Benvenuti sul sito della Libreria Editrice Urso benvenuti iconografica Collana Araba Fenice Quaderni dell'Orso Mneme Novità del mese Offerte del mese Fuori collana Recuperata Acquista Varie per informazioni Mailing List

mailing listLEGGI le precedenti news
Ricevi questa e-mail perche' registrato, o abbonato,
oppure perche' un amico o conoscente ci ha segnalato il tuo indirizzo.
Al 2 febbraio 2011 gli iscritti alla Mailing List sono 1037
Per condividere qualsiasi cosa con gli iscritti alla lista
spedisci una e-mail a mailinglist@libreriaeditriceurso.com
e noi saremo ben lieti di distribuire il tutto a tutti.
Maggiori informazioni su http://www.libreriaeditriceurso.com

LA MANIFESTAZIONE
CONCLUSIVA DEL CONCORSO
ANTOLOGIA INCHIOSTRO E ANIMA 2010/2011
In memoria di Antonio Caldarella
DOMENICA 6 FEBBRAIO 2011 ore 17
A MARZAMEMI NELLA SALA CONFERENZE
del Palmento Di Rudinì - Museo enologico

Alcune riflessioni in occasione della serata conclusiva
Marzamemi 6 febbraio 2011

di Orazio Parisi
Orazio

IlConcorso Letterario Internazionale "Inchiostro e Anima", ideato da Giusy Cancemi, che tiene uno spazio omonimo di poesia su Facebook, e realizzato in collaborazione con l'editore avolese Francesco Urso, quest'anno, alla sua prima edizione, è stato dedicato alla memoria dell'amico attore, scrittore di teatro e poeta Antonio Caldarella, e per questo motivo ha ospitato al suo interno tre Sezioni: Cinema, Teatro e Poesia.

La partecipazione dei concorrenti è stata, con piacevole sorpresa degli organizzatori, abbastanza significativa. In particolare, nella Sezione Poesia, ha registrato un vero e proprio affollamento, anche questo in verità inaspettato. Inaspettato, perché si fa oggi un gran parlare, un po' dappertutto, di crisi della poesia. Si dice, e si scrive, che la società attuale non ne sa nulla di poesia. E, quando presume di saperne qualcosa, la dichiara morta, perché, sostiene, oggi la poesia non serve a niente, tant'è che non interessa a nessuno.

Ciccio UrsoConsiderata la quasi totale assenza di mercato dei libri di poesia (i libri più fortunati non vendono più di un centinaio di copie), sembrerebbe che questa opinione ci abbia azzeccato. Ma poi il pensiero va a quei quattrocento milioni di utilizzatori di Facebook, la cui stragrande maggioranza parla di poesia, ama la poesia, scrive di poesia e scrive poesie. E allora, ci si chiede, le cose come stanno realmente? Coloro che dovrebbero fare maggiore chiarezza, gli intellettuali, se interpellati, fanno più confusione. Gli intellettuali di oggi, diceva Enzesberger in "Zig Zag" alla fine degli anni Novanta, sono pettegoli e velenosi forse più delle lavandaie. Essi danno man forte all'opinione diffusa sul non senso della poesia, quando affermano candidamente che nel mondo attuale, in cui la poesia sta come d'autunno sugli alberi le foglie, chiunque si può autoproclamare "poeta" aprendo un blog su internet o pubblicando, spesso a pagamento, presso qualche piccolo editore di provincia.

Dimenticano, questi intellettuali, che la poesia ha avuto vita difficile sin da quando è nata. Tanto per portare un esempio recente, Sciascia, nel suo pamphlet "Atti relativi alla morte di Raymond Roussel ", ci ricordava che Dino Campana si metteva davanti a un bar a vendere i suoi "Canti Orfici". E guardando in viso le persone interessate a comprare, strappava frequentemente alcune pagine del libro, dicendo loro che quelle non erano necessarie. Ad alcuni è arrivato a vendere la sola copertina.

copertinaE poi, la cosiddetta piccola editoria... Cosa vogliono dire? Questi intellettuali sono pure superficiali. Non si può fare di tutta un'erba un fascio. Senza entrare nel merito della diatriba di qualche decennio fa, se piccolo è bello oppure no, non v'è dubbio che Passigli è un piccolo editore. Eppure, la sua "piccola" casa editrice ha una Collana di poesia fondata da Mario Luzi. E nella quale si trova un vero affollamento di poeti di altissima qualità come, per citarne solo alcuni, Juan R. Jiménez, Raymond Queneau, Paul Eluard, Emily Dickinson, Francesco Serrao, Aleksandr Blok, Melo Freni, Miguel de Unamuno, Anna Achmatova, Laura Canciani, Alberta Bigagli, Antonio Machado e lo stesso Mario Luzi. Ultimo, in ordine di pubblicazione, Tomaso Pieragnolo, che col suo "nuovomondo" sta riscuotendo molta attenzione.

Ad agosto dello scorso anno Adnkronos fece apparire sul suo blog un articolo dal titolo "Ma la poesia sta morendo? No, se i versi fanno flop torna di moda il reading". In esso si legge: "Ma la poesia sta morendo? Stando ai sondaggi parrebbe di no. Se in pochi riescono a conquistarsi un editore, a meno di pagarlo, e poi un pubblico di lettori, sono in tanti, un milione e mezzo, uomini e donne di ogni età, gli italiani che si cimentano a scrivere odi e liriche. Il genere dunque, nonostante non riesca a imporsi come business cartaceo, vive. Anzi, vive alla grande, attraverso il recupero in chiave contemporanea della propria natura di oralità: grande successo infatti stanno riscuotendo i reading, veri e propri spettacoli in cui il poeta diventa anche attore, interpretando i propri componimenti". E, più avanti: "'Viviamo nell'epoca della moltitudine e della società di massa ma molti ancora non capiscono che siamo in un'era diversa, nella quale i criteri che potevano essere validi nell'Ottocento e nel primo Novecento ora sono tutti da rimettere in discussione. Inoltre spesso mi chiedo 'ma quanti lettori aveva Leopardi? Quanti Foscolo?'. La verità è che in fondo la poesia non è mai stata un fenomeno di massa, anche perché fino agli anni 60 la società di massa neanche esisteva!'. Lo dice all'ADNKRONOS Marco Palladini, romano, classe 1954, da più di vent'anni autore sperimentale, critico, drammaturgo, compositore e performer teatrale nonché organizzatore, già nel 1998, del primo 'Rave di poesia' italiano, commentando lo stato in cui versano le vendite in campo 'poetico'".

Ma allora, dicono gli intellettuali, abbiamo ragione noi?! Assolutamente no. In primo luogo, non si può condividere il disprezzo. Un vero intellettuale deve possedere la sensibilità del poeta, perché il vero intellettuale è il poeta. Come ha scritto su facebook, a marzo dell'anno scorso,  dialogando con me sul senso della poesia, l'amica Maria Zimotti: "Quale che sia, musicale, filosofico, teatrale, cinematografico, artistico, letterario, non esiste paragone più alto per esprimerne l’efficacia che quello di accostarne la misura al termine poesia. Perché? Il punto è proprio questo: perché la poesia è un luogo nuovo. Anzi, la poesia è l’arte di scoprire il nuovo all’interno del luogo in cui innegabilmente siamo rinchiusi. Il linguaggio. E per questo è così difficile da trovare. La poesia è il ritrovamento di un posto sconosciuto, nonostante l’esplorazione sia condotta da una gabbia. La poesia sta fuori e, in sé, racchiude tutto. Nella mia personale esperienza, la poesia è stata un’autentica sciabolata. Poi è stato un problema di connessione, tra me e il mondo. In seguito è diventata una sfida di precisione, sulla capacità di restituire le esperienze fatte. Negli ultimi tempi invece rifletto sul suo essere pura e trasparente membrana, un’interfaccia che non indica nulla ma ci consegna realtà viva; l’opera inserita da qualcuno che mi giunge nello scorrere della vita e di cui prendere possesso, aggiornando al mio spirito il referente".

Il 21 marzo dello stesso anno, usciva sull'Unità un articolo intervista di Paolo Di Paolo che chiarisce ulteriormente la questione: «In un tempo sommerso dalla chiacchiera – dice all’Unità Elio Pecora, uno dei protagonisti della poesia contemporanea –, è sempre più forte il bisogno di affidarsi a parole chiare, che durino». Pecora non teme neppure il «numero spropositato di persone che scrivono versi in Italia»: «è uno spazio di possibilità che si allarga, nel quale chi ha talento può tentare con più fiducia e più appigli». Se dai poeti vi aspettate solo disincanto, sarete delusi. Il «ruolo sociale» sarà pure superato, ma quel «piacere privato» di cui diceva Amelia Rosselli, può essere condiviso, diventare pubblico. Non è già molto? È tutto. «Oggi poi noto per la poesia – è sempre Rosselli a parlare, nel 1987 – una spontanea adesione, nel senso che, al di là della pubblicità editoriale, si può sperare nell’attenzione di alcuni».

Certamente, lo scrivevo a Maria Zimotti, a volte la poesia rappresenta un alibi, per quelle persone che scrivono ma non leggono, e quindi non prestano, come dice Paolo Di Paolo, attenzione. E lei mi rispose con ironia: "Forse, per rendere meglio quello che dici, può essere utile leggere questo stralcio: Mi rivolsi a Ghinthoss. "Lei è un poeta?". "Sì. Ho quest'onore", rispose lui sorridendo con aria compiacente. "Ho sempre desiderato sapere una cosa di voi poeti". "Sì", disse Ghinthoss sempre sorridendo. "Che cazzo fate tutto il giorno?". (Robert Mcliam Wilson, da "Eureka street")".

Ma l'intellettuale, col suo livore manifesto, non cerca di comprendere, vuole solo censurare. E non se la prende soltanto col poeta. Ce l'ha con tutto il mondo. Lancia strali soprattutto contro i social network, colpevoli, secondo lui, dall'abbassamento scandaloso della qualità letteraria. Il blog dal titolo "Imperfetta ellisse - blog di poesia e altro", il 30 marzo 2010 riportava un articolo dal titolo esemplificativo: "Poesia e rete - Tutta colpa di Facebook, forse...". A un certo punto si legge: "Il problema in questo paese è spesso quello di scambiare il mezzo per il fine, e anche, come nel brano sopra, i numeri (in questo caso il successo di Facebook) per la qualità. Tempo fa ho incontrato un giovane poeta (non faccio nomi neanche morto). Non conoscendolo di persona, ho voluto stringergli la mano e presentarmi (vecchie pericolose abitudini d'antan). Lui mi guarda in faccia e fa: "Ma, ci conosciamo?". E alla mia risposta: "Si e no, diciamo che su Facebook...", lui alza gli occhi al cielo e ridacchia : "ah, Facebook, allora...", e un altro tizio che sta lì nei paraggi non richiesto ridacchia e fa: "eheh, Facebook, figurati i miei alunni sai come lo chiamano, faccia di buco, eheh". Va bene, mi sono sentito un po' fesso, e su una cosa hanno ragione, che chiamare amico qualcuno frequentato su Facebook è un po' azzardato, ma lo è se non riesci a stabilirci una comunicazione, uno scambio di idee vero, e da questo punto di vista invece posso dire di avere su Facebook qualche amico reale. Su una cosa invece non hanno ragione, cioè sul cullare la loro ipocrisia: tutti disprezzano Facebook e tutti sono su Facebook, di tutte le persone che conosco solo due o tre hanno avuto le palle di ignorare il mezzo completamente (e qui sì, potrei fare i nomi). Il punto è per quale fine lo usi. Altrimenti il mezzo usa te".

Al momento, non aggiungo altro.

da Facebook

 

Locandina
CLICCA SULL'IMMAGINA PER INGRANDIRLA

COME RAGGIUNGERE
LA SEDE DELLA MANIFESTAZIONE CONCLUSIVA DEL CONCORSO
Arrivati alla rotonda poco prima di Marzamemi,
sulla strada Pachino-Marzamemi, girare sulla destra verso il porticciolo in direzione di Portopalo,
a metà di questa tangenziale si intravede la grande construzione sede dell'evento)

Palmento

fotoYOU are very welcome to the OPEN DAY
of the University of applied sciences anhalt in Dessau

the department of design, architecture
and facility management introduce themselves
saturday, 5th of february 2011
from 10 am till 3 pm

in our studio "plane, space and color" you will see
studentswork of the 1st and 2nd semester
a. first excercises to differentiate perception
b. a workshop called "bar in space"
c. space reliefs
d. drawings to the subject of "love"
e. the portrait of the family, divers this time -
f. a pullover of music- works of a mastercourse to the theme "language of shape"- results of compulsory optional subjects to the theme "collage" and "public space" at bitterfeld-wolfen,- and a free project in screen printing as a result of a cooperation with the elementary school "an der heide" of dessau-mosigkau.

 

fotoMUCH ENJOYMENT !

students and prof. lisa m. stybor

die studenten und prof. lisa m. stybor

Siete i benvenuti per l'Open Day dell'Università degli Studi di applicazione Anhalt scienze a Dessau.
Il dipartimento di design, architettura e facility management introduce se stesso - sabato 5 febbraio, 2011 dalle ore 10 alle 15:00 – nel nostro studio "piano, spazio e colore", vedrete studentswork del 1 ° e 2 ° semestre

fotoa. esercizi prima di differenziare la percezione
b. un workshop intitolato "bar nello spazio"
c. spazio rilievi
d. disegni al tema dell '"amore"
e. il ritratto della famiglia, i sub questa volta -
f. un pullover di musica

- opere di un mastercourse di "linguaggio di forma" a tema

- I risultati di materie opzionali obbligatorie per il "collage" tema e "spazio pubblico " a Bitterfeld-Wolfen,

- e un progetto gratuito in serigrafia con una cooperazione con la scuola elementare "An der Heide" di Dessau-Mosigkau.

Buon divertimento!

studenti e prof. Lisa M. Stybor

FacebookMyspaceYouTube
Catalogo aggiornato
vedi
Catalogo
gennaio 2011
scarica IN
PDF
scarica IN
WORD
Sfoglia le copertine

Collana Omnia
Collana Mneme
Collana Cammini
Fuori collana
Collana Recuperata
Libri Vari
Le nostre copertine
I nostri autori
Cerca per autori
Freschi di stampa
Comunicati stampa
Rassegna stampa
Note
sulla nostra attivita'
Incontri in libreria:
le foto
Schede libri siciliani
Autori siciliani
Editoria in Sicilia
VOGLIO
PARLARVI DI UN LIBRO
I libri piu' venduti
Novita' in libreria
Libri per viaggi turismo
e tempo liberato
Libri scientifici
e di cultura varia
Dizionari
Schede Libri scuola
Libri su Avola
Libri su Rosolini
Libri su Noto
Libri su Siracusa
Libri su Pachino
Libri giuridici fiscali
e tecnici
vinciLibri
per
tutti
i concorsi
Libri per ammissione
facolta' universitarie
Mafia? No, grazie!
Poeti & Poesie
Dalle otto alle otto
pace
Poeti e poesie
per la pace
Come ti ''peace''
Tutto per Santiago de Compostela
Libri per il
Cammino di Santiago
de Compostela

Libro italiano pellegrini di Santiago de Compostela

Forum dei pellegrini

Lista albergues
cammino francese

La Via della Plata
La Via Francigena
banner