Benvenuti sul sito della Libreria Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola. Novità del mese Offerte del mese Acquista per informazioni
GIOVANNI MANNA
SPAZIO A CURA DELLA
LIBRERIA EDITRICE URSO

e-mail info@libreriaeditriceurso.com
vedi Catalogo Libreria Editrice Urso
Catalogo aggiornato
scarica IN PDF - scarica IN WORD


DISPONIBILE DA SETTEMBRE 2014
LA SECONDA EDIZIONE

CLICCA SULLA COPERTINA PER VEDERLA INGRANDITA

copertina intera con risvolti
Giovanni Manna, Ombre di felicità
2014, cm 15 x 21,
pp. 126, 13,00
Collana Mneme n. 31
ISBN 978-88-96071-42-7
acquista

In ogni uomo, in ogni donna, si nascondono identità sconosciute, ombre di una felicità triste e malinconica.
Il rimorso per una colpa mai commessa si nasconde tra fatti e misfatti incorniciati in un lunedì intriso di narrazione.
Il nuovo lavoro di Giovanni Manna è tutto da vivere.
Come l'inizio di una nuova settimana, nella fredda Vicenza.
Un lunedì da gustare. Fino in fondo.

Giuseppe D’Onchia

foto
L' I.C. "Trissino", Vicenza11 via Prati,
organizza questo incontro nell'ambito della Settimana del Libro

locandina

 

 

  Info sull’autore

 

 

Giovanni Manna è nato a Gela (Caltanissetta) il 18 settembre 1981; già autore de Un pianeta da (ri)scoprire (2007) ha pubblicato nel marzo del 2011 Ombre di felicità. Casa editrice Urso.

Conseguita presso l’Università di Catania la Laurea in Lettere Classiche, il 2 dicembre 2005 – e successivamente, presso lo I.E.D. di Milano, il Master in “Scrittura Creativa” (luglio 2006), ha ottenuto l’abilitazione all’insegnamento di Greco e Latino nell’aprile 2009 e quello per il Sostegno nel gennaio 2010.

Ha insegnato al Liceo Classico “M. C. Carafa” di Mazzarino (Cl) dal gennaio 2008 fino al giugno 2010;

ha lavorato come “Addetto Stampa” per il Gela, ex squadra professionistica di calcio, serie C1 (2007);

presso l’Agenzia di Pubbliche relazioni e organizzazione di eventi Klaus Davi di Milano (ultimi tre mesi del 2006); in qualità di tutor didattico, ha tenuto un corso di “Storia del Novecento” presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Camerino (primo semestre 2007);

è stato uno dei tedofori a portare la fiamma olimpica di Torino 2006 (Olimpiadi invernali); ha lavorato nella redazione televisiva di Tg10 (canale tv regionale siciliano) come autore di servizi ed interviste per il telegiornale (tra marzo e luglio 2007);

durante l’anno scolastico 2010-2011, è stato insegnante di sostegno presso la Scuola Media “Ugo Foscolo” di Torri di Arcugnano e tutor di italiano e storia presso la sede Cepu/Grandi Scuole di Vicenza; nel triennio 2011-2014, insegnante di Lettere presso la Scuola Media “A.Manzoni” di Creazzo; durante l’a.s. 2013/2014, presso la Scuola Media “Ungaretti” di Costabissara.

Attualmente collabora con la rivista mensile “L’osservatore Cittadino”.

 

 

A "Mai prima della prima", trasmissione in onda su RADIO OREB,
si è parlato di "Ombre di Felicità" di Giovanni Manna,
Ascolta l'intervista a Giovanni Manna
Per saperne di piu': http://www.libreriaeditriceurso.com/mannagiovanni.html


sabato 5 marzo h 17.00 al Museo Archeologico di Gela (CL)
presentazione del libro Ombre di Felicità

MannaLe foto dell'evento di Gela, la presentazione del libro Ombre di felicità, di Manna

a
b

LA SICILIA
LA SICILIA 8 marzo 2011

 
Il Museo Archeologico di Gela farà da teatro
alla festa di presentazione del libro Ombre di Felicità.
A presentare la serata, sabato 5 marzo h 17.00,
la Dott.ssa Fabiola Polara.
Si alterneranno a relazionare sul libro, la Prof.ssa Iride Valenti - Università di Catania
il Direttore Giuseppe D’Onchia, l’editore Francesco Urso,
il giornalista Andrea Cassisi e l’autore del romanzo, Giovanni Manna.

La serata è resa possibile dalla disponibilità del Direttore del Museo, Arch. Gueli.
L’evento è sponsorizzato dal Kiwanis Club di Gela.
Il testo (pp. 112 - € 12) sarà disponibile per l’acquisto,
a decorrere dal 5 marzo, sul sito della Casa Editrice
(www.libreriaeditriceurso.com/mannagiovanni.html) e su vari siti
tra cui Unilibro.it, Internet Bookshop Italia, Webster - e su altre librerie virtuali;
sarà subito presente nelle migliori librerie in Sicilia e in Veneto
e prenotabile da qualsiasi libreria sul territorio italiano.
Il prodotto sarà regolarmente registrato presso il Catalogo dei libri italiani in commercio
dell’Associazione Italiana Editori.
* * *
Giovanni Manna, già autore di Un pianeta da (ri)scoprire (Urso, 2006),
è nato a Gela nel settembre del 1981.
Laureatosi in Lettere Classiche e abilitato S.I.S.S.I.S. all’insegnamento del Greco e Latino e al Sostegno,
ha conseguito il Master in Creative and Professional Writing presso l’Istituto europeo del Design, a Milano.
Già addetto stampa del Gela Calcio, attualmente è uno dei collaboratori
delle riviste mensili L’Osservatore Cristiano e Vision.
Risiede a Vicenza; lavora presso la Scuola Media Ugo Foscolo di Torri di Arcugnano.

 

locandina

copertina MannaNOVITA' di ottobre 2006
della Libreria Editrice Urso

Giovanni Manna
Un "pianeta" da (ri)scoprire
Gela: la mia, la tua, la nostra città

pagine 88- € 10,00
Collana OPERA PRIMA N. 10 acquista
Locandina presentazione libro  Manna Gela
Abbiamo iniziato il 2007 CON LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI GIOVANNI MANNA.
NOI VOGLIAMO IMMAGINARE CHE SIA STATA UNA COSA CHE CI PORTERA' FORTUNA...

Il 5 gennaio 2007 è stato presentato a Gela il libro di Giovanni Manna

Una Gela... TUTTA DA (RI)SCOPRIRE

 Attualità, storia
e parodia a confronto
 al Caffè Letterario di Gela

 in provincia di Caltanissetta

presso la Biblioteca Comunale “Euclide” di Gela
la presentazione del libro
Un pianeta da (ri)scoprire

del giovane scrittore Giovanni Manna.
L’iniziativa è rientrata tra le diverse attività culturali promosse dal Comune di Gela
patrocinate dall’Assessorato I.U.R. L’appuntamento al Caffè Letterario
e ha introdotto dalla giornalista di Canale10
Liliana Blanco

con l’intervento 
dell’Assessore Luciano Vullo

che ha curato l’introduzione al libro.

Sono intervenuti l’editore Francesco Urso di Avola
e il regista e sceneggiatore milanese Carlo Cotti.
Previsto infine l’intervento dell’attore di cabaret Totò Galanti.

 

 


VEDI brevi filmati della serata
(N.B. Si scaricano ognuno,
con ADSL in dieci minuti circa)
:

Liliana Blanco
Ciccio Urso
Totò Galanti
Giovanni Manna
Carlo Cotti

Installa QuickTime Player
a cura di Marco Urso

gela presentazione


In questo libro Giovanni Manna, alla sua prima fatica letteraria, punta lo sguardo non tanto su Gela quanto
sui gelesi e in 88 pagine piene di ironia beffarda ma bonaria, focalizza il suo sguardo sulla quotidianità della vita gelese, trovando spunti descrittivi di genuina parodia. 

Prova inoltre a viaggiare - senza mai muoversi! – coinvolgendo vari personaggi del passato, da Giulio Cesare a Shakespeare fino a Leopardi, rendendo le loro gesta secondo una prospettiva storica innovativa.

“Gela è un luogo carico di cultura, di genuine passioni, crocevia di esperienze storico-artistiche diverse e variegate: un ‘pianeta’ variegato più che una città - affermaGiovanni Manna  – che poi aggiunge che la guida di questo viaggio è un ‘buon gelese’, un personaggio difficilmente identificabile cheGiovanni manna prova a raccontare la  città con colori insoliti, prendendosi gioco di tutto e di  tutti”.

Giovanni Manna è nato a Gela nel settembre 1981.
Si è Laureato in Lettere Classiche presso l’Università di Catania e ha conseguito,  nel luglio 2006, il Master in ‘Creative and Professional Writing’ presso lo IED – Istituto europeo Design – di Milano. Ha lavorato come collaboratore presso l’agenzia di pubbliche relazioni KlausDavi &Co.

È ‘socio ordinario’ dell’Associazione ONLUS Intercultura.

Per ulteriori informazioni:
Giovanni Manna, 339.84.67.314
dekaton@hotmail.com
(www.libreriaeditriceurso.com/mannagiovanni.html)

PER UN PIANETA DA (RI)SCOPRIRE
(Così Luciano Vullo introduce alla lettura del libro).

La letteratura che ha per tema il viaggio non finisce mai. Vi si aggiunge questo libretto del giovane Manna attorno ad un ‘pianeta’ da (ri)scoprire. (Leggendolo e giocando con le parole, ho nutrito il sospetto che lo si volesse ris-‘coprire’! Per la seconda, la terza, la quarta volta…).

     Giovanni Manna non vuole ingaggiare una gara con letterati, filosofi e avventurieri di professione.

     Fa un’operazione più modesta, nel Pianeta da (ri)scoprire: punta lo sguardo sulla sua-tua-nostra città. Evidentemente, per sviluppare uno scherzo leggero e sapido. Si dà, quindi, al viaggio da fermo. Senza viaggiare. Dalla città natìa non si sposta.

     Al contrario, fa spostare eventi e personaggi verso Gela che dà loro i natali e la morte. A volte, solo i natali o solo la morte. In ogni caso, qualcosa che li denota come gelesi. Mette tutto dentro il calderone sotto il quale arde il fuoco del viaggio, dell’avventura, della memoria e della fantasia.

     Lui – che altro può fare il narratore? – mescola, aggiunge con amore e arte qualche intingolo per evitare una pietanza insipida. Servendosi della voce del ‘buon gelese’, versa nei piatti una minestra di indubbio sapore. Il ‘buon gelese’ è uno che si nasconde in ognuno di noi e che non per forza deve essere nato a Gela.

     Forse è un gelese che non è mai nato.

     Forse, ipotesi più attendibile, il ‘buon gelese’ è proprio Giovanni Manna che si diverte, nascondendosi, a raccontare con ironia la città. Prendendo gusto nello scherzo e nel gioco dei nascondimenti.

     Perché non dovrebbe essere lecito scherzare con le cose serie? Socrate si avvaleva dell’ironia. A volte anche del sarcasmo.

     Si potrà scherzare a Gela parlando di storia? Ci sono tanti autori che hanno scritto e scrivono di cose antiche, medievali e moderne riguardanti questa città. Roba importante che ha sicuri esiti civili oltre che scientifici.

     Manna, scrivendo, mette assieme stravaganze: cioè, alla lettera, vaga e fa vagare il lettore di qua e di là nello spazio e nel tempo. Si diverte. Fa divertire. Coglie un tratto del modo di essere del gelese, che vuole essere sempre il primo e il migliore. Buono o cattivo che sia. Che ne abbia o meno il diritto.

     Che male c’è – anzi è proprio giusto! – che in questa città possa esser nato Alessandro Magno? Non vi nacque Giulio Cesare, che tuttavia l’amò tantissimo per le sue bellezze, il mare, i cibi gustosi, i locali notturni e le belle ragazze. Per libera scelta vi soggiornò William Shakespeare, il grande drammaturgo inglese che trasse ispirazione per il suo Romeo e Giulietta dalla vera storia di Rocco e Giuseppina.

     Neanche Cartesio nacque né morì a Gela, ma qui partecipò a convegni filosofici, come avverrà dopo a Giovambattista Vico e a Carlo Goldoni.

     Il viaggio del ‘buon gelese’ Giovanni Manna segue un ordine cronologico. Per la verità, non proprio rigorosamente. Ma non importa la successione degli eventi e dei personaggi. Né la continuità dell’itinerario. Perché il racconto non si propone né un fine né una meta: alla maniera volterriana, un semplice e puro divertimento. Ed è bello che questo divertimento venga proposto da uno scrittore giovanissimo.

     Manna, con sapida leggerezza, ironizza su modi di essere, di dire, di fare… e di punzecchiare. Come nel caso della velocità del treno che porta a Catania. Simpatica la scena in cui il gregge impone lo stop alla locomotiva… Altrettanto simpatiche le annotazioni bonarie sulle passeggiate e le chiacchiere del ‘buon gelese’.

     Aperto con alcune annotazioni sul dialetto, il viaggio si conclude col lutto, per la morte del Pontefice Giovanni Paolo II. Stavolta il teatro di Gela coincide con quello del mondo intero. Dove “i diseredati e gli emarginati, i ricchi insieme ai poveri, i fedeli (senza distinzione di religione), bimbi ed anziani, mamme e papà, figli e figlie hanno reso commosso omaggio, tutti insieme alla Sua figura. Tutto il mondo si è trovato unito – stavolta non proprio e non più a Gela! – sotto uno stesso lutto nel giorno della Sua morte.

     Un giorno che nessuno dimenticherà mai”.

     Il ‘buon gelese’ tace.

Atene, 8 aprile 2006

 

Luciano Vullo

copertina libro Giovanni MannarecensioniUn pianeta da (ri)scoprire in un viaggio tinto di realtà e fantasia che ha come meta e al contempo come punto di partenza la città di Gela. Un libro che riscopre la città attraverso un’esplorazione, <<Un pianeta da (ri)scoprire – Gela la mia, la tua, la nostra città>> di Giovanni Manna, 25 anni laureato in lettere classiche, ora a Milano lavora per la KlausDavi e Co sarà nelle librerie a fine mese, Nella sua prima opera edita dalla Libreria Urso, con un’introduzione di Luciano Vullo, M parla della sua città natale in chiave ironica, attraverso un’analisi sulle abitudini quotidiane e il dialetto della città. Il tutto raccontato mixando ironia e fantasia, utopia e realtà, passato e presente. !”In questo libro – spiega l’autore – ho voluto fare una riflessione sulla realtà attuale, in un presente che non sempre rievoca l’attualità del passato, per cercare di evitare le sabbie mobili del futuro. Un viaggio – continua Manna – che si sviluppa in due direzioni, una geografica, l’altra temporale, con un viaggio nel viaggio, che a partire dalla colonizzazione fino ai nostri giorni, ripercorre il background storico di Gela per una volta rivisto in chiave fantasiosa ma allo stesso tempo reale.
Bianca Scicolone
In IL GIORNALE DI SICILIA 17 ottobre 2006

recensioniManna GiovanniUN LIBRO DEL GIOVANE MANNA
Viaggio tra realtà e fantasia

<<Pianeta da (ri)scoprire>> “Un pianeta da (ris)scoprire. Gela la mia, la tua, la nostra città” è il libro scritto da Giovanni Manna che a fine mese sarà in edicola.
Un viaggio, quello del giovane autore, che appare tinto di realtà e fantasia e che ha come meta e, al contempo, come punto di partenza, la città di Gela.
Un “buon gelese” sarà la guida del libro. Una guida non meglio identificata, un gelese che non è mai nato.
“Il protagonista – spiega Giovanni Manna – è una figura che si avvale dell’ironia per spalancare le porte di una realtà che spesso guardiamo, che certe volte osserviamo, ma su cui quasi mai proviamo a riflettere seriamente. Un’analisi bonaria ed ironica è quella da me descritta sulle abitudini quotidiane ed il dialetto della nostra città. Gela raccontata tra storia e fantasia, tra utopia e realtà. Dall’arrivo dei rodio-cretesi fino ai nostri giorni, sarà un crescendo di immaginazione”.
“In questo libro – prosegue il giovane scrittore gelese – ho voluto fare un’attenta quanto puntuale riflessione su quella che è la realtà attuale, si tratta di un viaggio che si sviluppa in due direzioni: quella geografica, con uno sguardo sulla città; l’altra temporale: con un viaggio nel viaggio che ripercorre quella che è la nostra storia in chiave fantasiosa, ma nello stesso tempo reale”.
Nell’occasione, l’introduzione del libro è stata curata da parte del professore Luciano Vullo. Giovanni Manna, 25 anni, autore del libro, ha conseguito lo scorso anno la laurea in lettere classiche presso l’Università di Catania ed ha anche partecipato al Master in Creative and Professional Writing presso l’Istituto europeo Design di Milano.

Laura Mendola
in LA SICILIA 14 ottobre 2006

È ancora
immaginabile
una (ri)scoperta della propria città?

“Un ‘pianeta’ da (ri)scoprire”.

Gela: la mia, la tua, la nostra città.

È ancora immaginabile una (ri)scoperta della propria città?

“Un pianeta da (ri)scoprire”, un’analisi bonaria ed ironica sulle abitudini quotidiane ed il dialetto della città di Gela.

Il nostro ‘buon gelese’ sembra spesso invocare protezione ed aiuto dalla Madonna:

     “Maria”, ch’ammu a fari stasira?

“Maria”, a scampagnata quannu l’ammu a fari?

Per indicare un ragazzo/a particolarmente robusto/a si usa sovente tale espressione:

       Chiddru/a pare n’arancina chè pere!

Pur avendo condotto estenuanti ricerche, non c’è ancora concesso di sapere (e nessuno probabilmente lo scoprirà mai!) cosa effettivamente ci sia in questa famigerata ‘arancina’.

Gli agenti di Polizia decidono di fermare solo quelli che, un po’ in ritardo con la moda, ancora indossano il casco:

“Perchè indossa il casco? Non sa che è vietato dalla legge?”;

“Vietato? Da quando il casco è vietato? Io l’ho sempre indossato ed ora… mi si dice che è vietato?”;

“Ora le farò una bella multa per uso reiterato del casco, con la speranza che lei riesca a togliere il brutto vizio di indossarlo”.

I ‘buoni gelesi’, specialmente nelle serate di festa, non escono mai da soli ma sempre con due o tre famiglie di amici, fratelli o cognati, parcheggiando le macchine quasi a formare una specie di ‘consorzio mangereccio’.

Le tovaglie vengono stese sui cofani che diventano così dei veri e propri tavoli (caldi).

La gara a chi possiede il maggior numero di cd di Gigi D’Alessio o di Nino D’Angelo è il fatale preludio al bisogno di ascoltare della buona musica a tutto volume, anche per agevolare il processo digestivo.

Difficilmente si assiste a scene più raccapriccianti di questa…

La nostra guida è un accanito fumatore. Sua moglie ha inutilmente tentato in tutti i modi di eliminare questo nocivo vizio dalla vita di suo marito! Ci confida che la frase che egli pronuncia decine di volte al giorno è la seguente:

“Fumo l’ultima sigaretta e smetto di fumare. Non ti preoccupare: questa è la volta buona! Te lo prometto!”…

…alla sala Bingo ci sono in palio circa quattrocento €. È appena stato estratto il quarantasette ed il sudore bagna copioso i visi di tutti coloro che temono di sentire che si è verificato un ‘Bingo’. Nei palpitanti volti di tutti i presenti aleggia un silenzio irreale…

Trascorrono altre frazioni di secondo che possono significare molto. Possono conferire la gloria! Ancora altri attimi, l’attesa cresce…

La storia, spesso definita ‘magistra vitae’, non è altro che un ‘viaggio nel viaggio’ che parte da lontano ma che continuerà sempre ad interessare da vicino.

Gela, raccontata tra storia e fantasia, tra utopia e realtà, tra attualità e ‘backgrounds’ storici: dall’arrivo dei ‘rodio-cretesi’ fino ai nostri giorni, sarà un crescendo di immaginazione.

“Al momento dello sbarco rodio-cretese, correva l’anno 688 a.C.

Anzi, quell’anno non correva per niente.

La vita trascorreva in maniera per nulla frenetica…

Tra gli abitanti (che avevano il nome greco di “geloi”), si cominciava a formare un gruppo eterogeneo di ‘buoni geloi’”.

Non era certo un’operazione semplice: come decidere a chi sarebbe toccato il potere?

Roma o Agrigento? Giulio Cesare o Phintias?

I due principali esponenti furono chiamati ad un ‘faccia a faccia’ in diretta tv, alla presenza di un moderatore e di due giornalisti. La settimana che precedette questo grande evento mediatico fu piena di tensione. I due contendenti erano intenti a prendere di comune accordo alcune decisioni di estrema e vitale importanza:

Chi parla per primo?

Chi ascolta per ultimo?

Inquadratura fissa o piano all’americana?

Quanto tempo per rispondere alle domande?

Quante domande?

Si può copiare?

Mi passi la tua risposta?

Quante risposte?

Kakà o Iraq?

Bush o Blair?

Armi di distruzione di massa o distruzione di armi?

Aiutami, ti prego! Quanto tempo rimane?

Non capisco nulla!

Cravatta nera o a colori?

Lifting o trucco: l’importante è sorridere!

Ti siedi a sinistra o a destra? A nord o a sud?

Scarpe lucidate, nere o marroni?

A scuola, gli studenti del decimo secolo dopo Cristo erano alle prese con una situazione nettamente migliore rispetto ad oggi. Ad esempio, la letteratura italiana e l’informatica non esistevano ancora! Il programma di storia era ridottissimo ed anche la geografia mancava di tutta la parte dedicata al ‘Nuovo Mondo’. Dante e Leopardi, Manzoni e Verga dovevano ancora far la loro comparsa nel panorama culturale!”.

Il problema dell’università non esisteva in quei secoli!

Hai superato i pre-test?

Ed i pre-testi per non entrare a scuola?

Sciopero o occupazione: come lo chiamiamo?

Sei di vecchio o di nuovo? 

Fai il cosiddetto 3+2 o il 4+2?

Il 4 x 3? O il 5 x 2?

Il 7:3? O il 5-4?

Il ‘prendi 3 e paghi 2’ o un più tradizionale 4-4-2 ?

Crediti liberi o crediti in carcere?

C.F.U., D.A.M.S. o C.T.F.?

Farai un ‘Master’ o un ‘Dottorato di Ricerca’?

Sarai un ‘Dottore in Legge’ o leggerai i dotti commenti dei Dottori?

Chiedi un prolungamento o prolunghi l’agonia?

Facoltà a numero chiuso o aperto?

Semichiuso o semiaperto?

Lauree specialistiche o specialista in Lauree?

Queste e tantissime altre considerazioni saranno contenute nel libro, la cui ‘ironia’ consentirà di spalancare le porte di una realtà che spesso guardiamo, che certe volte osserviamo ma su cui quasi mai proviamo a riflettere seriamente.

Giovanni Manna, autore di questo libro che sarà pubblicato prossimamente dalla Libreria Editrice Urso, è un ragazzo gelese, neo-laureatosi in Lettere Classiche.

L’amore per la sua città natale è tutto espresso in questa “avventura” che propone, tra un sorriso ed un altro, una riflessione sulla realtà attuale, in un presente che rievoca l’attualità del passato per cercare di evitare le sabbie mobili del futuro.

Nato a Gela il 18 settembre 1981
Giovanni Manna ha conseguito la Laurea in Lettere Classiche
presso l’Università di Catania.
Le discipline umanistiche, la musica e la lettura
sono le sue passioni più grandi, coniugate ad un costante impegno sociale.
L’amore per la sua città lo ha ispirato in questa sua prima opera.


copertinaCollana OPERA PRIMAacquista
C’è sempre un primo passo da fare per realizzare un proprio sogno e questa collana si addice a chiunque abbia un sogno nel cassetto, un desiderio da realizzare. Dare visibilità ad autori inediti è spesso uno dei più entusiasmanti compiti di un editore.

  1. Venerando Argentino, Le mie poesie, 2004, 8°, pp. 50, 7,00
  2. Corrado Bono, Frammenti di luce, 2004, 8°, pp. 60, 7,00
  3. Emanuele Tiralongo, La vita. Sogni ricordi e piccole riflessioni, 2004, 8°, pp. 52 – Esaurito
  4. Antonio Rametta, Vento, 2004, 8°, pp. 68, 7,00
  5. Roberto Dorato, Un incontro a primavera, 2005, 8°, pp. 82 – Esaurito
  6. Enrico Alia, Poesii pi passatempu, 2005, 8°, pp. 80
  7. Maria Giovanna Mirano, Uomini Liberi, 20064, 8°, pp. 282 – Esaurito
  8. Graziana Scaffidi, Momenti di poesia, 2005, 8°, pp. 48, 7,00
  9. Linuccia Blanco, I sensi dell'anima, 2013, 8°, pp. 104 – 10,00 – ISBN 978-88-98381-44-9
  10. Giovanni Manna, Un “pianeta” da (ri)scoprire. Gela: la mia, la tua, la nostra città, 2006, 8°, pp. 88 – Esaurito
  11. Giuseppe Rosana, Finalmente mi sposo, 2007, 8°, pp. 88,  10,00
  12. Emanuele Savasta, A una Venere appena sconosciuta, 2007, 4°, pp. 52, 15,00
  13. Natalia Romano, I colori del silenzio – Racconti, 2007, 8°, pp. 88, 10,00
  14. Tim Scrivello, Morire per la vita – Racconti, 2008, 8°, pp. 56, 10,00ISBN 978-88-96071-04-5
  15. Salvatrice Pirreco, La nuvola che voleva andare sulla luna e altre fiabe, 2008, 8°, pp. 104 – ISBN 978-88-96071-06-9 – Esaurito
  16. Paola Liotta, Del vento, e di dolci parole leggere..., 2009, 8°, pp. 88, 9,00 ISBN 978-88-96071-13-7
  17. Fabrizio Demaria, Pelle - Racconti, 2009, 16°, pp. 112 – ISBN 978-88-96071-14-4 – Esaurito
  18. Emanuela Strano, Le mie sane paranoie, 2009, 8°, pp. 88 ISBN 978-88-96071-11-3 – Esaurito
  19. Emanuele Lombardo, L'eco del gusto, 2009, 8°, pp. 80ISBN 978-88-96071-12-0 – Esaurito
  20. Mia, Io vampira, 2009, 8°, pp. 344, 19,00 – ISBN 978-88-96071-22-9
  21. Giovanni Parentignoti, Homo minor mundis (Poesie e prose), 2009, 8°, pp. 56 – ISBN 978-88-96071-24-3 – Esaurito
  22. Mariano Grillo, Non dirmi... Ci vediamo domani, 2014, 8°, pp. 56, – (in corso di stampa)
  23. Cettina Lascia Cirinnà, Poesie d'estate, 2011, 8°, pp. 56, 12,00 – ISBN 978-88-96071-38-0
  24. Giulia Tiralongo, La corsa sul mare, 2011, 8°, pp. 240, 15,00 – ISBN 978-88-96071-39-7
  25. Davide Scamporlino, Ciò che un cuore, in continuo andare, sente di dire, 2011, 8°, pp. 56, 9,00 – ISBN 978-88-96071-41-0
  26. Mariella Curcillo, Il trascorrere della vita, 2011, 8°, pp. 56, 9,00 – ISBN 978-88-96071-43-4
  27. Salvatrice Catinello, Come potrò dire a mia madre che ho paura? (a cura di Roberta Malignaggi), 2011, 8°, pp. 120, 14,00 – ISBN 978-88-96071-48-9
  28. Mary Di Martino, Musica dell'anima, 2011, 8°, pp. 72, 12,00 – ISBN 978-88-96071-44-1
  29. Sebastiano Sirugo, La mia vita in mare, 2011, 16°, pp. 56, ill., 7,00 – ISBN 978-88-96071-54-0
  30. Rossella Caruso, La drammaturgia della “Lisistrata” di Aristofane, 2013, 8°, pp. 144, ill., € 15,00 – ISBN 978-88-96071-93-9
 

copertinaCollana MNEMEacquistaMneme, Mnemòsine (… diva del cor maestra e della mente // e del caro pensiero custode e madre. Monti, Musogonia, 25 e segg.), la ricordanza, la memoria in lotta perenne nel nostro tempo, tra il dimenticare di ricordare e il ricordare di non dimenticare, mai.

  1. Giovanni Stella, Le Sirene e l’Isola, 1998, 8°, pp. 104, 11,00
  2. Sebastiano Burgaretta, I fatti di Avola, 2008, 8°, pp. 142, 15,00 – ISBN 978-88-96071-08-3
  3. Antonino Caldarella, Santa Venera, 1983, 8°, pp. 120 – Esaurito
  4. Giuseppe Schirinà, La chiusa di Carlo, 1984, 8°, pp. 288,  10,00
  5. Giuseppe Schirinà, Antinferno, 1989, 8°, pp. 160, 10,00
  6. Sebastiano Burgaretta, L’opera dell’uomo a Cava Grande del Cassibile, 1992, 8°, pp. 240, ill.,  25,00 – ISBN 978-88-96071-31-1
  7. Giovanni Stella, Sicilia terra mia, 1995, 4°, pp. 8 – Esaurito
  8. Giuseppe Schirinà, Nina, 1996, 8°, pp. 154,  11,00
  9. Giovanni Stella, Gesualdo Bufalino vivo, 1996, 8°, pp. 11 – Esaurito
  10. Carmelo Giannone, Bbummi su…nun ti scantàri, 2000, 8°, pp. 128, ill.
  11. Sebastiano Burgaretta, Di Spagna e di Sicilia, 2001, 8°, pp. 208,  14,00 – ISBN 978-88-6954-099-8
  12. Giovanni Stella, Amici cari, 2000, 8°, pp. 120, ill.  11,00
  13. Sebastiano Martorana, Ricordi di un tempo che fu, 2000, 8º, pp. 120 – Esaurito
  14. Nello Lupo, Don Lorenzo Milani prete e maestro, 2001, 8º, pp. 208, ill. – Esaurito
  15. Giovanni Stella, Il rigattiere e l'avventore, 2002, 8°, pp. 192, 13,00
  16. Benito Marziano, Don Agostino Salvìa e altri racconti, 2002, 8°, pp. 112, 10,00
  17. Salvatore Di Pietro, I perché del nostro dialetto. Storia linguistica e sociale della Sicilia, 2006, 8°, pp. 208,18,00 – ISBN 978-88-98381-93-7
  18. Italico L. Troja, Alessandro Patti. Un esiliato di Weimar che perdette il suo cuore ad Heidelberg, 2007, 8°, pp. 80, € 10,00
  19. Fernando Buscemi, Storia della Rebetika, 2006, 8°, pp. 128 – Esaurito
  20. AA.VV., Da Versi a Nina. Note di critica letteraria, 2006, 8°, pp. 164, 10,00
  21. Salvatore Di Pietro, Nella valle dell’ozio – Racconti, 2008, 8°, pp. 176, 13,00
  22. Italico L. Troja, La mia “prima etade”, 2010, 8°, 15,00 – ISBN 978-88-96071-23-6
  23. Corrado Zuppardo, Memoriale di un siciliano emigrato a Milano, 2010, 16°, pp. 96, 9,00 – ISBN 978-88-96071-28-1
  24. Giuseppe Conte, La melagrana ossia la disegualità, 2008, 8°, pp. 144, € 13,00 – ISBN 978-88-96071-07-6
  25. Benito Marziano, Juliette cara – Romanzo, 2009, 8°, pp. 160, € 13,00 – ISBN 978-88-96071-10-6
  26. Cetty Stella, Dalla città reale alla città ideale – La città di Avola dopo il terremoto del 1693, 2008, 8°, pp. 48, 8,00
  27. Nino Muccio, L'Ammiraglio e l'America, 2008, 8°, pp. 368, 25,00 – ISBN 978-88-96071-09-0
  28. Italico L. Troja, Dalla "Domus hospitalis" al moderno "Ospedale Giuseppe Di Maria" (Origine e vicenda storica dell'Ospedale di Avola), 2015, 8°, (in corso di stampa)
  29. Fulvio Maiello, Il crepuscolo della nobiltà, 2010, 8°, pp. 128, 13,00 – ISBN 978-88-96071-26-7
  30. Salvatore Salemi, La vita e l'opera di Teocrito Di Giorgio, 2015, 8°, pp. (in corso di stampa)
  31. Giovanni Manna, Ombre di felicità, 2011, 8°, pp. 112, 12,00 – ISBN 978-88-96071-42-7
  32. Mauro Giarrizzo, La legislazione scolastica nel Regno d'Italia e la situazione nella provincia di Noto, 2011, 8°, pp. 200, 18,00 – ISBN 978-88-96071-32-8
  33. Autori Vari, Antologia Inchiostro e Anima 2010/2011 – Poesia, Teatro, Cinema in memoria di Antonio Caldarella, 2011, 8°, pp. 152 – ISBN 978-88-96071-02-1 – Esaurito
  34. Giuseppe Aloisi, Memorie di un navigante, 2010, 8°, pp. 152, ill., 13,00 – ISBN 978-88-96071-35-9
  35. Benito Marziano, Randagi – Sei racconti, 2011, 8°, pp. 88, 10,00 – ISBN 978-88-96071-52-6
  36. Giovanni Gangemi, Il papiro di Akhenaton, 2011, 8°, pp. 360, 25,00 – ISBN 978-88-96071-55-7
  37. Salvatore Di Pietro, Il cancello chiuso (Ingresso libero), 2012, 8°, pp. 80, 10,00 – ISBN 978-88-96071-92-2
  38. Enza Fiaschitello – Corrado Leone, Parrannu parrannu..., 2013, 8°, pp. 272, € 20,00 – ISBN 978-88-96071-94-6
  39. Eleonora Nicolaci, La famiglia Nicolaci di Noto (secc. XVI-XVIII), 2013, 8°, pp. 120, 12,00 – ISBN 978-88-98381-43-2
  40. Paolo Dipietro, Vampugghi (Piccole storie di periferia), 2013, 8°, pp. 120, € 12,00 – ISBN 978-88-98381-42-5
  41. Antonella Santoro, Azzurro, come i suoi occhi, 2014, pag. 108, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-45-6
  42. Sebastiano Cugno, 1953-2013: sessant'anni di cinema a Noto – Analisi dei rapporti tra la capitale netina e il cinema, 2014, 8°, pp. 204, € 18,00, ill. – ISBN 978-88-98381-46-3
  43. Salvatore Di Pietro, Viaggi da fermo, 2014, 16°, pp. 250, € 12,00, ill. – ISBN 978-88-98381-98-2
  44. Corrado Morale, Miluzza – Trimau la terra, 2014, 8°, pp. 310, € 18,00, ISBN 978-88-98381-99-9
  45. Carmelo Dugo, Uno scorcio della nostra e della mia storia – Due anni di vita in Istria – 1943-1945, 2014, 8°, pp. 80, € 9,00 – ISBN 978-88-6954-000-4
libri acquista

 NOVITA' NELLE NOSTRE PAGINE
Manna acquistaAcquista
EVENTI E ACCADI...MENTI DA SEGUIRE
GIORNO PER GIORNO

 

 

urso
Araba
Fenice
Poesia
della
settimana
Poeti e poesia Novità Edizioni Urso Catalogo Edizioni
Urso
Mneme Giovani scrittori Urla la tua
opinione
Archivio amici
artisti
Libri in
stampa
Novità in libreria Iscriviti alla nostra Mailing List Archivio
nostri autori
Icono-
grafica
Concorsi letterari Link utili
Schede libri sulla Scuola Mafia?
No, grazie!
Collana
OPERA PRIMA
Libri viaggi turismo tempo liberato libri per tutti i concorsi Libri di cultura varia DIZIONARI
Libreria Editrice Urso
e-mail info@libreriaeditriceurso.com per informazioni Acquista Offerte del mese Novità del mese
sito internet http://www.libreriaeditriceurso.com
SEGNALA il nostro sito

mailing list
iscriviti

alla
Mailing List

LEGGI
LE NOSTRE news:
1) nuovo
archivio

2)
vecchio
archivio


il nostro

 

il nostro sito