SPAZIO A CURA DELLA
Benvenuti sul sito della Libreria Editrice Urso, dal 1975 un angolo di cultura ad Avola. Novità del mese Offerte del mese Acquista per informazioni
EDITORIA E VENDITA LIBRI AL DETTAGLIO VIA INTERNET
FacebookYouTubeTutto per Santiago de CompostelaTelegramlibreriaCatalogo aggiornatopaypal
whatsapp Novità del mese Offerte del mese Acquista per informazioni
Giuseppe Conte
Per

CONTE M. GIUSEPPE


NUOVO!!!
logo

QUEST'OPERA È STATA SELEZIONATA
NEL CONCORSO LIBRI DI-VERSI IN DIVERSI LIBRI
IN MEMORIA DELLA POETESSA MARIA PIA VIDO
EDIZIONE 2018-2019

clicca sulla copertina per vederla in tutta la sua dimensione

copertina Conte

Giuseppe M. Conte
Vele d’Africa
POESIE

2019, 8°, pp. 56
Libreria Editrice Urso
Collana "ARABA FENICE" n. 359, € 10,00 acquista
ISBN 978-88-6954-221-3

copertina Conte

Vacilla il barcone

Vacilla il barcone
sotto il peso di corpi ammucchiati.
E il mare è un urlo.
E l’onda è vorace, le creste biancastre cancelleranno ogni segno.

*

Tra santi e briganti, più di cento, sapevano
tutti di essere in tanti,
pensavano tanti di essere eterni.
Erano sogni
di libertà. Ma ora gridi agghiaccianti.
Khadra…khadra… In ism, kunya, umm, nasab
Aziz…Najat..Jalila…
Saydha… Ihsan… Bahir…
Jamilah… E sulla pelle ferite e dolori
rancori
e sputi di sangue. Altro pianto.
A maledire le stelle.
Poi il silenzio
degli abissi.

Liberi

Il destino ti colse
in un punto.
Così la morte non è materia e non è più un sogno
fu la tua libertà.
Così la morte ti fece
libero.
Anche il bambino,
l’evanescente maghrebino,
appena nato
gettato in mare dal barcone in fuga fu reso libero
dai pesi del mondo.
Dalle fatiche. Dai suoi mali a venire.

Lo chiamarono il “Bello”.
Khalil.
La nuova bellezza.
Per ciò
che era stato
già suo padre prima di lui.
Ma che ne saprà lui che nel mondo alla fine non sarà?

 

 

In “VELE d’AFRICA” è la rappresentazione – parte in versi e parte in prosa – di uno dei tanti avventurosi viaggi di popoli africani sulle carrette del mediterraneo
Al centro della silloge è la sequenza di undici stanze, una movimentazione visionaria, la tragica vicenda di Amina e Karim in angosciosa interlocuzione. Il testo che narra del sogno di due giovani protagonisti, nell’autonomia del libro, si caratterizza per le sue atmosfere surreali: una storia di amore e di morte, dove la morte non è mai vincente, non è insignificante cessazione del vivere; al contrario, è sempre celebrazione ed è consegna del più alto tributo alla continuità della vita. A trionfare su tutto, sul rischio, sulla fatica e sulle dolenti memorie, sul pianto e sulla mancata parola per ciò che si è perduto, è il divino eppur sanguigno desiderio del cambiamento, la sua forza motrice, la spinta audace volta a modificare per un miglior destino la nuda carnalità della storia.
In “Vele d’Africa” si racconta di una gente vigorosa, di giovanissimi e di bambini, di creature in solitudine, di vergini violate: tragedia di popoli che vanno con speranza al valico di frontiere difficili, verso l’Europa. Marea che monta. Gigantesca epopea del nostro tempo. Inarrestabile.

 

Un canto di dolore empatico e solidale, scevro di "complicatezze intellettualistiche" che “filma”, con brevi e penetranti “inquadrature” poetiche, sofferenze, aspirazioni, sguardi, aspettative, disperanti disillusioni... La poesia voce narrante racconta la fine del “viaggio” (tema così ricco di significati poetici) con l’infrangersi del sogno e il mare come cimitero. Il sentimento che permea i versi è lo smarrimento, l’angoscia e il senso di naufragio interiore del poeta stesso ma anche di un affondamento morale collettivo, un naufragio di coscienze, le nostre… Un brivido. Complimenti al poeta Giuseppe Conte.

Nina Esposito

Il colore blu notte intenso di questa copertina è risaltato al mio immaginario come qualcosa che sta in ombra, in oblio, con ricordi recenti di cose perdute e anche l’immagine del mare che, solitamente dà gioia e vitalità, a ben osservarla, mi ha dato una stretta al cuore con quell’infradito spaiato abbandonato lì, nella sabbia, persino le vele in lontananza non ispirano brezza e leggerezza, come sempre accade...
Ancora un poeta che giunge ad Avola da lontano, dalla Lombardia, sia pur, come leggo, di origine e formazione siciliana.
Il suo canto e il suo grido è molto vicino alla terra di Sicilia, perché nei suoi versi ascoltiamo le urla, i gemiti, i pianti, che ormai da troppo frequente si levano vicino alle sue coste, dai barconi, dalle carrette della speranza, dall’orrore durante i naufragi dei disperati in cerca di un domani che futuro non ha, di sogni, fatti di schiuma che il mare inghiotte, come un castigo immeritato, crudo e crudele.
Giuseppe Conte non è nuovo alla scrittura ed alla poesia e di sicuro sarà interessante immergersi nella sua silloge, poiché l’assaggio che ne abbiamo in “Vacilla il barcone”, fa presagire piacevoli immersioni nella sua lettura.

Mariapina Astuni

Si dice comunemente che il 17 non porti niente di buono, cerco la nuova copertina e su di essa trovo raffigurato il mare... che strano!
È calmo ma m'inquieta! Non vedo ombrelloni, non vedo bambini con paletta e secchiello prendere sabbia per costruire castelli, non vedo barche di pescatori, solo una ciabatta piantata sulla sabbia quasi a segnare un passaggio, un punto di arrivo e di noi ritorno!
Leggo scritto a caratteri cubitali, su un colore blu oceanico "VELE D'AFRICA". Ora tutto è chiaro ed il pensiero vola ai tanti barconi che toccano terra senza mai approdare, alle tante vite perse, a quelle approdate e mai completamente accolte, a quelle accolte e poi vendute, a quelle che con onore e fatica fanno ormai parte della nostra vita.
L'autore è Giuseppe M. Conte che "approda " da Legnano. "Conte" è un cognome siciliano dico, non potrebbe sentire così fortemente il mare se non avesse il mare tra le sue radici... Ah! Ecco ora vedo, è nato ed ha studiato in Sicilia! Comincio a leggere "Vacilla il barcone”.
Un nodo forte sento alla gola e penso ad un poco di anni fa quando un piccolo barcone giunse quasi a riva nel mare di Avola, quasi davanti casa mia. Era un silenzioso, tardo pomeriggio di fine estate. Sentii urla ed uno strano rumore, mi precipitai fuori insieme ad altri vicini e vidi una scena che mai avrei voluto vedere.
Forze dell'ordine e sanitari con barelle e medicamenti... un barcone sballottato dalle onde era quasi giunto a riva… sentivo il pianto di bambini.
Corremmo portando da bere pensando alle loro labbra arse e biscotti per i bambini... qualcosa di dolce per togliere un poco di tanta amarezza. Non ci fecero avvicinare ma ci sentimmo ugualmente d'aiuto, in un modo o nell'altro eravamo pronti a prestare soccorso. Penso ai miei versi di allora "Un barcone a testimonianza di anime passate, sbattuto dalle onde, muto, senza vita, ormai arenato!". Il "barcone" di Giuseppe vacilla, tanti corpi ammucchiati, più di quanti il barcone stesso possa contenere.
Il mare è un urlo, l'onda è vorace, pronta a cancellare ogni segno. Mi commuovo, sento quelle urla ed il mare calmo raffigurato sulla copertina diventa rabbioso. Avanzano onde gigantesche pronte a cancellare sogni di libertà e rinascita,sogni di una nuova vita. "Tra santi e briganti”… Tutto il mondo è paese e sono sempre i giusti a pagare per tutti. Urla e dolore, ferite e sangue... poi silenzio assoluto. È il silenzio a prestare soccorso, a rendere liberi uomini, donne e bambini, il silenzio della morte che libera "dal peso del mondo, dalle fatiche, dai mali a venire." Mai potrà scoprire Khalil la bellezza vera della vita perché gli è stato negato di vivere! Mi fermo a respirare profondamente mentre asciugo lacrime... sento dentro di me tanto dolore, come se mi appartenesse. Penso alle nostre antiche origini, penso alla storia del nostro passato, ad un passato che passato non è, vorrei gridare “Perché?” .Ora il vento sibila, sussurra un monito, entra dritto nel cuore come frecce scagliate... è alito o ira di Dio, vuole risvegliare coscienze... la coscienza di chi?
Giuro, la mia è già sveglia! Io che volevo un mondo nuovo ancora da sognare ed un mare calmo dentro cui pescare!
Complimenti Giuseppe, un tema triste, importante, attuale da trattare e tu hai saputo farlo benissimo. Sento ancora urla, sento ancora dolore ed ancora mi chiedo "dolore e morte serviranno a risvegliare coscienze?”.
Lo spero e me lo auguro per le coscienze di tutti e per un nuovo mondo.

Carmela Di Rosa

Blu come il mare la copertina di oggi... l'immensa pianura salata.

Grazia La Gatta

Incalzanti, impietose si susseguono in questi versi (terribili ma preziosi) immagini, figure sconciate, parole, grida, maledizioni, sogni precipitati nel silenzio dell'abisso. Nella ricerca della salvezza, hanno combattuto Scilla e Cariddi, maghe e ciclopi questi eroi-martiri del nostro tempo che solo nella morte (scrive il poeta) troveranno la libertà. Vorrei che si potesse riscrivere il finale di questo dramma, per loro e per noi. Ebbene questi eroi raggiungeranno la loro Itaca, oppure approderanno nell'isola dei Feaci, governata dai valori della xenìa, dove Nausicaa dalle bianche braccia li accoglierà e li inviterà nella reggia del padre. E ci saranno tutti, anche Khalil, "l'evanescente maghrebino, appena nato/gettato in mare dal barcone". Complimenti a Giuseppe Conte, che con originalità e in modo plastico ha tradotto in poesia episodi drammatici riuscendo ad aprire un varco nell'indifferenza che rischia di far affogare la nostra umanità.

Loredana Borghetto

Solo l'amore ricostruisce, unisce e non discrimina. Impariamo dai bambini a vivere senza pregiudizi e senza orgoglio (a proposito di libri e versi 😉).
Scusate se mi sono prolungata, ma su temi del genere mi infervoro.

Erica Gavazzi

 

ConteGiuseppe Conte (Marius è l’eteronimo) nasce a Motta Sant’Anastasia, studia a Catania e si laurea in Lettere Classiche con una tesi sui saggi londinesi di Ugo Foscolo. Per molti anni insegna nel Liceo “Galilei” di Legnano. Dirigente scolastico si occupa di problemi connessi con il disagio di ragazzi spastici.
Autore, in età giovanile, di testi teatrali (“Lettera a Caino”, monologo, 1956; “I figli della terra”, pièce in tre atti, 1957), indirizza successivamente i suoi interessi allo sviluppo di alcuni temi della ricerca storica e della letteratura agiografica.
Pubblica: “Mocta Sanctae Anastasiae” (una storia municipale), 1979; “Oltre le colline dei Sieli” (racconti), 1984; “Epigrafia inedita” (quasi una storia scritta nel bronzo), 1989; “La fine di una baronia” (cronache di un territorio nella valle del Simeto dal sec. XVIII al 1910), 1990; “In vita e in morte di una patrizia romana”, 1991; “I garofani in collina”, 2000; “Marbrées” (poesie), 2001; “La melagrana ossia la disegualità” (memorie), 2008; “Il sogno di Eliàde” (poesie), 2010.

 

LIBRI DI-VERSI IN DIVERSI LIBRI
LE RAGIONI
DEL NOSTRO CONCORSO

UNA SOCIETÀ DI POETI

Noi tutti, assieme a tanti altri, crediamo possibile una società di poeti e crediamo inoltre che la poesia sia fondamentale per pensare la vita e sognare un altro modo di vivere.

PREMI INUSUALI!
LIBRI...
L'editore Francesco Urso ha voluto riservare a ciascuno autore selezionato dalla Giuria il premio di una pubblicazione, impegnandosi a farlo, al momento del Bando del Concorso per un numero massimo di cento autori (Quarantaquattro sono stati, invece, gli autori risultati idonei nell'edizione 2018-2019).
Ogni pubblicazione avrà una differente grafica di copertina.
Nel contesto di questa logica esaltantante in sé la scrittura, l'editore ha voluto riservare ai primi tre poeti selezionati premi particolari (cento copie di un proprio libro al primo classificato, e omaggi di libri della Libreria Editrice Urso al secondo e terzo classificato).
In questo concorso vengono banditi attestati di carta di ogni tipo, pergamene, coppe, medaglie e trofei vari, così come vengono rigorosamente esclusi finanziamenti pubblici e sponsorizzazione estranee all'Editrice.


Si ringraziano quanti hanno con noi condiviso l'esperienza (giurati, poeti e chiunque faccia eco alla presente iniziativa).

Per saperne di più:

POESIA COME STORIA CHE SVELA,
CHE ABBATTE I MURI


Per il poeta, scrivere significa abbattere il muro dietro cui si nasconde qualcosa che è sempre stata lì. Così lo scrittore ceco Milan Kundera commentava in L’Arte del romanzo, scritto nel 1986, circa il compito gravoso, ingrato, faticoso.
Un percorso travagliato, quello del poeta, dannatamente infame, sia nel passato sia ancora oggi, nella nostra modernità liquida di origine baumaniana in cui viviamo. Il poeta si carica sulle spalle tale fardello con una leggiadria pazzoide, con un sorriso sempre pronto in faccia. È la pena (chi scrive, riconosce a cosa mi riferisco) che ciascun plasmatore di parole sa che dovrà prima o poi espiare. L’esigenza del poeta è quella di guardare dall’esterno con l’occhio della mente, di partorire un’intima concatenazione di suoni e di ritmi personalissimi che non sempre è pronta a donarsi, perché gelosamente custodita dal creatore, ma che inesorabilmente raggiunge prima o poi gli altri, portando a termine la stessa funzione della vocazione poetica: le molteplici possibilità umane. I poeti con i propri versi hanno aiutato l’uomo a riappropriarsi del proprio tempo, a distrarre la mente dalla velocità o dal correre che non aiutano affatto il pensare, ad abbattere i muri dell’ovvio, dello scontato, dell’omologazione ormai generale e universale, ma soprattutto, delle mentalità astruse che ci circondano quotidianamente.
È capitato ai poeti di ogni epoca di aver conosciuto la solitudine, fin nella terra natia, dove è quasi impossibile che si rimanga da soli come una sorta di esiliati; i nuovi mezzi di comunicazione, e soprattutto i social, hanno permesso sicuramente di accorciare le distanze, di aprire impensabili brecce su numerosi muri delle resistenze più ostili, di bypassare le terre bruciate degli invidiosi presenti in ogni luogo e contesto, di conoscere nuove anime poetiche sia ai poeti sia all’uomo comune.
Perché è grazie a tutti i 56 partecipanti di questa ottava edizione del Concorso letterario Libri di-versi in diversi libri, dedicata alla memoria della poetessa Maria Pia Vido, e di tutti i partecipanti delle sette precedenti edizioni che è stato possibile creare e ricreare quel clima di grande famiglia poetica, sparsa in tutta Italia e anche all’estero, che si ricongiunge ogni anno per esaltare la poesia in corrispondenza della giornata mondiale della Poesia.
Un’idea nata nel 2011 nella fucina culturale della Libreria Editrice Urso di Avola in cui io stesso sono nato, vissuto, cresciuto. Fin da subito, dal 2011, a fianco di mio padre, Ciccio Urso, e di mia madre, Liliana Calabrese, ho contribuito come potevo alla realizzazione: come aiuto tuttofare, come fotografo, poi nel difficile compito del giurato per un paio di edizioni, adesso come presidente di Giuria. Voglio approfittarne anche per ringraziare tutta la giuria che ha operato con grande professionalità e onestà intellettuale e morale in questa edizione e che è stata composta da: Bono Corrado, Borghetto Loredana, Calabrese Liliana, Causi Antonino, Di Rosa Carmela, Ficara Luigi, Forte Maria Antonia, Muccio Antonino, Parisi Vera, Politino Fausto, Restuccia Maria, Urso Lilia, con, in aggiunta, i poeti vincitori delle sette precedenti edizioni, Magi Manuela, Catalano Giovanni, Quartu Maria Chiara, Vizzini Pietro, Esposito Nina, Carlo Sorgia e Liliana Moreal.
Un evento poetico che, anno dopo anno, aggiunge nuove e indelebili emozioni in tutti i nostri cuori, che permette di (ri)scrivere e svelare nuove e bellissime storie di poesia.


Marco Urso
Presidente della Giuria

Giuseppe M. Conte, La melagrana ossia la disegualità
2008, 8°, pp. 144, 13,00

Libreria Editrice Urso, Collana Mneme n. 24
ISBN 978-88-96071-07-6
13,00
acquista
Antologia di versi in vernacolo mottese e di prose sul tema del “diverso” e del “variabile"
L’intera scrittura si propone come riflessione e come omaggio all’idea di libertà.
Copertina Conte


[...] Che dirò ancora de “La melagrana”? La parte più esposta al rischio di un generico rifiuto è forse quella che riunisce versi in lingua dialettale, una sorta di poemetto o – più precisamente – un’antologia di sparsi componimenti in vernacolo mottese, con spunti assai vicini allo spirito e ai modelli della tradizione poetica siciliana. E il rischio consiste nella specificità di quel linguaggio. Come nacque l’idea di questa raccolta ? E dove e perché si concepì un tale disegno? E da chi si volle proporre una così discutibile letteratura?
    Accadde in Sicilia, nell’estate del ’79. E fu il risultato di una mia partecipazione a uno specialissimo concorso. Meglio si definirebbe  partecipazione a un “certamen”, a una di quelle gare poetiche che mai si concludevano con un trionfo finale ossia con l’assegnazione di una vittoria garantita da una riconosciuta autorità. Nelle intenzioni e nei procedimenti quel cimento fu operazione assai simile a quelle disfide popolari che una volta – tra Ottocento e Novecento – avevano caratterizzato il costume della periferia catanese, quelle gare che si generavano tra improvvisati poeti nelle piazze dei paesi e nelle taverne del suburbio, per assicurarsi il premio di un bicchiere di vino e con un pubblico vociante e istigatore. Quando ciò avveniva, attorno ai “maestri” duellanti si adunavano uditori curiosi e giovani “allievi” amanti della poesia. Quando poi a sera il conflitto cessava, di quell’evento e dei protagonisti che l’avevano sostenuto sopravvivevano l’enfasi della lode e la speranza della pubblica memoria.
    Ora, certamente in condizioni storiche totalmente diverse ma con non dissimile impegno delle parti, questo accadde ad alcuni di noi – a me e ad alcuni miei amici – che, già cultori esploratori di “intelligenze” municipali e consapevoli della novità cui andavamo incontro, trovammo interessante produrci in una sequenza di improvvisazioni, di schermaglie in versi e libere fantasie e ghirigori e movenze della parola e drappeggi baroccheggianti del pensiero in erratico inarrestabile svolgimento. Tutto, allora, nel volgere di alcuni mesi si tradusse in una sorta di gioco, quasi una trama musicale di variazioni sul tema, un duello alle lame affilate dei suoni, della voce e dell’immaginazione. E fu il “divertissement” di un ristretto numero di persone, legate tra loro da vincoli di benevolenza e di reciproca stima. Così io oggi credo che si possa spiegare la genesi del libro.
*
    Oggi quell’esperimento, che fu pur piccolo e provinciale e di breve durata, potrebbe fornire elementi di giudizio per una questione parallela a quella letteraria. Fu, infatti, l’espressione di un modello di società che, fatta inquieta dalle turbolenze del tempo e dalla tragica congiuntura di eventi criminosi (dall’uccisione del commissario Calabresi all’assassinio di Aldo Moro), andava ricercando un rifugio ideale e tentava alcune vie di uscita che fossero più confortanti e rassicuranti. Fu, quella, una stagione di rapidi quanto profondi cambiamenti nel costume, nei linguaggi pubblici e privati, nella qualità dei rapporti generazionali tra i ragazzi e i loro padri “matusa”. Fu l’età del Jesus Christ Superstar e del Gesù di Nazareth di Franco Zeffirelli, documenti spettacolari che facevano capo a una diffusa esigenza di revisionismo della cultura. Ma fu anche l’epoca nella quale l’uomo comune si vide d’un colpo privato di tutte le sue certezze, si vide nudo davanti alla storia e si rese conto di essere impotente a reggere il flusso continuo delle innovazioni. Ciò apparve palese nel rapido svezzamento di mode assai passeggere e nell’esercizio della più fluida inventiva; ma in tono più celato si rivelò anche nel bisogno di affetti autentici, nel ritorno al culto della campagna, nella creazione di cenacoli e sodalizi chiusi e riservati. Perciò, mentre da un lato si prospettavano gigantesche messianiche attese negli sviluppi della storia, dall’altra all’interno della coscienza individuale venivano affiorando diverse e concrete urgenze di pacificazione.
    In ultima analisi, se lo si considera in tale prospettiva, questo libretto potrebbe essere considerato una piccola testimonianza e – perché no? – proporsi al giovane lettore di oggi come pagina documentaria degli svariati e certamente discutibili interessi di un’epoca.

*

    Amico mio! Se, un giorno, questo libretto ti accadrà di vederlo esposto nelle vetrina di un libraio o di vederlo ciondolare tra le mani di un tuo conoscente, non darti fretta, fermati un po’, chiedi notizia e mostrati interessato. Per ciò che ti ho detto non potresti più far finta di niente, come colui che passa e non sa. Tu invece, ora sai di che materia è fatto e di quali aromi e di quali sapori si impregna il nostro vino. Perché, dunque, volertene privare? Perché non accostarti con curiosità al nostro calice? Scriveva un antico saggio: E Diodoro addormentò quel Satiro, ma non volle scolpirlo. Se tu ora lo tocchi, tintinna e si sveglia. Il suo sonno è d’argento. Così parlava Platone.
    Perciò, usa pazienza. Non fare come il pollastro di letteraria memoria che, ruspando per la via, cercava affannosamente il becchime, quell’unica cosa, la sola cosa che giovava al suo stile di vita, e scartava le perle brillanti che non gli servivano affatto.
    Se cerchi unicamente cose che ti siano utili e per tua entropia rifuggi da quelle che nulla ti danno, io stesso ti dirò: passa più oltre e prova a raggiungere il mercato più grosso. Intendo il mercato di frutta e verdure e di carne e di altre cose pastose, gustose e consimili. Sicuramente ti piaceranno, ti gioveranno, te ne sazierai e sicuramente ne  uscirai più forte e rubizzo. Il resto non conta.
Dici che la testa non conta? Vorresti dire che la testa non conta?
La testa??? Meno che mai.

Giuseppe Conte (Marius è l’eteronimo) nasce nel 1936 a Motta S. Anastasia nella provincia di Catania. Si laurea in lettere classiche con una tesi sui saggi londinesi di Ugo Foscolo e, per numerosi anni insegna Lingua e Letteratura italiana e latina nei licei milanesi. Collabora alternativamente con l’Università Cattolica di Milano nel Dipartimento di Scienze politiche. Dopo i primi esperimenti giovanili tra la saggistica (Lettera a Caino, 1956) e il teatro (I figli della terra, dramma in tre atti, 1957), nel 1979 pubblica Mocta Sanctae Anastasiae (cronache di un villaggio nei secoli XIV e XV). Seguono Oltre le colline dei Sieli (racconti, 1984), Epigrafia inedita (1989), La fine di una baronia (1990), In vita e in morte di una patrizia romana (1991), I garofani in collina (2000), Marbrées (2001, raccolta di poesie in quattro sezioni).

Spettacolo di Alessandro Conte, in cantiere per Milano, Legnano e Monza
Trattasi di un monologo della durata di un'ora e trenta minuti e di forte, toccante e intensa drammaticità.
Nato all'interno della tradizione letteraria siciliana, il lavoro è stato innovato e rielaborato in forme e linguaggio, fino a divenire un prodotto che ha radici profonde e al tempo stesso è di inquietante attualità.

LE FIGLIE DEL SELLAIO
di e con Alessandro Conte

Liberamente tratto dalla silloge
“Oltre le colline dei Sieli” di Giuseppe Conte Premio Nazionale di Narrativa (Piacenza, 1982)

Spettacolo di Alessandro Conte, in cantiere per Milano, Legnano e Monza
Trattasi di un monologo della durata di un'ora e trenta minuti e di forte, toccante e intensa drammaticità.
Nato all'interno della tradizione letteraria siciliana, il lavoro è stato innovato e rielaborato in forme e linguaggio, fino a divenire un prodotto che ha radici profonde e al tempo stesso è di inquietante attualità

L’operazione drammaturgica che Alessandro Conte propone al pubblico è un percorso innovativo dell’opera originaria, una “contaminazione” teatrale che ci restituisce il clima di un’epoca, il sapore di una civiltà e un’accattivante quanto conturbante concezione della vita e della morte che caratterizza tanta parte della letteratura siciliana. Nel riprendere l’opera del padre, ne rielabora una poetica sintesi, ne ridisegna la scrittura e - con un proprio taglio interpretativo - illumina le storie e le passioni dei protagonisti, la loro soggettività e la loro coralità. Risultato è un nuovo documento dove il microcosmo della “piccola comune” può essere percepito come più dilatata metafora del mondo. Don Mario, il vecchio novellatore che ci insegna il piacere di attendere e di raccontare; compare Alfio, il sellaio, schiacciato dagli eventi della sua famiglia e tuttavia guidato da un suo sotterraneo bisogno di riscatto e di redenzione; Nastàsi, il giovane che nella sua esistenziale negatività mette in discussione gli antichi dilemmi del vivere; Nunzia che con la sua proposta di coraggiosa maternità è ambasciatrice di nuovi destini per il mondo.
E poi c’è Savina, con la sua tenace innocente obbedienza alle regole del villaggio.
La tenebrosa pazzia di Sara. La tragedia di Pietro Maccarese. Il sogno della bellissima Nice. La generosità di Rosina. Questi ed altri ancora i personaggi che danno vita alla pièce teatrale e che, in quella realtà, offrono all’attore-drammaturgo l’occasione di ritagliarsi uno spazio del tutto personale, di inventare per sé stesso un piano narrativo che è una sua indubbia creazione: ed è il ruolo del cantastorie, il giovane novellatore che dalle fonti del passato cattura amore bellezza e dolore e li ripropone per un futuribile nuovo inno alla vita. Personaggio anche lui che si colloca all’interno delle vicende narrate, potendo ripetere con il padre: “...Ed io seguo quel teatro di luci con religioso abbandono: io superstite fabbro, solitario monarca, giullare di un minutissimo cosmo che conteso persino alla memoria non esiste più”.
Mondo che più non esiste, eppure fatalmente si rigenera e rinnovandosi ci sopravvive.

Drammaturgia e interpretazione: Alessandro Conte
Tecnico luci e audio: Nicola Accordino
Direzione amministrativa: Gregory Bonalumi
Organizzazione: Valentina Paiano
Produzione: La Danza Immobile
Sostenitori: Corrado Accordino, Paolo Bignamini, Carlo Grassi
Ringraziamenti: Alicia Mañas, Paolo Airaghi, Cristina Ferrè, Angelo Platania

“Le figlie del sellaio” nasce dal profondo desiderio di scrutare e approfondire, attraverso la mia immaginazione, un microcosmo siciliano a me non del tutto ignoto. Quel microcosmo che mio padre ha offerto inconsapevolmente alla crescita, alla sensibilità e all’attenzione di un figlio che ancora non aveva dieci anni.
Ero un ragazzino infatti quando per la prima volta leggevo delle vicende di uomini e donne di una piccola comune che il loro autore aveva “sognato e dissepolto sotto un ulivo vecchissimo… Senza posa sopra i precipizi di una rocca venivano pellegrinando i sopravvissuti… Pregavano, ridevano, cantavano solo per non lasciarsi completamente spegnere dal vento…”
Così scrive nella sua introduzione Giuseppe Conte. Ed io “giullare” per mestiere e per vocazione non potevo non ascoltare le voci di quei personaggi come una preghiera, come un mediato desiderio di esistere ancora.
L’indagine sul linguaggio, l’importanza della memoria, lo sguardo sul mondo dei vizi e delle virtù umane, il miracolo del raccontare che risveglia dalla morte, il legame affettivo e viscerale con una terra che da sempre sento appartenermi, la ricerca delle radici, forse anche di una vera casa. Queste le altre ragioni dell’impegno da me preso nello svolgere una ricerca che vuole avere anzitutto il carattere di un racconto dove ci si possa seppellire il cuore. Dove la storia di una difficile e coraggiosa maternità possa davvero diventare un inno alla vita.

MILANO

Dal 17 al 22 marzo 2009
Teatro Filodrammatici
P.zza P. Ferrari 6
Biglietteria: 02 36595671
www.teatrofilodrammatici.com

LEGNANO

24 marzo 2009
Teatro Sala Ratti
C.so Magenta 9
Biglietteria: 0331 892929
www.scenaperta.org

MONZA

Dal 16 al 19 aprile 2009
Teatro Binario 7
Via Turati 8
Biglietteria: 039 2027002
www.teatrobinario7.it

Alessandro Conte

ALESSANDRO CONTE

Diplomato all’Accademia dei Filodrammatici di Milano. Dal 1994 inizia il suo percorso artistico come interprete: Risveglio di primavera di F. Wedekind e I ritorni dalle tragedie di Euripide (regia di Guido de Monticelli); Gli indifferenti di A. Moravia (diretto da Claudio Beccari), Romeo e Giulietta e Antonio e Cleopatra di W. Shakespeare per la regia di Lamberto Puggelli. Letture di brani dell’Iliade per conto della facoltà di lettere dell’Università Statale di Milano. Interpreta I demoni e Delitto e castigo di F. Dostoevskij, La cosmetica di Amelie di A. Nothomb per la regia di Corrado Accordino. Realizza in monologo L’ultimo giorno di un condannato a morte di Victor Hugo. Partecipa a programmi televisivi e svolge attività di doppiaggio per la radio e il cinema.
Contatto: alessandroconte71@gmail.com

Copertina Conte

Giuseppe M. Conte, La melagrana ossia la disegualità
2008, 8°, pp. 144, 13,00

Libreria Editrice Urso, Collana Mneme n. 24
ISBN 978-88-96071-07-6,
13,00acquista


1
2  


cuda – copertina
Collana MNEMEacquistaMneme, Mnemòsine (… diva del cor maestra e della mente // e del caro pensiero custode e madre. Monti, Musogonia, 25 e segg.), la ricordanza, la memoria in lotta perenne nel nostro tempo, tra il dimenticare di ricordare e il ricordare di non dimenticare, mai.

  1. Giovanni Stella, Le Sirene e l’Isola, 1998, 8°, pp. 104, 13,00 – ISBN 978-88-6954-100-1
  2. Sebastiano Burgaretta, I fatti di Avola, 2008, 8°, pp. 142, 15,00ISBN 978-88-96071-08-3
  3. Antonino Caldarella, Santa Venera, 1983, 8°, pp. 120 – Esaurito
  4. Giuseppe Schirinà, La chiusa di Carlo, 1984, 8°, pp. 288,  12,00 – ISBN 978-88-6954-198-8
  5. Giuseppe Schirinà, Antinferno, 1989, 8°, pp. 160, 10,00
  6. Sebastiano Burgaretta, L’opera dell’uomo a Cava Grande del Cassibile, 1992, 8°, pp. 240, ill.,  25,00 – ISBN 978-88-96071-31-1
  7. Giovanni Stella, Sicilia terra mia, 1995, 4°, pp. 8 – Esaurito
  8. Giuseppe Schirinà, Nina, 1996, 8°, pp. 154,  13,00 – ISBN 978-88-6954-200-8
  9. Giovanni Stella, Gesualdo Bufalino vivo, 1996, 8°, pp. 11 – Esaurito
  10. Carmelo Giannone, Bbummi su…nun ti scantàri, 2000, 8°, pp. 128, ill.
  11. Sebastiano Burgaretta, Di Spagna e di Sicilia, 2001, 8°, pp. 208,  14,00 – ISBN 978-88-6954-099-8
  12. Giovanni Stella, Amici cari, 2000, 8°, pp. 120, ill.  13,00 – ISBN 978-88-6954-103-2
  13. Sebastiano Martorana, Ricordi di un tempo che fu, 2000, 8º, pp. 120 – Esaurito
  14. Nello Lupo, Don Lorenzo Milani prete e maestro, 2001, 8º, pp. 208, ill. – Esaurito
  15. Giovanni Stella, Il rigattiere e l'avventore, 2002, 8°, pp. 192, 13,00 – ISBN 978-88-6954-102-5
  16. Benito Marziano, Don Agostino Salvìa e altri racconti, 2002, 8°, pp. 112 – Esaurito
  17. Salvatore Di Pietro, I perché del nostro dialetto. Storia linguistica e sociale della Sicilia, 2006, 8°, pp. 208,18,00 – ISBN 978-88-98381-93-7
  18. Italico L. Troja, Alessandro Patti. Un esiliato di Weimar che perdette il suo cuore ad Heidelberg, 2007, 8°, pp. 80, € 12,00 – ISBN 978-88-6954-197-1
  19. Fernando Buscemi, Storia della Rebetika, 2006, 8°, pp. 128 – Esaurito
  20. AA.VV., Da Versi a Nina. Note di critica letteraria, 2006, 8°, pp. 164, 10,00 – ISBN 978-88-6954-199-5
  21. Salvatore Di Pietro, Nella valle dell’ozio – Racconti, 2008, 8°, pp. 176, 13,00ISBN 978-88-98381-93-7
  22. Italico L. Troja, La mia “prima etade”, 2010, 8°, 15,00 – ISBN 978-88-96071-23-6
  23. Corrado Zuppardo, Memoriale di un siciliano emigrato a Milano, 2010, 16°, pp. 96, 9,00 – ISBN 978-88-96071-28-1
  24. Giuseppe Conte, La melagrana ossia la disegualità, 2008, 8°, pp. 144, € 13,00 – ISBN 978-88-96071-07-6
  25. Benito Marziano, Juliette cara – Romanzo, 2009, 8°, pp. 160 – ISBN 978-88-96071-10-6 – Esaurito
  26. Cetty Stella, Dalla città reale alla città ideale – La città di Avola dopo il terremoto del 1693, 2016, 8°, pp. 48, 9,00 – ISBN 978-88-6954-107-0
  27. Nino Muccio, L'Ammiraglio e l'America, 2008, 8°, pp. 368, 25,00 – ISBN 978-88-96071-09-0
  28. Vincenzo Fiaschitello, Lo strano caso dell’abbazia e altri racconti, 2017, 8°, pp. 112, 13,00 – ISBN 978-88-6954-148-3
  29. Fulvio Maiello, Il crepuscolo della nobiltà, 2010, 8°, pp. 128, 13,00 – ISBN 978-88-96071-26-7
  30. Salvatore Salemi, La vita e l'opera di Teocrito Di Giorgio, 2017, 8°, pp. 80, 10,00 – ISBN 978-88-6954-147-6
  31. Giovanni Manna, Ombre di felici2016à, 2011, 8°, pp. 112, 12,00 – ISBN 978-88-96071-42-7
  32. Mauro Giarrizzo, La legislazione scolastica nel Regno d'Italia e la situazione nella provincia di Noto, 2011, 8°, pp. 200, 18,00 – ISBN 978-88-96071-32-8
  33. Autori Vari, Antologia Inchiostro e Anima 2010/2011 – Poesia, Teatro, Cinema in memoria di Antonio Caldarella, 2011, 8°, pp. 152 – ISBN 978-88-96071-02-1 – Esaurito
  34. Giuseppe Aloisi, Memorie di un navigante, 2010, 8°, pp. 152, ill., 13,00 – ISBN 978-88-96071-35-9
  35. Benito Marziano, Randagi – Sei racconti, 2011, 8°, pp. 88 – ISBN 978-88-96071-52-6 – Esaurito
  36. Giovanni Gangemi, Il papiro di Akhenaton, 2011, 8°, pp. 360, 25,00 – ISBN 978-88-96071-55-7
  37. Salvatore Di Pietro, Il cancello chiuso (Ingresso libero), 2012, 8°, pp. 80, 10,00 – ISBN 978-88-96071-92-2
  38. Enza Fiaschitello – Corrado Leone, Parrannu parrannu..., 2013, 8°, pp. 272, € 20,00 – ISBN 978-88-96071-94-6
  39. Eleonora Nicolaci, La famiglia Nicolaci di Noto (secc. XVI-XVIII), 2013, 8°, pp. 120, 12,00 – ISBN 978-88-98381-43-2
  40. Paolo Dipietro, Vampugghi (Piccole storie di periferia), 2013, 8°, pp. 120, € 12,00 – ISBN 978-88-98381-42-5
  41. Antonella Santoro, Azzurro, come i suoi occhi, 2014, pag. 108, € 10,00 – ISBN 978-88-98381-45-6
  42. Sebastiano Cugno, 1953-2013: sessant'anni di cinema a Noto – Analisi dei rapporti tra la capitale netina e il cinema, 2014, 8°, pp. 204, € 18,00, ill. – ISBN 978-88-98381-46-3
  43. Salvatore Di Pietro, Viaggi da fermo, 2014, 16°, pp. 250, € 12,00, ill. – ISBN 978-88-98381-98-2
  44. Corrado Morale, Miluzza – Trimau la terra, 2014, 8°, pp. 310, € 18,00, ISBN 978-88-98381-99-9
  45. Carmelo Dugo, Uno scorcio della nostra e della mia storia – Due anni di vita in Istria – 1943-1945, 2014, 8°, pp. 80, € 9,00 – ISBN 978-88-6954-000-4
  46. Veronica Sciacca, La cripta degli scheletri, 2016, 8°, pp. 94, € 11,00 – ISBN 978-88-6954-105-6
  47. Maria Suma, Piena di grazie – Quell'indimenticabile 10 luglio 1943 (Racconto), 2016, 16°, pp. 56, € 8,00 – ISBN 978-88-6954-106-3
  48. Corrado Morale, Il segreto della Badia, 2016, 8°, pp. 328, € 19,00 – ISBN 978-88-6954-109-4
  49. Corrado Carbè, Compagni di viaggio (Racconti), 2017, 8°, pp. 136, € 13,00 – ISBN 978-88-6954-149-0
  50. Vincenzo Fiaschitello, Racconti attorno al Mediterraneo e anche oltre, 2017, 8°, pp. 136, 13,00 – ISBN 978-88-6954-151-3
  51. Di Giorgio Teocrito, Le manette (Dramma in tre atti), a cura di Maria Suma, 2018, 8°, pp. 56, 10,00 – ISBN 978-88-6954-189-6
  52. Vincenzo Fiaschitello, La costola di Adamo e racconti vari, 2018, 8°, pp. 150, 14,00 – ISBN 978-88-6954-190-2
  53. novitàBaldassare Cuda, Avola da casale a città – I banni baronali, 2018, 8°, pp. 208, 18,00 – ISBN 978-88-6954-192-6
libri acquista
EVENTI E ACCADI...MENTI DA SEGUIRE
GIORNO PER GIORNO

 NOVITA' NELLE NOSTRE PAGINE
Libreria Editrice Urso
e-mail
info@libreriaeditriceurso.com per informazioni Acquista Offerte del mese Novità del mese
sito internet
http://www.libreriaeditriceurso.com
libri acquista
 clicca sulla copertina
per saperne di più
Araba
Fenice
Poesia
della
settimana
Poeti e poesia Novità Edizioni Urso Catalogo Edizioni
Urso
Mneme Giovani scrittori Urla la tua
opinione
Archivio amici
artisti
Libri in
stampa
Novità in libreria
iscriviti alla ''Mailing List''
Archivio
nostri autori
Icono-
grafica
Concorsi letterari Link utili
Schede libri sulla Scuola Mafia?
No, grazie!
Collana
OPERA PRIMA
Libri viaggi turismo tempo liberato libri per tutti i concorsi Libri di cultura varia DIZIONARI

Urso-Avola

SEGNALA il nostro sito

il nostro sito