorprendentemente cariche di vitalismo, di azione e di speranza.
Nelle ultime pagine del romanzo l’epilogo, che rivela la coerenza e la tenuta dell’opera, vede l’anziano barone finalmente sereno e soddisfatto: l’attività imprenditoriale è ormai avviata e il sogno di vedere il figlio mettere su famiglia è realizzato. Ora vive con la garanzia di una continuità nella tradizione e nel ricordo, ma con lo sguardo avanti… di un futuro certo nella continuità del proprio casato.
E’sicuramente il modo più esclusivo di dare un senso alla propria vita, di salvarsi dall’abisso dell’incipiente dissoluzione, e di credere nei valori nobili e immutabili, attraverso la memoria.
Ed è anche un modo per ricordare ad ognuno di noi che, pur nella negatività del reale, c’è sempre posto per un orizzonte, al di là del quale possiamo guardare per andare verso un futuro che ci appare nuovo e meraviglioso…
“E’ la musica che nessuno ha scritto ma che tutti possono sentire, se solo lo vogliono”.

Mary Di Martino

copertinaFULVIO MAIELLO
Il crepuscolo della nobiltà
2010, 8°, pp. 128
Collana MNEME n. 29
13,00 acquista
ISBN 978-88-96071-26-7

Recensioni
POETA PRESENTA POETA

Mary Di Martino
per
“Le nostre esistenze” di Sonja Alia
“Cerco l’infinito” di Lucia Bonanni
“Vibrazioni sconosciute” di Cettina Lascia Cirinnà
(Libreria Editrice Urso)

“La poesia è un vomere che ara
e rivolge il tempo,
portando alla superficie
i suoi strati più profondi e fertili;
la sua terra nera torna alla luce.”
(Mandel'ŝtam)

 

di...versiLa loro fioritura - un candido sbocciare in filari che dipingono incantevoli vie di fuga verso il cielo, là dove le nuvole cambiano continuamente forme e direzione, come i pensieri, come le sensazioni - è uno dei più poetici annunci di primavera che la natura siciliana sappia regalare allo sguardo... Ebbene, è proprio pensando ad essi, ai mandorli della mia terra, che mi sovviene un paragone con la variegata “esplosione” di poesie fiorite, da nord a sud, di questa bellissima primavera letteraria avolese, di quel dì di marzo, all’interno della splendida cornice in cui si è attuata e conclusa l’edizione 2011/2012 del Concorso: “Libri di-versi in diversi libri”.
Nelle eleganti e policromatiche vesti grafiche della Libreria Editrice Urso, i numerosi libri di poesie presentati in concorso sono stati scelti e pensati come tanti diversi tasselli di un grande mosaico emozionale sapientemente confezionato, come una mappa esauriente, un sistema aperto in uno spazio in cui sono venute a convergere le specifiche individualità degli scrittori emergenti e di talento, ognuno con le loro interiorità ed esperienze di vita, con le loro virtuosità poetiche e scritture differenziate. Ma uniti tutti dall’affinità delle loro anime e dal comune amore per la Poesia, intesa, secondo la concezione di Paul Celan, e che io condivido, come “luogo utopico”, ma pur sempre realissimo, di un possibile incontro con l’altro. Luogo che il poeta rumeno identifica con il “meridiano” (titolo omonimo della sua nota opera), figura immaginaria, metaforica, geografica, segno convenzionale e criterio di orientamento nello spazio e nel tempo. Una linea immateriale, ma allo copertinestesso tempo terrestre, reale che indica una direzione attraverso svariati territori biografici e concettuali, su cui ogni individuo, (ogni poeta), ha la possibilità di tracciare il proprio cammino verso l’altro o ciò che è “altro”, dilatare lo sguardo al di là dei confini nazionali, scorgere connessioni nuove, congiungendo voci associate e fuse, provenienti da spazi, tempi, e lingue diverse.

Un pensiero, questo, capace - come afferma Mandel’štam ne “La parola e la cultura” - di muovere e rivoltare le zolle della cultura, avvalendosi di un “vomere” altrui, la poesia, appunto. Tendenza, a me pare, riscontrabile anche in quella che è stata l’anima del Concorso letterario organizzato da Ciccio Urso, per quel gesto di “meridiano” scambio empatico tra un poeta e l’altro che ha caratterizzato l’intero evento letterario, per quel mettersi in comunicazione, in simbiosi con l’interlocutore che diventa elemento dell’Io, fino ad esserne parte costitutiva. E', infatti, nello scambio, nel continuo confronto con il mondo circostante, che l’anima umana prende anche coscienza della sua complessità e ricchezza.
Questa, si può dire, l’essenza che sostanzia tre silloges d’esordio, fattemi dono dalle stesse autrici mie amiche, che, grazie all’irripetibile individualità di ognuna, concorrono a formare una koinè tutta al femminile, creativa e coinvolgente insieme. Si tratta de “Le nostre esistenze”, “Cerco l’infinito”, “Vibrazioni sconosciute” (Libreria Editrice Urso), rispettivamente di Sonja Alia, Lucia Bonanni e Cettina Lascia Cirinnà, tre donne diverse per personalità, ma accomunate da un’intelligenza marcata mista ad una estrema sensibilità.
Leggere i loro versi è stato come trovarmi di fronte a un potente afrodisiaco per l’anima, a un caleidoscopio di indescrivibili emozioni! Mi sono entrati subito nel cuore perché parlano sommessamente e semplicemente di ciò che sentiamo…
Da essi emergono tutte le peculiarità artistiche e culturali di ognuna, sottolineate in tutto il loro incisivo spessore. In particolare, si percepisce un sottile filo di senso, quasi invisibile, che lega non solo ogni parola all’altra, ma un mondo interiore all’altro, quasi a tracciare, pur con le differenze significative delle espressioni poetiche e della metrica, uno stile compositivo che riesce, con effetti e declinazioni assai diversi e personale, a coinvolgere chi legge come trascinato da una scia di vento, che ti prende e poi ti lascia andare, in una sarabanda semantica di visioni oniriche e reali... “Offrire una poesia, e la propria apertura ad esplorarla insieme, è dichiarare la propria disponibilità ad accompagnare l'altro nel suo sentire nascosto e pudico.”
Far correre la mente sulle parole di queste poetesse è come passeggiare su un arcobaleno, volare tra le galassie, navigare tra le stelle, vivere per un po' abbracciati alle loro anime così calde e radiose, così pulite, sottili, palpitanti… e così morbidamente femminili! Questo è il sussulto inebriante che a me ha offerto la loro poesia: tutto il canto dell’universo dentro di me, per quel valore supremo dell’immaginazione che diventa conoscenza, grazie al lavoro dell’artista che la rende eterna, in quanto “quel che l’Immaginazione coglie come cosa bella, quella deve essere la Verità.” (J. Keats).
“Entrare" come per magia nelle intenzioni che hanno scaturito la nascita di quelle parole è come scoperchiare ciò che non è esplicito, estrarre dalla polvere che ha ricoperto le pagine ricordi, sensazioni, turbamenti… Mi è sembrato quasi di vivere la stessa emozione d'un archeologo che scava nella terra, nel passato, nell'oscurità del tempo, per riportare alla luce ciò che era sepolto, sedimentato, dimenticato, celato sotto un sottile velo di terra. Per tirar fuori anche un solo bagliore, dove non si credeva di poterlo trovare…, un bagliore che renda giustizia a emozioni taciute e, forse, mai condivise, affinché riconduca al messaggio autentico di amore per la vita e possa creare empatia. Sì, proprio quell’empatia, di cui ho fatto cenno sopra, grazie alla quale, proprio in virtù di quel vecchio principio ermetico che da sempre conferma che “siamo tutti costantemente in contatto”, un “io” insieme agli altri “io” sarà capace di tessere questo grande arazzo che è il mondo, pieno di strappi, sì, ma non ancora troppo tardi per immaginarlo come il migliore dei mondi possibili.
E queste poesie, oltretutto simili a pregevoli e precise miniature di Holbein, sono la dimostrazione di quanto ciò si possa realizzare, nel loro tentativo di valutare il senso della vita e di raggiungere, in un mondo caratterizzato da miseria e sofferenza, qualcosa di permanente da conservare nel tempo.
In questo processo di analisi e di immedesimazione, nel quale “ è me che vengo a cercare... perché è in te che sono.” (A. Anzellotti), le voci delle tre poetesse diventano un tutt’uno con la bellezza del pensiero e la forza magica e trasformativa della loro poesia. Forza incantatoria che, attraverso il gioco delle parole, muta con meraviglia e lirismo nascosto forma, colore, sostanza a seconda delle sfumature che vuole comunicare ed imprimere al messaggio. Non sono più il pensiero e l’emozione a venire trasmessi per mezzo del linguaggio, ma è il linguaggio stesso a generare un suggestivo spazio semiotico, in cui il lettore diventa interprete attivo e creatore di senso.
Copertina AliaE su questa superficie di senso e di segni, così finemente increspata, s’innesta la silloge poetica “Le nostre esistenze” di Sonja Alia, una raccolta variegata di stati d’animo stilati con l’inchiostro dell’emozione sul cuscino di versi e strofe che incantano per la loro sottile e leggera eleganza architettonica, in cui l’uso degli spazi bianchi e l’assenza della punteggiatura vogliono esprimere la volontà di un monologo tutto interiore, pause di silenzio che sono propri dello spirito e della mente.
Quelli della Alia sono versi che, come quei candidi fiori di mandorlo o come i petali dei fiori di ciliegio, profumano di delicato sentimento d’amore, di speranza e attesa, di “… un’attesa / che muti il silenzio in concerto / di suoni e rumori / che / riempiano l’aria ed il cuore / di nuove / e / di antiche parole”. E si tramutano in un’elegia teneramente proustiana del tempo perduto, in quanto “corrono gli istanti della vita… trasformando i palpiti del cuore in schegge di ricordi da assemblare con stupore…”.
Sono parole - note su quel pentagramma che è il foglio di carta della nostra vita, su cui la nostra poetessa compone ed imprime pensieri ed immagini che si fondono in una sinfonia dolce e malinconica, dove indelebili ritagli di felicità e dolore, memoria affettiva, sussurri di ricordi e sensazioni sono gli arpeggi delicati di una partitura impaginata con il filo rosso dell’Amore. Attraverso questa silloge, che ha una propria luce, è possibile respirare il sentire sincero e introspettivo dell’autrice avolese, entrare con sorprendente naturalezza tra le righe dei suoi versi, ricavandone tenue sfumature e un universo di sentimenti condivisi.
In Sonja l’uso vibrante della parola, condensata in immagini e metafore, e avvitata alla forza interiore, si converte in densità di pensiero, in emozioni… quelle stesse emozioni che battono nel suo cuore. Un cuore che “… fa pace col dubbio e il dolore… ”, e nel quale “… si avverte / profondo / il mistero della vita che nasce / ma che niente conosce… “, un cuore, comunque, “… sempre assetato d’arsura d’amore”, e dove l’anima, l’intima vita dell’essere sensibile vissuta con coscienza vigile e attenta, si rivela in termini rari e profondi.
La sua poesia, misticamente bella come l’Ave Maria di Schubert, calibrata sugli affetti familiari, sui rapporti umani, ma anche volta alla sensibilità per l’aspetto metafisico della vita, è essenzialmente ricerca, meditazione nelle parti più fragili del nostro essere. Quasi viaggio in “questo universo / d’incontri / di fatti / che / ignari se realtà o parvenza / noi vivi chiamiamo esistenza”, e dove “siamo pugni di anime / proiettate nell’indefinito / come lo sono le stelle / nel buio infinito” e “le nostre esistenze / (sono) identità / che / scivolano / ogni giorno / fluttuanti e diverse…”.
La silloge “Cerco l’infinito”, di Lucia Bonanni, è la poesia stessa… Quella poesia che, secondo il parere dell’autrice, “fra tutte le arti è la più genuina, per quel suo sgorgare repentino dall’animo”, attraverso il “muto fragore” delle parole “che tra le righe / frantumano pensieri… le simmetrie / di luce che tra le sillabe / prendono colore… / e… che sulla pagina intonsa / un frusciare d’ali / lascia di seta…”.
Indizi, questi, di una poesia ialina che predispone l’animo al sublime, alla chiarità di montaliana memoria e, al contempo, manifesta una sua profonda autenticità, una labirintica forza dettata, come lei stessa nota, dal “desiderio sempre inquieto di concretizzare le idee... di condividere le pene di molti e dare poesia agli uomini… “Ehi, tu…, uomo / del terzo millennio, / imbevuto di bit, giga e ciberspazi / e da mille fronzoli / attratto, / che dinanzi alla mia penna / con fare allucinato / passi distratto… / allenta un momento il passo…”.
Tentativo il suo che si concretizza nella poesia, al fine di raggiungere qualcosa di permanente, non effimero, di recuperare i valori dell’esistenza contro la civiltà del rumore e del fatuo, attraverso il dono di “quel caleidoscopio di emozioni”, proprio perché di quel “soffio vitale e trasparente non si può fare a meno…” Verità riecheggiante “nella riposata stanza” (G. Pascoli) della Poesia, appunto, che consente di penetrare nella melodia segreta delle sfere celesti e di dare, secondo la convinzione di Wordsworth, “un’ancora di stabilità” alla vita, “essendo la sola possibilità di compensazione di un vuoto abissale.” (S. Raffo).
Copertina di Lucia BonanniLa poesia della Bonanni, pregna di un’innegabile fermezza morale, e insieme, fusa nelle passioni e nei sentimenti che ha come sottofondo il rumore della vita, viaggia nei versi come un fiume in piena… Avvolge e coinvolge per la forza icastica ed il mistero rivelatore della parola, in un cercarsi e un cercare continui, in un divenire cosmico, non rassegnato, dove si cercano le proprie radici e le proprie ragioni di vita. Da essa traspare un’anima profonda e sensibile: quella della persona che sa, conosce la fragilità della vita, le condizioni sociali, i disvalori e cerca, nell’inconscia speranza, di comunicare agli altri il proprio amore e trovare oltre la parola il centro, l’equilibrio dell’anima.
I versi di Lucia sono intessuti di corpose ghirlande di aggettivi, simboli, metafore, talora fuori dal tempo reale, che si incrociano, si rincorrono e rilanciano un linguaggio innovativo di forte impatto emotivo, grazie a quelle “intermittenze del cuore” – per dirla con Proust – che ci riportano alla memoria eventi o persone rimaste in ombra e che servono per ritrovare se stessi, o magari, per reintegrare “vuoti” del proprio vissuto.
E su questa superficie cromatica, nutrendosi di quella libertà sintattica che coincide con la libertà dello spirito, i suoi versi si pongono quasi come un “parlar cantando”, respirano un’aria nuova, riescono ad illustrare, evocare nel bianco di una pagina, nel mistero e nei riflessi intensi di poche parole, tutta un’umanità con i suoi stati d’animo e le sue emozioni più recondite: il mondo degli affetti, dei ricordi, quello dei bambini, degli umili e indifesi… “Quel globo… / quel pianeta / da dita sorretto di quanti / in misteri di cosmica affinità / un futuro migliore sperano ancora…”.
Non sono però quasi mai quadri reali, definiti nei suoi contorni, quelli che i suoi versi tratteggiano con tanto scrupolo. Caratterizzate da azzurrità e luce, le parole di Lucia Bonanni sembrano dissolversi e ricomporsi, quasi in una sorta di confusa dissonante orchestrina, per quell’intrecciarsi di trascendente e contingente, per quell’avanzare lentamente in un “altrove” più evanescente e sognato, dove c’è un’attenzione, una premura tipica di quell’ansia che consente alla poesia il “volo dell’albatro”, secondo la struggente immagine di Baudelaire. “Volo” che è anche tensione interiore che vibra con le correnti del nostro cuore, anelito, sete di ricerca di libertà e d’infinito che prende l’anima e la trascina in un viaggio affascinante, senza alcuna limitazione di tempo e di spazio, .
“Per andare dove amico?” – chiederebbe J. Kerouc, “On the road” – “Non lo so, ma dobbiamo andare e non fermarci mai, finché non arriviamo”. E per Lucia “quella dell’Infinito / è una sete che non si placa /e un vagabondare che non si arresta… desiderio di eternità… ombra che insegue (o) / tra dolci rime e colori sognanti…”, o “meta… nel sito sconfinato della (mia) memoria / così falsa e così vera”, che diventa “un ponte levatoio” tra “contrappunti di tinte e teorie di pensieri”, al confine tra sogno e realtà.
E in tali dimensioni e luoghi della mente, quando non si sa più dove finisce la realtà e comincia il sogno, tra l’interno e l’esterno, tra l’io e il mondo, tra i flussi inquieti e i riflussi arcani dell’anima si trova a cercare risposte anche Cettina Lascia Cirinnà, con la sua silloge poetica “Vibrazioni sconosciute”.
Vibrazioni, le sue, che si trasformano in versi intrisi di delicato sentimento, e questi in suoni, in cui la parola, come una corda di violino, non perde la sua essenza, ma viene investita di nuova energia. Sono parole che riescono a rubare l’impressione del momento, versi dallo slancio luminoso e fulmineo che si tramutano in schizzi colorati su una tela, la tela della vita. E come un “fascio di luce” illuminano i pensieri, “i petali puri e vergini di pensieri” che “affiorano dalla sabbia rovente / per dischiudersi / al chiarore della luna / e offrirsi così / senza reticenza alcuna / alle gioie dell’amore.”
Con accorata musicale limpidezza – quella stessa musicale limpidezza che connota gran parte delle malinconiche e struggenti melodie di Debussy – la poetessa scrive il suo sentimento scavando nell’alveo del tempo, “di un tempo presente / per sempre passato”, che delinea il carattere intenso e lacerante con cui affiorano “sopra un tavolino sgangherato / di memorie lontane…” affetti familiari, luoghi, persone e ricordi “stipati nella memoria / archiviati per stagione, per mesi, / per sospiri…”, in quella “scatola... colma di ninnoli e di foto / di un tempo / che non tornerà / mai più.”
copertinaI versi di Cettina si dispiegano come un vortice di sensazioni ed emozioni frammiste ai ricordi, come una spirale ascensionale che ci sorprende, ci fa gioire o soffrire, perdere la misura del tempo, ma senza mai farci perdere il filo della speranza! “Nel cerchio dell’esistenza / pareti bianche / si infrangono / ed io paziente / aspetto un fiore delicato / far capolino /da un terreno / avido /di speranze.”
Nella mente di Cettina rivivono situazioni e visioni trapuntate di nostalgica intimità, in un’evasione dell’Anima che “si dondola indifesa / tra i laghi e il mare / e raccoglie i cocci / di un cuore in eterno affanno.” E nel suo “acquario dell’Anima… / nuotano in ogni direzione (....) vestiti, oggetti regalati, fermacapelli, nastri colorati, bracciali, collanine…” che “in silenzio aspettano / di rivivere nei ricordi / di un passato recente…” Tutti tasselli colorati di un mosaico infinito nascosto “nei materassi della memoria”. In quella “memoria di corpi astratti” che “ riempie la mente,” e “svilita aspetta il domani /… diverso dall’oggi”, in un “divenire (che) si fa mistero e avvolge stanze vuote di vita.” Pensieri e vita, concetti e immagini si intrecciano, si accavallano come il susseguirsi delle onde marine! Le atmosfere sono allusive e sognanti, le rievocazioni, dai contorni indefiniti, sono rese con un commosso realismo descrittivo, dalle quali si possono scorgere lampi eterni con cui si “insaporiscono” i giorni della nostra vita.
Nella poesia della nostra autrice tutto può essere una “porta” che si apre; basta una lieve pressione e qualcosa può accadere! Può aprirsi “ uno spiraglio / di vita vissuta…”, attraverso cui “ombre e luci si rincorrono… / gioie e dolori si alternano…”; si possono aprire “orizzonti… sul mare infinito”, “strade senza margini / confini aperti all’infinito / senza steccati…” dove “i pensieri / corrono liberi / senza costrizioni.” E' l’afflato, la grazia spirituale che si manifesta, la porta dell’anima… la sola in grado di esplorare la vastità del cuore, poiché solo nell’immensità del cuore si trova l’accesso alla bellezza di tutte le cose, e la Poesia - come ce lo dimostrano Cettina, Lucia e Sonja - è la più bella risposta al richiamo dell’Anima… e alla sua eterna Bellezza.

 

Mary Di Martino

 

Collana ARABA FENICEacquista
La felicità alternata al dolore, la poesia come territorio privilegiato per le migliori e sincere evoluzioni che rinasce contro ogni male e delusione, con, non rara, la denuncia dell'illogicità del nostro tempo...

    copertina

    1. Franco Caruso, Metti in valigia un’emozione, 1986, 8°, pp. 80 – Esaurito
    2. Franco Caruso, …E il tuo profumo inonda il domani, 1987, 8°, pp. 72 – Esaurito
    3. Franco Caruso, Se cerchi il mistero delle irraggiungibili meteore, 1988, 8°, pp. 55 – Esaurito
    4. Giovanni Stella, Miraggi, 1989, 16°, pp. 96 – Esaurito
    5. Antonio Caldarella, La luna sfogliata dal vento, 1991, 8°, pp. 56, ill.,  7,00
    6. Giovanni Stella, Datteri verdi, 1991, 16°, pp. 86 – Esaurito
    7. Sebastiano Burgaretta, Diario del golfo, 1992, 16°, pp. 32 – Esaurito
    8. Giovanni Stella, Gusci di mandorle, 1993, 16°, pp. 48 – Esaurito
    9. Giovanni Stella, Cinquantesimo, 1998, 8°, pp. 16 – Esaurito
    10. Rosaria Cammisuli, Passa il vento, 1998, 8°, pp. 52, 7,00
    11. Salvatore Tiralongo, Passaggio eterno, 1999, 8°, pp. 8 – Esaurito
    12. Sebastiano Burgaretta, Mpizzu ri fuddia, 1999, 16°, pp. 32 – Esaurito
    13. Giovanni Stella, Lapilli, 1999, 16°, pp. 76, 7,00
    14. Alessandro Patti, Il pomeriggio, 1999, 8°, pp. 176, 15,49
    15. Maria Bugliarisi, Di questo mio essere, 2001, 8°, pp. 80 – Esaurito
    16. Corrado Di Filippa, Nei pensieri in sporadici sogni, 2000, 8°, pp. 48, ill., 7,00
    17. Corrado Tiralongo, Fissazzioni - Poesie dialettali, 2001, 8°, pp. 112, 8,00
    18. Sebastiano Burgaretta, Trame del Mediterraneo (con una nota di Silvana Grasso), 2003, 16°, pp. 64, 8,00
    19. Benito Marziano, Altri anni, 2006, 8°, pp. 64 – – Esaurito
    20. Antonio Caldarella, Detto fra noi, 2007, 8°, pp. 64 – Esaurito
    21. Carmela Monteleone, Schegge… di un copione ingabbiato, 2005, 8°, pp. 64, 8,50
    22. Angelo Rullini, Ai figli di Marte, 2006, 8°, pp. 54 – 8,00
    23. Enrico Camaggi, Tra lampo e tuono, 2006, 16°, pp. 64, 6,00
    24. Giuseppina Rossitto, Vita nei campi incolti e inariditi, 2006, pp. 80 – Esaurito
    25. Benito Marziano, Sisifu - Poesie siciliane, 2006, 8°, pp. 64 – ISBN 978-88-6954-104-9 – Esaurito
    26. Patrizia Tomba, Emozioni e ballate della nostalgia, 2006, pp. 80, 9,00
    27. Antonio Rametta, I miei primi passi nell'anima, 2007, 8°, pp. 96, 10,00
    28. Antonio Rametta, All'amore meno odiato, a un equilibrio ritrovato, 2007, 8°, pp. 104, 10,00
    29. Antonio Rametta, Concreto, 2007, 8°, pp. 128, 10,00
    30. Antonio Rametta, 16-02, 2007, 8°, pp. 96, 10,00
    31. Annina Rizza Scifo, È sera, 2007, 8°, pp. 56, 7,00
    32. Silvano Notari, I sorrisi del pensiero - Poesie, 2007, 8°, pp. 88, 10,00
    33. Linuccia Blanco, Imprinting, 2010, 8°, pp. 64, 10,00 – ISBN 978-88-96071-34-2
    34. Giusy Cancemi, Un po' di me attraverso il mare... (Poesie), 2009, 8°, pp. 56, – ISBN 978-88-96071-17-5 – Esaurito
    35. Soleamaro, Ogni volta che vorrai (Poesie), 2009, 8°, pp. 56 + CD – ISBN 978-88-96071-19-9 – Esaurito
    36. Antonino Causi, Versi in libertà, 2009, 8°, pp. 56, – 9,00 – ISBN 978-88-96071-20-5
    37. Angelo Rullini, L’autra facci, 2010, 8°, pp. 64, 10,00 – ISBN 978-88-96071-29-8
    38. Corrado Bono, La nuova alba, 2010, 16°, pp. 64, 10,00 – ISBN 978-88-96071-36-6
    39. Paola Liotta, Aretusea, 2011, 8°, pp. 88, 10,00 – ISBN 978-88-96071-40-3
    40. Sonia Alia, Le nostre esistenze, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-56-4
    41. Maria Teresa Asaro,I Sette Peccati Capitali - Perle filosofiche in versi, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 –ISBN 978-88-96071-57-1
    42. Giuseppina Boccaccio, Cuore mio, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-58-8
    43. Francesco Bologna, Petali sul pentagramma, 2012, 8°, pp. 56, 9,50– ISBN 978-88-96071-59-5
    44. Lucia Bonanni, Cerco l'infinito, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-60-1
    45. Corrado Cancemi, Il tempo si è fermato, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-61-8
    46. Giuseppe Cardella, Ti lodo e ti canto, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-62-5
    47. Sandra Carresi, L'ombra dell'anima, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-63-2
    48. Fabiola Colombo, Ho ancora una parola per te, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-64-
    49. Salvatore Di Pietro, Pensieri inversi, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-65-6
    50. Francesca Di Stefano, Gocce di..., 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-66-3
    51. Liborio Erba, Colui che scrive..., 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-67-0
    52. Anna Maria Folchini Stabile, Il nascondiglio dell'anima, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-68-7
    53. Cristina Gervaso, Mentre le stelle dormono, 2012, 8°, pp. 56, € 9,50 – ISBN 978-88-96071-69-4
    54. Davide Giannelli, Vivere d'amore, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-70-0
    55. Federico Guastella, Geroglifico, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-71
    56. Giuseppe Ingardia, Recondite armonie, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-72-4
    57. Emanuele Insinna, La magia dei sogni, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-73-1
    58. Mariagrazia Bellafiore, Scivola tra le dita la sabbia, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-74-8
    59. Laura La Sala, Sarò leone, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96075-75-5
    60. Cettina Lascia Cirinnà, Vibrazioni sconosciute, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-76-
    61. Veronica Lazzari, Veronicose - Poesie, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-77-9
    62. Cetta Lentinello, Grembo di versi, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-78-6
    63. Vanessa Leonardi, Versincorsa, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-79-3
    64. Manuela Magi, Deambulo sul sogno tuo, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-80-9
    65. Corrado Morale, Jauttri tempi, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-81-6
    66. Ada Neri, Penelope,,, il mio viaggio - dalla città dei Mille, mille pensieri, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-82-3
    67. Marianna Novara, Mediterraneo, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-83-0
    68. Giuseppe Pernagallo, L'eternità morirà prima del mio amore, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-84-7
    69. Domenico Setola, Intermittenze, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-85-4
    70. Valeria Spicuglia, Come rosa rossa, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-86-1
    71. Rita Stanzione, L’inchiostro è un fermento di macchie in cerca d’asilo, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-85-4
    72. Surano Paola, I giorni e le ore, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-88-5
    73. Maiello Fulvio, C’è un’isola nel mare senza tempo, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-89-2
    74. Turriziani Nadia, Vorrei urlare al mondo tutto, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-90-8
    75. Viotti Roberta, Eowyn, 2012, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-91-5
    76. Patrizia Andrich, Ho visto due cuori, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-97-7
    77. Giuseppina Boccaccio, Pensieri sopravvissuti - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-98-4
    78. Tiziana Boccaccio, Vibrazioni del mondo - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-99-1
    79. Lucia Bonanni, Il messaggio di un sogno - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-49-6
    80. Adele Campagna, …Di me cosa sapete? - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-50-2
    81. Giuseppe Cardella, Mezzu chilu di poesii - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-96071-51-9
    82. Sandra Carresi, Le ali del pensiero - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-00-5
    83. Paolo Caruso, I colori della speranza - Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-01-2
    84. Paolo Cillo, L’amore e la speranza - Poesie, 2013, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-02-9
    85. Fabiola Colombo, Quando osservo una foglia che cade da un albero – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-03-6
    86. Valentina Corbani, Dove tu sei – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-04-3
    87. Veronica Corradini, Orizzonte in frantumi – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-05-0
    88. Rosa D’Agostino, Brividi d’amore – Poesie, 2013, 8°. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-06-7
    89. Lucia Di Luciano, Ci sono giorni – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-07-4
    90. Carmela Di Rosa, I colori dei miei anni – Poesie, 2013, 8°, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-08-1
    91. Giovanni Catalano, Canti e cunti – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-09-8
    92. Anna Maria Folchini Stabile, A volte non parlo – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-10-4
    93. Maria Antonia Forte, Di sogno in sogno – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-11-1
    94. Giovanni Gangemi, Ricordati di me – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-12-8
    95. Domenico Giansiracusa, Il mio cuore – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-13-5
    96. Federico Guastella, Nuvole – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-14-2
    97. Giuseppe Ingardia, Volano gli anni senza mai ritorno – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-15-9
    98. Pompilio Ingrosso, Il vento e l’aquilone – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-16-6
    99. Cettina Lascia Cirinnà, Era il tempo della poesia (era il nostro tempo) – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-17-3
    100. Veronica Lazzari, Dizionario dei veronimi e dei contrari – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-18-0
    101. Anna Rita Lisco, Le voci di una conchiglia. Versi tra cielo e terra – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-19-7
    102. Maria Grazia Bellafiore, Emozioni – Poesie, 2013, 8°, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-20-3
    103. Davideadesso (Davide Bove), Verso il cielo – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-21-0
    104. Emanuele Lo Presti, Versi dei viali della vita, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-22-7
    105. Zaira Lorefice, Una stella per il tuo cielo – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-23-4
    106. Ada Neri, L’amuri si senti – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-24-1
    107. Ivana Orlando, Attimi di plastica – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-25-8
    108. Piazza Giovanni, Qui la filicità si fa puisia – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-26-5
    109. Francesca Sommantico, In un soffio di vita – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-27-2
    110. Loreta Salvatore, Poietica – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-28-9
    111. Raffaele Puccio, Arcobaleni – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-29-6
    112. Benedetta Sarrica, Spazio liquido – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-30-2
    113. Anna Scarpetta, Io sono solo un granello di sabbia – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-31-9
    114. Piero Simoni, Presenza – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-32-6
    115. Felice Serino, La luce grida – Poesie sparse (1980-2011), 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-33-3
    116. Maria Rita Scasciafratti, L’urlo dell’anima – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-34-9
    117. Ilary Tiralongo, Sogni di cenere – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-35-7
    118. Rita Stanzione, È a chiazze la mia bella stagione – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-36-4
    119. Gianni Terminiello, Destino di un poeta – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-37-1
    120. Gisella Toscano, L’altalena dei miei pensieri – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, 9,50 – ISBN 978-88-98381-38-8
    121. Paola Surano, La rosa in scatola – Poesie, 2013, 8°, pp. 56, € 9,50 – ISBN 978-88-98381-39-5
    122. Antonella Santoro, Nell’aria come vela – Poesie, 2013, 2013, 8°. pp. 56, € 9,50 – ISBN 978-88-98381-40-1
    123. Iolanda Alessi, Risvegli di memorie – Poesie, 2013, 8°, pp. 152, € 14,00 – ISBN 978-88-98381-41-8
    124. Emanuele Albanese, Il mondo che vorrei. Poesie? ...Forse no!, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00, ISBN 978-88-98381-47-0
    125. Patrizia Andrich, Tra le ortiche un papavero – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-48-7
    126. Sebinella Bianca, La melodia perfetta - Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-49-4
    127. Margherita Bianco, E finalmente la felicità – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-50-0
    128. Kevin Alex Bisinella, Sentire ancora una volta il sentimento – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-51-7
    129. Giuseppina Boccaccio, Poter sognare, ancora – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-52-4
    130. Loredana Borghetto, Anch'io sento quel canto – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-53-1
    131. Maria Grazia Cavallaro, Respiro l'immenso – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-54-8
    132. Paolo Cillo, Viaggia con me – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-55-5
    133. Mina D'Agostino, La parola è il mio dono – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-56-2
    134. Rosa D'Agostino, Cuore vagabondo – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-57-9
    135. Giorgio Della Luna, Diverso è uguale – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-58-6
    136. Salvatore Di Maria, Un battito d'ali – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-59-3
    137. Carmela Di Rosa, Amo la vita, l'amo così com'è – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-60-9
    138. Maximiliano Di Santo, Exit - Uscite di emergenza – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-61-6
    139. Catello Di Somma, Coi vostri occhi, nella vostra anima – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-62-3
    140. Nina Esposito, D'un tale amor si può anche morire – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-63-0
    141. Nadia Felicetti, Così sono io – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-64-7
    142. Maria Antonia Forte, La mia poesia che canta – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-65-4
    143. Sabrina Ghiringhelli, Il farsi d'oro del tempo rubato – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-66-1
    144. Francesco Giuliano, M'accorsi d'amarti – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-67-8
    145. Federico Guastella, Tu, mio giorno e mia notte – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-68-5
    146. Giuseppe Ingardia, Tra versi dolci e pungenti roveti – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-69-2
    147. Laura La Sala, Arsure di vita – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-70-8
    148. Cettina Lascia Cirinnà, Fiamme ardenti – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-71-5
    149. Yuleisy Cruz Lezcano, Diario di una ipocrita – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-72-2
    150. Rosalia Maria Lo Bue, Chi sono e chi voglio essere – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-73-9
    151.  Carmelo Loddo, Nelle briciole dei miei giorni – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-74-6
    152.  Gianni Martinetti, Tra presente e passato – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-75-3
    153.  Andreina Massi, Io mare –Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-76-0
    154.  Maria Mele, Ieri oggi e domani – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-77-7
    155.  Salvatrice Motta. Le rime della vita – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-78-4
    156.  Alberico Paglia, Durano in eterno le mie canzoni – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-79-1
    157.  Giovanni Parentignoti, Davanti all’uditorio colpa ha parola – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-80-7
    158.  Franco Picini, Lì dove la vita gioca ai dadi ruzzola anche il mio destino – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-81-4
    159.  Denise Pietrella, Frammenti di me – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-82-1
    160.  Bianca Pistorio, Come cerchi incrociati – Poesie e filastrocche, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-83-8
    161.  Raffaele Puccio, Rose d’amore – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-84-5
    162.  Maria Chiara Quartu, Raggiungevamo il cielo sognando quel domani – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-85-2
    163.  Federica Ribis, Infinite giravolte fra i mari fluttuanti – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-86-9
    164.  Stefania Scarale, Davanti a me solo maschere e pantomime – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-87-6
    165.  Marco Scarpulla, Titolo a piacere – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-88-3
    166.  Felice Serino, Gli anni ci diranno – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-89-0
    167.  Carlo Sorgia, Dove il sole incontra il mare – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-90-6
    168.  Antonella Tissot, Frammenti di passato e di presente – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-91-3
    169.  Davide Toffoli, Invisibili come sassi – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-90-0
    170. Sebastian Cortese, Come un bambino pieno di lacrime e amore – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-94-4
    171. Corrado Bono, Tra cespugli e fanghiglia si leva il canto… – Poesie, 2014, 16°, pp. 56, € 8,00 – ISBN 978-88-98381-95-1
    172. Carmelo Sessa, Baciato dalla Luna – Poesie, 2014, 8°, pp. 56, , € 10,00 – ISBN 978-88-98381-96-8
    173.  Patrizia Andrich, Sono un’anima in viaggio – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-003-5
    174.  Sebastiano Artale, Che bellu stu cantu ri sti puisii, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-004-2
    175.  Berta Biagini, Sfogliando pagine di vita – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-005-9
    176.  Loredana Borghetto, Vite in cammino – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-006-6
    177.  Veronica Bravato, Vorrei… – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-007-3
    178.  Anna Campisi, La mia verità – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-008-0
    179.  Corrado Cancemi, Ti parlo, poesia – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-009-7
    180.  Maria Grazia Cavallaro, Souvenir d’amore – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-010-3
    181.  Anna Maria Chiapparo, Il mio canto – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-011-0
    182.  Paolo Cillo, Giochi di parole di un umile custode della vita – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-012-7
    183.  Salvatore (detto “Turi”) Coffa, Picchì scrivu – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-013-4
    184.  Mario Dainese, Vorrei… Oh, come vorrei… – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-014-1
    185.  Natascia Deambrogio, Evocando suoni e parole provenienti dal cuore – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-015-8
    186.  Salvatore Di Maria, Angeli smarriti – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-016-5
    187.  Carmela Di Rosa, Ora ho la vita da raccontare – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-017-2
    188.  Giuseppe Eroe, Insieme a te – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-018-9
    189.  Nina Esposito, Voglia di primavera – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-019-6
    190.  Nadia Felicetti, Lontano dalla mente e vicino al battito – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-020-2
    191.  Fabrizio Fergnani, Tempo (che scorre…) – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-021-9
    192.  Vincenzo Fiaschitello, Se lo spirito soffia dove vuole – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-022-6
    193.  Paolo Fichera, Effimera emozione – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-023-3
    194.  Maria Antonia Forte, Fluttuo così sulla linea del mio tempo – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-024-0
    195.  Francesco Giuliano, Quando bellezza m’appare – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-025-7
    196.  Pietro Vizzini, Sono le parole – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-049-3
    197.  Federico Guastella, Almanacco – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-026-4
    198.  Santina Gullotto, Il buio e la luce – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-027-1
    199.  Cettina Lascia Cirinnà, Innocenti evasioni – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-028-8
    200.  Yuleisy Cruz Lezcano, Piccoli fermioni d’amore – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-029-5
    201.  Rosalia Maria Lo Bue, Dedicato al tempo – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-030-1
    202.  Stefano Magro, Dedicato al tempo – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-031-8
    203.  Damiano Martorelli, Sulle ali del vento – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-032-5
    204.  Andreina Massi, Sa di sale – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-033-2
    205.  Rita Morfeo, Emozioni – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-034-9
    206.  Salvatrice Motta, Vita nella vita – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-035-6
    207.  Antonella Nastasi, Acciacchi di una trentenne – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-036-3
    208.  Bianca Pistorio, Microcosmo – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-037-0
    209.  Floriana Porta, L’acqua non parla – Poesie e haiku, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-038-7
    210.  Raffaele Puccio, Cerchi nell’acqua – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-039-4
    211.  Anna Scarpetta, Sognando la grande Amazzonia – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-040-0
    212.  Marco Scarpulla, Ritenzione onirica – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-041-7
    213.  Felice Serino, Nel perdurare la lice – Poesie sparse (1978-2014), 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-042-4
    214.  M. Lorena Settineri, Dono meraviglioso – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-043-1
    215.  Carlo Sorgia, Mentre l’anima vibra – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-044-8
    216.  Ivone Stragliotto, Amor, che ovunque sei – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-045-5
    217.  Marianinfa Terranova, Srotolare la mia anima – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-046-2
    218.  Davide Toffoli, Ogni foto che resta. Camminatore e camminamenti – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-047-9
    219. Antonio Vecchio, Echi del cuore – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-048-6
    220. Corrado Calafiore, Miraggio di gioia – Poesie, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-050-9
    221. Stefania Scarale, Poesie d'amore, forse, 2015, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-052-3
    222. Corrado Insolia, Scarti – Poesie, 2015, 8°, pp. 82, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-053-0
    223. Sebastiano Artale, Quella che rimane sei tu poesia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-054-7
    224. Aurora Augello, Sassi come pugni – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-055-4
    225. Maria Nunzia Ciccarone, Le vele dell’anima – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-056-1
    226. Paolo Cillo, Mi sono messo a scrivere – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-057-8
    227. Salvatore (detto “Turi”) Coffa, Turi Coffa u cantastorii – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-058-5
    228. Fabiola Colombo, Presente – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-059-2
    229. Umberto Confalonieri, È gioia anche per voi – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-060-8
    230. Sebastiano Cugno, Confini del tempo – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-061-5
    231. Simone Cumbo, Lasciateci ai nostri sogni – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-063-9
    232. Mario De Rosa, Il filo che anche al buio ti guida – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-064-6
    233. Natascia Deambrogio, La vera me – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-065-3
    234. Giorgio Della Luna, Pioggia di miele – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-066-0
    235. Carmela Di Rosa, Ti prenderò… … Mi prenderai per mano – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-067-7
    236. Giuseppe Eroe, Questo sogno l’ho già visto, lo sto vivendo – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-068-4
    237. Nina Esposito, Tra oggi e ieri – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-069-1
    238. Nadia Felicetti, Cercando … mentre io ammiro il cielo – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-070-7
    239. Vincenzo Fiaschitello, Se una notte d’estate – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-071-4
    240. Erica Gavazzi, Come foglia al vento – Poesie e Tilljód, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-072-
    241. Luisa Gentile, Ricordi e dolci sensazioni – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-073-8
    242. Francesco Giuliano, Ragione e sentimento – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-074-5
    243. Federico Guastella, Anima mia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-075-2
    244. Emanuele Insinna, La vera libertà nella poesia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-076-9
    245. Cettina Lascia Cirinnà, Il lago e la sua poesia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-077-6
    246. Lia Lo Bue, Battiti di ciglia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-078-3
    247. Damiano Martorelli, Il vento della memoria – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-079-0
    248. Giuseppe Mazzarella, La terra mia – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-080-6
    249. Maria Mele, Poesia è - Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 - ISBN 978-88-6954-081-3
    250. Emilia Merenda, Diversamente poeta – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-082-0
    251. Alessia Modica, Nel qui e ora – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-083-7
    252. Rita Morfeo, Amor che t’amo – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-084-4
    253. Salvatrice Motta, Eccomi – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-085-1
    254. Paola Nateri, Sottovoce – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-086-8
    255. Alessandra Nateri Sangiovanni, Fèrula – Poesie ottobre 2014 – giugno 2015, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-087-5
    256. Cristina Picciolini, La vita che ancora a me guarda e ancora mi ispira – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-088-2
    257. Sebastianomattia Rossitto, Vittima del finito in quest’oceano infinito – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-089-9
    258. Antonella Santoro, Pensami, ricordami, vedimi – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-090-5
    259. Felice Serino, Dell’indicibile essenza noi sostanza e pienezza – Poesie sparse 2002-2015, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-091-2
    260. Lorena Settineri, … Tenta ancora la mia penna a tatuare la mia anima – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-092-9
    261. Martina Silvestri, … Per ritrovarsi fragili e forti – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-093-6
    262. Carlo Sorgia, Oltre la vetrata – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-094-3
    263. Teo Spigno Pittaluga, Ti do una pagina del mio tempo: so che saprai leggerla – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-095-0
    264. Marianinfa Terranova, Bussole per questo transitare – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-096-7
    265. Cristina Vascon, È la luna che bussa alla porta – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-097-4
    266. Maria Pia Vido, Incanto – Poesie, 2016, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-098-1
    267. Francesco Basile, Per sempre un ricordo di vita – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-112-4 268)                 
    268. Corrado Carbè, Io sono lì sospeso tra nuvole, sogno e vento – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-113-1
    269.  Simona Carboni, L'incantavanzi – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-114-8     
    270. Paolo Cillo, E alla fine sei arrivata tu – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-115-5
    271. Paola Ciurcina, Tra il Tempo e l’eterno – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-116-2
    272. Salvatore (detto “Turi”) Coffa, In dialettu avulisi scrivu e ricu – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-117-9
    273. Carmela Di Rosa, È tempo... Che tempo! – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-118-6
    274. Nadia Felicetti , Coscienza e cuore – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-119-3
    275. Fabrizio Fergnani, Intrecci. Bello esserci! – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-120-9
    276. Vincenzo Fiaschitello, Finché ci sono i vivi – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-121-6
    277. Alexandra Firita, La mia poesia viene da lontano – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-122-3
    278.  Maria Antonia Forte, Sul ciglio di un pensiero – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-123-0
    279. Simona Forte, Nella brevità della notte che s’infrange – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-124-7
    280. Antonina Fronte, Grazie a te Universo – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-125-4
    281. Erica Gavazzi, Di realtà sognanti e rivali – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-126-1
    282. Francesco Giuliano, Voglio lasciare traccia – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-127-8
    283. Federico Guastella, Segni – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-128-5
    284.  Grazia La Gatta, Ricordi e pensieri a nuovo – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-129-2
    285. Laura La Sala, Poesie del cuore – Poesie senza tempo, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-130-8
    286. Cettina Lascia Cirinnà, L’arte della sopravvivenza – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-131-5
    287. Gianluca Macelloni, Non chiamatele poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-132-2
    288. Pietro Moceo, Voglia di libertà – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-133-9
    289. Nateri Sangiovanni Alessandra, Argento – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-134-6
    290. Mimma Raspanti, Lussureggia il silenzio – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-135-3
    291. Antonella Santoro, Sensazioni – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-136-0
    292. Anna Scarpetta, Nella competizione globale – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-137-7
    293. Marco Scarpulla, La quinta stagione che mi governa – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-138-4
    294. Felice Serino, Ad altezze segrete – Poesie sparse – 2002-2016, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-139-1
    295. Lorena M. Settineri, Nei rintocchi della sera – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-140-7
    296. Carlo Sorgia, Malia mi assale – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-141-4
    297. Rita Stanzione, Di ogni sfumatura – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-142-1
    298. Marianinfa Terranova, Bussole per questo transitare – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-143-8
    299. Cristina Vascon, Ritorno – Ai Colli Euganei e un po’ più in là – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-144-5
    300. Mia Pia Vido, Continuo presente – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-145-2
    301. Miriam Vinci, È in questa nudità che vorrei vestiti di poesia – Poesie, 2017, 8°, pp. 56, € 10,00 – ISBN 978-88-6954-146-9
libri acquista

EVENTI E ACCADI...MENTI DA SEGUIRE
GIORNO PER GIORNO


 NOVITA' NELLE NOSTRE PAGINE
Urso
Araba
Fenice
Poesia
della
settimana
Poeti e poesia Novità Edizioni Urso Catalogo Edizioni
Urso
Mneme Giovani scrittori Urla la tua
opinione
Archivio amici
artisti
Libri in
stampa
Novità in libreria
iscriviti alla ''Mailing List''
Archivio
nostri autori
Icono-
grafica
Concorsi letterari Link utili
Schede libri sulla Scuola Mafia?
No, grazie!
Collana
OPERA PRIMA
Libri viaggi turismo tempo liberato libri per tutti i concorsi Libri di cultura varia DIZIONARI

SEGNALA il nostro sito
il nostro sito


Urso-Avola